Doc Omosessuale ed omosessualità repressa

Questo articolo è la terza parte di una trilogia di pubblicazioni che trattano del Disturbo Ossessivo Compulsivo Omosessuale. Puoi trovare qui le altre due parti:

In questo documento parlerò di una delle domande più temute da chi soffre di questo tipo di Disturbo Ossessivo: “Il mio è veramente Doc Omosessuale oppure si tratta di omosessualità latente o repressa?”

Cosa è l’omosessualità latente

Cerchiamo di capire che cosa è la omosessualità latente ripulendo questo concetto da tutte le idiozie che si trovano in rete, sui giornali scandalistici e nelle frasi di chi evidentemente è poco informato.

In giro su Internet si trovano informazioni che parlano dell’omosessualità latente per indicare un orientamento omosessuale della quale non si ha consapevolezza e che opera al di sotto dei livelli di coscienza.

Documenti e video sul Disturbo Ossessivo Compulsivo

Si fa riferimento al caso della persona che si è sempre percepita come eterosessuale, ha avuto esclusivamente relazioni eterosessuali (magari è fidanzata o sposata) e improvvisamente scopre di essere gay. In TV e sui giornali si sentono spesso di personaggi famosi che di punto in bianco fanno “coming out”.

Ovviamente chi ha l’ossessione di essere omosessuale legge queste cose e và in panico totale e comincia a compulsare.

Ebbene, devo darti una notizia molto importante: tutto ciò è una  BALLA COLOSSALE.

Non esiste l’omosessualità latente! Non esiste una versione segreta di te stesso pronta a venire fuori all’improvviso. Non esistono “chiamate” alla sessualità gay, simili alla chiamata per vocazione religiosa, che spuntano così, da un giorno all’altro, dopo anni e anni di matrimonio o rapporti eterosessuali profondi o comunque dopo una vita di costante masturbazione eterosessuale (eventuali esperienze avute con amichetti durante l’infanzia o pubertà sono diffusissime e NON rappresentano segnali di tendenze omosessuali)

La verità è chi è omosessuale sà di esserlo. Non gli viene minimamente il panico a pensare questa frase. Non và a cercare a sintomi. Non ha la paura o il dubbio di esserlo o di poterlo diventare. Lo sà da sempre. Così come chi è etero sà perfettamente di essere etero. Non deve leggere la definizione di “eterosessuale” o investigare su come si comportano gli eterosessuali per sapere di esserlo. Lo sà e basta.

Chi dice di essersi svegliato gay a 40 anni mente sapendo di mentire (guarda caso lo fa sempre sui giornali scandalistici, ricavandone un bel po’ di grana)

Doc Omosessuale e Omosessualità Repressa

Perché allora si sente così spesso parlare di omosessualità latente? Fondamentalmente perché si fa una grande confusione con un altro tipo di concetto, che è quello della repressione del proprio orientamento sessuale.

Quando si dice che un ragazzo “si è scoperto gay a 25 anni” si intende che quel ragazzo ha accettato la sua omosessualità a 25 anni. Ma deve essere chiaro che lo sapeva da ben prima. L’orientamento sessuale ha origini molto lontane e le sue prime manifestazioni sono molto precoci, poi matura piano piano attraverso la masturbazione durante l’adolescenza, ma nella sostanza è chiaramente definito già a 13/14 anni (e no, tu non sei l’eccezione che conferma la regola, anche se il Doc magari te lo può subdolamente suggerire)

L’omosessualità repressa è allora il tentativo messo in atto da persone omosessuali (che sanno perfettamente di esserlo) di modificare i propri comportamenti per adattarsi a quello che la società si aspetta da loro. In alcuni casi, questo implica la scelta consapevole di vivere uno stile di vita eterosessuale come un modo per evitare le conseguenze negative (professionali, culturali, sociali ecc…) del  manifestare apertamente il proprio orientamento omosessuale (ampiamente conosciuto a se stessi) benchè questo vada fortemente in contrasto con la propria preferenza.

Per chiarire al meglio questo punto ti propongo un ragionamento al contrario. Riesci ad immaginare cosa possa significare non accettare la tua eterosessualità? No, ti sembra assurdo, perché essere eterosessuale è la tua natura.

Puoi comprenderlo solo immaginando di vivere in una società prevalentemente omosessuale. Ti renderesti conto che essendo eterosessuale saresti diverso dagli altri e manifestando questa diversità correresti il rischio di diminuire la tua qualità della vita. Ma tu sapresti bene di essere eterosessuale!! Non ci sarebbe nessun dubbio e lo accetteresti pienamente. Quello che non accetteresti è di dover sopportare una vita come “diverso” con tutte le conseguenze che ne derivano.

Doc Omosex vs Omosessualità

Una volta ho trovato questa intervista in lingua inglese e la ho tradotta. Leggila con attenzione: è ESTREMAMENTE INTERESSANTE. E’ stata fatta ponendo una serie di domande a 4 persone, 2 uomini e 2 donne, due sofferenti di Doc omosex e due omosessuali dichiarate.

D: Quando hai iniziato a chiederti se fossi gay? Quanti anni avevi? Quale occasione ha fatto scattare la domanda? 

Doc omosessuale 1

D: Quando hai iniziato a sospettare di essere gay, cosa hai provato? 

Doc omosessuale 2

 D: Quanto è durata la riflessione per capire se erì gay o no?

Doc omosessuale 3

 D: Quando ti immaginavi in rapporti intimi con persone dello stesso sesso, che emozioni provavi?

Doc omosessuale 4

 D: Vorresti o hai mai voluto essere gay?

Doc omosessuale 5

 D: Hai mai avuto pensieri ossessivi o altri disturbi d’ansia diagnosticati?

Doc omosessuale 6

 D: Ti senti più attratto dal sesso opposto o il tuo?

Doc omosessuale 7

Come è possibile comprendere, c’è una differenza abissale tra chi soffre di ossessioni a sfondo omosessuale e chi è veramente gay. La sofferenza dei primi è violenta ed insanabile, dovuta ad una totale incompatibilità ed estraneità dei pensieri ossessivi verso quella che si percepisce istintivamente come la propria natura più profonda. Nel secondo caso invece la sofferenza nasce dal contrasto tra la propria Natura, evidente aldilà di ogni dubbio, e la società tendenzialmente non favorevole a quell’orientamento.

Documenti e video sul Disturbo Ossessivo Compulsivo

Conclusione

Il Disturbo Ossessivo Compulsivo Omosessuale è una cosa totalmente diversa dall’omosessualità. La cosa paradossale (come in tutti i Doc) è che capita proprio alle persone che più delle altre vorrebbero una vita sessualmente e sentimentalmente appagante con il sesso opposto. Persone che magari sono sempre state timide, chiuse, con grossi problemi di approccio al sesso opposto, che lo hanno sempre desiderato segretamente, senza osare, sperando magari in un sorriso mai arrivato. Oppure a persone che vorrebbero un buon rapporto con il sesso,  che non riescono a viverlo liberamente ed in modo spontaneo. Persone sensibili, profonde, che ad un tratto vengono trafitte da una domanda, silenziosa e letale, che li inchioda al muro a lungo e dolorosamente.

Eppure… eppure dentro di sé il docker sa perfettamente, che la sua natura è totalmente eterosessuale. Lo sa perché quando il Doc abbassa la guardia e l’ansia gli dà pace, tutto appare chiaro.

Come uscire dal Doc Omosessuale allora?

Cominciando a smetterla di prendere per vere tutte le fesserie che il Doc ci propina.

Perchè lo farà, continuerà ancora ed ancora, questo è certo. Ci riempirà di dubbi e di paura. Ci farà percepire altri “colpetti”, “pseudoattrazioni” e “movimenti alle parti basse”. Magari ci farà credere che questo articolo è falso, che siamo il caso su un miliardo, che forse è la nostra vita precedente ad essere sbagliata…

Ma noi cominciamo a conoscerlo, il nostro avversario.  Iniziamo a vederne le strategie ed i meccanismi e ad intuire la direzione da cui arrivano i suoi colpi bassi.

E possiamo decidere di non farci abbindolare un’altra volta, e di non seguirlo nell’ennesima trappola. Possiamo decidere di non fare sempre gli stessi errori, di fare qualcosa di nuovo: non compulsare, non cercare rassicurazioni, non cercare altre informazioni.

Sarà dura, non lo nego. Però possiamo stringere i denti ed aspettare che la tormenta passi. Perché passerà, anche questo è certo.

E se ci saremo riusciti, avremo fatto un  passo molto importante sulla strada della guarigione.

Che ne dici?

  • Avatar Anonimo ha detto:

    Lucio mi capita spesso durante i momenti in cui c’è meno ansia di chiedermi “ecco e se ora avessi accettato il contenuto dell ‘ossessione e proprio per questo sto bene con me stesso? , mentre altre volte sopratutto durante attività fisica vedo tutto chiaro e normale , ovvero come era prima che il DOC iniziasse” (cosa che dura per qualche secondo fino ad ora )
    Sono sicuro del fatto che sia un disturbo d’ansia dato che dal momento in cui tutto è iniziato ho avuto : drastica riduzione dell’appetito, mi stanco molto più facilmente a fare qualsiasi cosa, poca voglia di uscire, poca voglia di fare cose che prima mi piacevano, metabolismo più lento , difficoltà di concentrazione ecc..
    Come devo comportarmi riguardo alla prima domanda del commento? , perché veramente non ci si sente “né carne né pesce”

    • Avatar Alessio ha detto:

      Ciao Anonimo,la risposta te la sei già data…quando scrivi nei momenti in cui faccio attività fisica e vedo tutto come prima del doc.

      Cosa possiamo dedurre da ciò ? Se impari a tollerare l’ansia ,sei in grado di vedere la realtà così come essa è. Il doc è il frutto di una percezione distorta della realtà e si ausilia dell’ansia. Imparare a non compulsare significa abbassare il livello d’ansia che le ossessioni generano e di conseguenza ritrovare la percezione corretta di sé e del mondo reale

    • Lucio Odisei Lucio Odisei ha detto:

      Ciao,
      quella domanda è tipica delle fasi medio-avanzate del DOC. Alcuni la chiamano “la porta sul retro dell’ossessione”. Quando per mesi sei stato “salvato” dall’ansia, che era la dimostrazione che i pensieri serano falsi, nel momento in cui grazie alla cura cominci a non avere più l’ansia il Doc tenta di fregarti con la classica frase “se non ho più ansia allora…”.

      In realtà è l’ennesima distorsione, un passaggio che và superato. Conto di scriverci un articolo prima o poi.

      In ogni caso è l’indifferenza la vera Via Maestra. Quando avremo indifferenza nei confronti dei pensieri ossessivi (e indifferenza anche relativamente al fatto che non proviamo più ansia nei loro confronti), saremo davvero a buon punto.

      • Avatar Bruno ha detto:

        Ciao ho 17 anni e fino a due mesi fa mi sentivo etero al cento percento. Io per la mia enorme timidezza non ho mai baciato una ragazza e purtroppo non ho quasi mai avuto rapporti anche solo di amicizia con il sesso opposto anche se ho sempre sognato e desiderato di fidanzarmi con una bella ragazza che ricambiasse la mia attrazione. L’unica esperienza di tipo sessuale che ho avuto è durata per circa due anni ed è stata con un mio amico che conoscevo da quando ero piccolo. Non abbiamo mai avuto nessun rapporto sentimentale ma ci toccavamo e masturbavamo a volte anche in maniera orale a vicenda. Durante questi avvenimenti con lui io continuavo a non avere dubbi sulla mia sessualità e la mia masturbazione era al 95 percento etero. Due mesi fa però è arrivata la fatidica domanda e da lì non riesco più a stare sereno e sto male e non guardo più le ragazze come le guardavo prima. Può essere che tutto questo è accaduto per la mia mancanza di rapporti con l’altro sesso dovuti alla timidezza e all aver conosciuto “sessualmente” solo il mio amico?

        • Avatar Paolo ha detto:

          Ora ti scrivo col mio vero nome per essere più trasparente e per sentirmi più a mio agio. Spero di avere una tua risposta al più presto perché non c’è la faccio più.

          • Avatar Vin ha detto:

            Ciao Paolo oppure Bruno. Non so se ti hanno risposto in qualche modo e spero che tu stia bene e che tu sia felice in questo momento! Se ti stai ancora facendo delle domande, il mio consiglio è quello di lasciar perdere le questioni di DOC e leggere invece qualcosa su una cosa che si chiama Omofobia Interiorizzata.
            Non è una malattia ma è la spiegazione sociale al senso di preoccupazione che le persone possono vivere quando sono attratte da persone del proprio sesso.
            Quanto a te, se hai avuto esperienze con il tuo amico e ti è piaciuto e se nello stesso tempo continuano a piacerti davvero le ragazze, potresti essere bisessuale. Questo non fa di te una persona strana, ma solo una persona molto libera da pregiudizi.
            Stessa cosa se sei attratto soprattutto dai ragazzi e un certo punto magari vorrai definirti gay, e allora? O magari ti scopri innamorato del tuo amico che, a proposito, è come e te, quindi siete già in due. Insomma non preoccuparti di avere un qualche disturbo. Divertiti, stai bene e se hai bisogno di sostegno cerca degli amici o uno psicologo non omofobo .

          • Avatar Nicola Rubiu ha detto:

            Ciao Vin, perchè saresti arrivato a questa conclusione se eventuali esperienze omosessuali in età adolescenziale non sono sintomi di tendenze appunto omosessuali?.

      • Avatar Matteo ha detto:

        Grazie per i tre articoli!! Ho 18 anni e mi è sopraggiunto da poco questo disturbo, che penso è collegato al ritiro sociale e scolastico (ho sospeso la scuola in quarto), alla fobia sociale, agli attacchi di panico e ad una relazione finita male. Menomale che ci sei stato tu, perché essere gay è proprio l’ultima cosa che vorrei (senza offendere). GRAZIE ANCORA MI HAI CHIARITO TUTTE LE PARANOIE!

  • Avatar fabio ha detto:

    ciao a tutti, ho scritto qualcosa su di me nel post precedente infatti io da ragazzino ero assolutamente attrratto dalle ragazze ma la mia natura ansiosa come mio padre e mia madre, era già presente, e avevo aspetti del doc da simmetria e numeri già a 13/14 ANNI forse anche prima! morale grande eccitazione con le ragazze e tutto ok fino al petting anche spinto ma al momento dell’atto completo ansia ansia…. voi capite erano i primi anni 80 non era facile nel frattempo come dice lucio ci erano stati dei contatti con alnuni compagni ma riferibili a cose che accadono nell’adolescenza. avevo una forte ansia da prestazione, però dopo2 /3 tentativi cominciai a compulsare fare prove, vedevo che ero attratto dalle ragazze ma non avevo piu il coraggio di provare, li sono iniziate le ossessioni forti e pur di non sentirle ho fatto uso di droga, alcool, e compagnia bella. a 23 anni conobbi quella che sarebbe diventata mia moglie grande attrazione, e in questo caso qualcosa di più, la sera che decidiamo di fare l’amore ero in preda al panico!! tanto sono gay non cè la farò ecc…. e invece ecco x la prima volta ci riesco! molto grazie anche alla sua dolcezza e pazienza. bene dal quel momento ho ripreso il tempo perso, avevo rappori tutti i giorni e piu volte al giorno! la relazione è continuata e stavo da dio mai più un pensiero, ho un ossessione legata al mio problema niente scomparso!! a 32 anni abbiamo avuto una figlia che adoro, e poi come succede a tante coppie dopo circa 10 anni abbiamo avuto un momento di crisi, vuoi la routine, e altri problemi vari, ci siamo un pò distaccati e per la prima volta dopo 10 anni si è rifatta viva l’ansia, naturalmente la mia natura di base era un pò quella, e si è ripresentato il problema che avevo da ragazzo, 2/3 volte ed ero entrato di nuovo nel lup, dei pensieri ossessivi, l’errore che ho commesso allora è stato di non rivolgermi ad un esperto, solo l’andrologo ma ovviamente tutto ok, abbiamo sbagliato entrambi a non approfondire, perchè io mi sono chiuso dentro le mie paure di nuovo e lei si lentamente distaccata da me, fino alla separazione avvenuta ormai da molti anni. dunque a quel punto è subentrata la depressione i farmaci un periodo molto brutto, anche il distacco da mia figlia è stato molto doloroso. x tre anni non ho avuto nessun tipo di relazione troppa paura ma il doc omx si rinforzava sempre più, un incubo!! ho perfino pensato di fare una prova con una persona del mio sesso, ero come in preda a un delirio dovevo perchè era la cosa da fare e io come ha scritto lucio sono uno di quelli che si è spinto oltre due esperienze avute non rapporti completi solo la curiosità, bè inutile dire che poi sono stato peggio non mi ci vedo con un uomo, non mi attrae eppure ossssioni su ossessioni, morale evitamento di qualsiasi relazione e conseguente frustrazione, fino 2 anni fà inizio una relazione con una mia coetanea io sono vecchietto ho quasi 49 anni sob! e funziona primi mesi tutto ok poi rinizia di nuovo il disturboi pensieri ecc… sto lottando con tutte le forze x non dargliela vinta di nuovo ho aggiunto una forma di meditazione, x l’ansia, aspetto notizie in riguardo da lucio, va meglio se non altro lotto!! scusate sono stato prolisso. un grande saluto a lucio e a tutti voi

    • Lucio Odisei Lucio Odisei ha detto:

      Ciao Fabio, prima di tutto sappi che non esiste una età per prendere il controllo della propria mente.
      Sei più che in tempo per riprenderti la tua vita con gli interessi 😉
      Però ci vuole molto lavoro, anche perchè è evidente che il tuo problema viene da lontano (quegli episodi di Doc a 13/14 anni…)
      Stai seguendo una terapia?

      • Avatar Anonimo ha detto:

        Ho fatto tcc x un anno e ci sono stati miglioramenti, più consapevolezza il mio problema sono le ricadute sia nel sesso , che già da sola basta!! Sia quando devo affrontare momenti stressanti dovuti a avvenimenti brutti diciamo cosi ma la vita è questa! Come ho scritto nel post successivo, cerco di imparare l arte del respiro, attività fisica, ecc… ma come hai scritto te Lucio il anzi i miei Doc arrivano da molto lontano!! Ho vissuto praticamente senza disturbi l x 10 anni , devo mirare ad altrettanti. Grazie un saluto

        • Avatar fabio ha detto:

          Non avevo messo il nome

        • Lucio Odisei Lucio Odisei ha detto:

          Le ricadute fanno parte del gioco. Ed è continuando a rialzarsi che si sviluppa quel coraggio e quella forza interiore che ci consente di goderci la vita.
          Sono d’accordo sui tuoi 10 anni da affrontare senza disturbi. Anzi facciamo 20 😉

          • Avatar ENRICO ha detto:

            GRAZIE,mi hai tolto un po di ansia con i tuoi articoli! da qualche anno soffro di doc omo, e mi ha dato tanti problemi e sofferenze…non riesco a scaricare il libretto sulla gestione dell ansia…GRAZIE ANCORA X IL TUO LAVORO!

          • Avatar Margherita ha detto:

            Ciao a tutti,mi chiamo Margherita e ho 16 anni. Fin da quando avevo 7/8 anni avevo tantissima paura di vomitare. C’è stato un periodo in cui era il mio unico pensiero e avevo sempre paura di dover vomitare. Dopo circa 2 mesi mi è passato,ma è tornato quando avevo circa 14 anni e avevo anche smesso di mangiare proprio perché pensavo che così non avrei potuto vomitare,ma la conseguenza è stata che sono finita in ospedale. Finalmente dopo questo periodo,la paura è andata via e ora non ne soffro più. Quest’estate però,ho avuto un altro problema:mi vedevo grassa,mi facevo schifo,tutte le mattine mi pesavo e mi guardavo allo specchio per paura di essere ingrassata,non uscivo con le amiche per paura di dover andare in un ristorante e quindi mangiare la pizza,perché pensavo che mi avrebbe fatto ingrassare. Avevo delle vere e proprie crisi,i miei genitori volevano anche portarmi dallo psicologo,l’unica cosa che facevo quando uscivo di casa era guardare le altre ragazze per cercare anche in loro un difetto,qualcosa che mi facesse sentire “meno sbagliata” ecc…guardando le ragazze,(ma non per attrazione fisica o perché mi piacessero)ho iniziato a pensare “e se mi piacessero le ragazze?”,quindi la mia “ossessione di essere grassa” e’ andata via ed è arrivata questa. Ormai è più di un mese che ci penso e la situazione sta diventando veramente insopportabile. Tutte le volte che vado a scuola guardo sempre tutte le ragazze per cercare di capire se provo attrazione ecc… Cerco sempre delle risposte,anche su internet. Cerco sempre di calmarmi e per circa 2/3 minuti sto bene,poi però ricomincio a mettermi alla prova e inoltre ho sempre delle immagini nella mente ,( che non mi piacciono per niente) di me che mi bacio con una ragazza e la cosa non mi piace per niente. Vorrei solo tornare alla mia vita di prima,anche perché mi sono accorta che una sera,quando non ci stavo pensando,mi “piaceva” un ragazzo e ci sono anche rimasta male quando lui è andato via,perché speravo rimanesse lì con me. Poi adesso mi piace anche un mio compagno di classe,ma non riesco a concentrarmi a pieno su questa cosa perché la paura e l’ansia hanno la meglio. Ho sempre desiderato di avere una famiglia con dei figli,un marito che mi ama,ecc… Ho veramente tanta paura…

  • Avatar Claudio ha detto:

    Ciao Lucio , ho letto tutte e tre le parti di quello che hai scritto e volevo chiederti un parere sul mio caso …
    In pratica io sono 5 mesi che non vivo più .
    Tutto cominciò con un sogno a sfondo omosessuale e il risveglio fu’ bello traumatico e da quel giorno iniziò il mio calvario , giorni su giorni , mesi su mesi con l’interrogativo ” ma non è che sono gay ? ” , passavo le giornate spento come pochi , a fare test su test , tanto che non vedevo l’ora che la giornata finisse per andare a dormire .
    La cosa più brutta era che da quel giorno ogni ragazzo di bell’aspetto che vedevo mi provocava un’ansia immensa , mi sentivo come attratto .
    Invece ora mi sono fissato solamente su un nuovo compagno di classe , quando ci sto’ a contatto sento un’ansia gigantesca ( batticuore , rossore al viso , nodo alla gola , voglia di scappare ) , cose che prima che avessi la “fissa” di essere gay non avevo mai avuto nei confronti di un ragazzo ( e di ragazzi oggettivamente belli ne ho conosciuti nel corso della mia vita , ma non mi provocavano nulla , le ragazze invece mi eccitavo solo a sfiorarle e se mi piacevano di certo non mi facevo problemi a stare a contatto con loro e di vederle ) , la fissa per questa persona è cominciata quando non sentivo più l’ansia e l’angoscia nel vedere i ragazzi , ma come sempre ( coglione psicopatico che sono ) mi sono domandato ” ma forse non la sento più perché mi piace il nuovo compagno di classe ? ” e da lì ( premetto che già conoscevo questa persona da due settimane e prima non mi trasmetteva nulla ) sono cominciate le paranoie estreme , immagini intrusive di lui che mi provocano una voglia di sbattere la capoccia al muro , perché mi si presentano in tutto l’arco della giornata , dalla mattina alla sera , ci sono giorni che mi si presenta di più e giorni che mi si presenta di meno ( come se davvero fossi innamorato / cotto di lui , ma io quando ero innamorato / cotto di una ragazza sentivo il pensiero come piacevole ) .
    Non so’ più cosa pensare , sembra che davvero sono innamorato di lui , ma la sensazione mi da’ il volta stomaco .
    Sento un vuoto dentro che nemmeno vi puoi immaginare , sembra persino che le ragazze non mi interessano più ( anche se quando le vedo noto sempre il loro fascino ) , ho come la paura di essere un omosessuale che scopre di esserlo in tarda età , io ho 22 anni , come è possibile tutto questo ?
    p.s. Non ho mai avuto un’erezione alla vista di un porno gay o a contatto con un uomo , ho avvertito solo i “colpetti” della pseudo eccitazione , di solito quando pensavo ” e se mi eccito ? ” .

    • Lucio Odisei Lucio Odisei ha detto:

      Beh la tua situazione è molto simile a quella della maggior parte di coloro che soffrono di questo tipo di Doc.
      I meccanismi sono chiari e li ho descritti.
      Però finchè continui a concentrarti sul contenuto invece che sui meccanismi, la situazione non cambierà granchè…

      • Avatar Simone ha detto:

        Ciao Lucio, cosa intendi per “Però finchè continui a concentrarti sul contenuto invece che sui meccanismi, la situazione non cambierà granchè…”….anche io sto passando la stessa situazione…iniziata in modo generale, poi si è focalizzata su una persona in particolare.

  • Avatar John ha detto:

    Ciao Lucio, per prima cosa complimenti per il tuo blog, l’ho trovato per caso in un momento d’ansia dopo le vacanze natalizie, passate tra l’altro malissimo.
    Ho 29 anni e da poco più di 3 anni soffro del doc di cui hai sofferto tu, con una parentesi di quello pedofilo, mi sono ritrovato punto per punto con la tua esperienza, la condizione in cui sono ora la definirei dignitosa ma non sono guarito, ultimamente più che l’ansia il sentimento preponderante è il rancore e la rabbia, il mio orgoglio è stato annientato e mi sento umiliato e frustrato,tutti quei pensieri, quelle immagini egodistoniche, i primi tempi spiazzato com’ero ho fatto l’errore di parlarne con le persone sbagliate, in conseguenza di ciò mi sono completamente esaurito cadendo in una profonda depressione, sono consapevole dell’assurdità di tutto quello che mi è successo ma non riesco a farmene una ragione, ho veramente il sangue avvelenato. Ho bisogno di perdonarmi e “rinascere”, mi è sempre piaciuta la mia onestà intellettuale e ora è andato tutto a farsi benedire, senza raccontarti i dettagli del perché e percome, tutto si è scatenato in un periodo in cui avevo l’autostima sotto i piedi, ricordo benissimo, inoltre circa 2 anni prima mi era stato diagnosticato il disturbo d’ansia, non riuscivo a dare più esami all’università e non capivo bene il perchè, ecco sottovalutai molto quella diagnosi (va bè si sono ansioso, amen mollo l’università che non fa per me). Ora sono molto stanco ed ero quasi rassegnato, i fumi della depressione li ho ancora purtroppo ma il tuo blog mi ha dato una speranza, sono rimasto colpito dalla tua esperienza con la meditazione, vorrei farla seriamente ma ho bisogno di andare a colpo sicuro, volevo chiederti se il tuo maestro di meditazione può consigliarmene uno che sta nella mia città, sto avviando un’attività commerciale e ora non posso permettermi di fare anche anche la psicoterapia. Mi sono informato molto sulla natura di questo disturbo e razionalmente tutto combacia, ma ho un’autostima da ricostruire e questa situazione benchè migliore non la voglio più, sono disposto di nuovo a ributtarmi nel fango. Avrei bisogno che tu mi contattassi privatamente solo per la mia richiesta del maestro di meditazione, non mi va di mettere qui la città in cui vivo ecc ecc.
    Un abbraccio a te e tutti gli utenti di questo blog.

  • Avatar fabio ha detto:

    salve a tutti, un saluto a lucio, una domanda che sembrerà banale quando ansia o rabbia si fanno insopportabili ho notato che il movimento e l’attività fisica mi servono x scaricare tutta la tensione accumulata, purtoppo al momento non mi posso permettere una palestra, figlia che deve andare all’università ed altre spese che immagino puoi capire! anche se come dici nel post: 5 comportamenti da evitare. n.2 non mettersi al primo posto! è una vita che non lo faccio, ho cmq da molto tempo, in questo momento è veramente difficile la palestra, x sfogare la tensione: camminare tanto, ciclette, prendere a pugni i cuscini, è ok? forse incazzarsi e prendere a pugni i cuscini oltre che infantile è um modo x respingere non accettare, corretto? meglio camminare e ciclette e respirazione giusta!! un grande saluto.

    • Lucio Odisei Lucio Odisei ha detto:

      Guarda lo sport è veramente fondamentale e ne parlerò prossimamente.
      Si va bene ogni attività fisica purchè ti porti alla fine ad essere molto stanco.
      Corsa più ginnastica fatta a casa va benone, ma fatta bene con costanza.
      Pensa che io mi ero comprato un sacco da boxe…
      Dare pugni ba benissimo per sfogare!!

      • Avatar Anonimo ha detto:

        Mm.. grazie Lucio mi piacerebbe il sacco da boxe ma alla mia “età” in più fumo:( non vorrei rimanerci scherzo, l idea di scaricare tensione è da portare avanti cmq. Un saluto a te e a tutti gli altri utenti

        • Lucio Odisei Lucio Odisei ha detto:

          Ehm non per dire ma sei ancora nel pieno degli anni.
          Non è mai troppo tardi 😉

          E non è mai troppo presto per smettere di fumare!!
          Un saluto

      • Avatar Anonimo ha detto:

        Volevo ringraziarti sono emanuela e soffro di ossessioni da quando avevo 14 anni

  • Avatar pietro ha detto:

    ciao lucio io non capisco una cosa da quando ho il doc io sn cambiato la mia intera vita e cambiata sn assente vuotooo non ho emozzioni puo essere poi cm faccio a sapere se e doc o meno nonostante 2 diagnosi e cm si fa a sapere se le falsi attrazzioni cm dici tu sn false io mi sento inferiore a tutti ho 2 fiflie non penso a niente ho parlato con la mia partner e mi sento uno schifo per questo chissa cosa pensera questa paura lo ha avuta da piccolo il dottore ha detto che era gia strutturato il disturbo che poi e scoppiato io jo avuto solo e tante ragazze ero un porco cm possibile che mi ritrovo cosi ora chiedevo sempre rassicurazzioni mi masturbo no per piacere ma per vedere non ho libido cm e una volta e cambiayo tutto

    • Lucio Odisei Lucio Odisei ha detto:

      Il problema è continui a voler sapere se è Doc o no.
      Guarda questo articolo:
      Sei incastrato nello step 2, alla seconda fase. Finchè non superi quella non puoi proseguire oltre.
      Dovresti fare una cosa: decidere che non è Doc e fare di tutto per liberartene.
      Non è quello che vuoi? Non ti piacerebbe una vita senza sto schifo di Doc?

  • Avatar pietro ha detto:

    certo vorrei la mia vita di prima certissimo lucio io ero un figlio di buona mamma mi vedo tutto scemo sn com un andicappato sn passati quasi 2 anni poi non vedo piu le donne attraenti e tutto centrato su questa cosa non mi sento maschio e cambiato tutto ho vergogna ecc mi hanno assicurato che e doc ho 25 anni ho 2 figlie voglio vivereeeeeeeeeeeeeee c e la speranza di tornare il pietro di una volta cmq grazie ti ammiro sei un grande

    • Lucio Odisei Lucio Odisei ha detto:

      Ciao Pietro,

      non mollare mai! Questa è la regola numero 1.
      Non mollare e prima o poi troverai il modo di scardinare le logiche del Doc!

      A presto!!
      Lucio

  • Avatar gianni ha detto:

    Eeh che fatica,sono in un momento di lucidità e mi sento veramente un cretino,e non sono l’unico a quanto pare.
    Io sto affrontando questo doc con la tbs (terapia breve strategica) che per ora sta dando i suoi frutti: gli attacchi d’ansia sono diminuiti drasticamente, per quanto riguarda il doc,va a giorni. A volte riesco a dirgli ”fuori dalle palle,cretino”, altre mi atterra. Però, almeno, ho ripreso a fare l’amore con la mia compagna senza preoccuparmi per ore ed ore prima di incontrarla, ma con una certa naturalezza. È ovvio che preferirei non avere questo disturbo,ma mi è toccato e spero di superarlo al più presto,anche perché sto pensando di mettere su famiglia,ed è una bella scocciatura immaginare il mio futuro con questo fantasma a farmi compagnia. Quel che ancora non ho trovato nei vari forum è un guarito che dice ”ragazzi,fatevi forza, l’ho superato al 100×100” e mi scoraggia un po’.
    È la prima volta che scrivo la mia esperienza in un forum e l’ho fatto perché trovo questi articoli davvero esaurienti.

  • Avatar Daniele ha detto:

    Ciao Lucio, anzitutto complimenti per il lavoro e la preziosa esperienza che metti a disposizione di tutti. Purtroppo sono uno dei tanti capitati in questo inferno, questa ossessione va avanti ormai da quando avevo 25 anni(oggi ne ho 31), e ho persino paura di testarmi con la fantasia temendo che possa piacermi…ho letto molte cose su questo disturbo, e benchè non sia mai stato omofobo in passato, adesso ho il terrore delle persone gay perchè temo ci possano provare e da una parte sento l’istinto a cedere, pur con tanta tanta angoscia dentro.
    In compenso nei momenti spensierati sono sempre stato spigliato e brillante con le ragazze, che mi sono sempre piaciute, anche se per paura mi sono bloccato spesso rimando di fatto un “inseperto” con l’altro sesso.
    Attualmente mi sto curando con dei farmaci che forse dovrei cambiare, ma per quanto terrore abbia indosso cerco di frequentare altre persone anche se mi è difficile aprirmi su certe cose, specie se penso che qualcun altro si ritrova nella mia stessa situazione magari si innamora di me…un inferno a due.
    Spero di uscirne anch’io un giorno

    • Lucio Odisei Lucio Odisei ha detto:

      Ciao Daniele,
      continua così a non evitare. E’ fondamentale non richiudersi in se stessi.
      Avere un pò di omofobia quando sia ha il doc omosessuale è il minimo…
      Tra l’altro non è vera omofobia, come quella descritta nei telegiornali.
      E’ più una fobia ossessiva, a prescindere dal contenuto.
      So bene cosa si prova, a vedere pericoli dappertutto 😉

      In compenso nei momenti spensierati sono sempre stato spigliato e brillante con le ragazze, che mi sono sempre piaciute, anche se per paura mi sono bloccato spesso rimando di fatto un “inseperto” con l’altro sesso.

      Io lavorerei sul cercare di diventare un “esperto”.

      😉

      • Avatar Daniele ha detto:

        Vorrei sapere che ne pensi della bisessualità…se è solo uno stile di vita preso con leggerezza(cosa non adatta a chi è moralista) oppure un tentativo di fare chiarezza seguendo strade non conformi al proprio orientamento naturale per capire cosa piace veramente anche se la risposta dovrebbe essere all’apparenza scontata?
        Ciao Lucio

        • Lucio Odisei Lucio Odisei ha detto:

          E’ un discorso estremamente complesso, che tocca una molteplicità di aspetti biologici, psicologici, morali e sociali.
          Però questo blog non è la sede per discuterne. 🙂
          L’importante, ai fini del Doc, è che “provare” la bisessualità non sia un test.

          • Avatar Daniele ha detto:

            Il problema è che l’impulso affettivo(più che sessuale nel mio caso)è molto forte in certi momenti, anche se la mia identità di base respinge categoricamente una tale scelta, allora cerco di indagare i motivi di tale attrazione. Da una parte sono molto rigido, dall’altra molto debole e impaurito di fronte a questi pensieri.
            Dani

          • Lucio Odisei Lucio Odisei ha detto:

            Non è che confondi il termine “attrazione” con cose tipo “affetto fraterno”, “stima”, “amicizia”, “ammirazione”?
            E’ una cosa molto molto frequente e tipica di questo tipo di Doc

          • Avatar Daniele ha detto:

            In effetti mi sento molto solo, non ho più amici, donne zero, e questo probabilmente mi provoca questi pensieri…ho difficoltà ad aprirmi, ma i sentimenti vanno in quella direzione, del bisogno di un amico o confidente, che un pò mi spaventa per l’eccessiva intimità a cui non sono abituato.

          • Lucio Odisei Lucio Odisei ha detto:

            Daniele direi che hai centro il punto.
            Lavora su queste cose e parallelamente tieni sotto controllo il Doc.
            Soprattutto evita gli evitamenti.
            Bisogna tirare fuori “le palle”, andare là fuori e prendersi quello che si merita 😉

            Così si diventa uomini!!

            Fammi sapere come và

        • Avatar Daniele ha detto:

          Va male caro Lucio, sono così angosciato che mi sto convincendo che un’esperienza omosessuale sia necessaria, anche perchè inizio a sentire un desiderio di amare che non avevo mai sentito prima. Sono molto solo, e forse il motivo è che non riesco ad accettarmi.
          Un carissimo saluto

          • Lucio Odisei Lucio Odisei ha detto:

            Mi dispiace che tu stia male.
            Attenzione però che per chi soffre di Doc omosessuale, avere una esperienza omosessuale è altamente controproducente,
            perchè qualunque sia l’esito del “test” verrà comunque messo nuovamente in dubbio.

            Non è così che si vince il Doc.

  • Avatar Cristiano ha detto:

    Ciao io sono nell’ossessione da quasi quattro anni (cominciato con doc da relazione) , I primi due ho fatto terapia da una cognitivista ed ero migliorato ma poi per soldi ho smesso. Ho sempre avuto tutti i sintomi con ansia a manetta e test su test e inoltre nonostante ciò ho molti rapporti con ragazze che sono davvero appaganti, roba che mi basta sfiorarle perché mi si alzi!
    Quell che mi frega è che a volte (mentre altre volte meno di zero) le ossessioni riescono a darmi eccitazione ma non normale come quando mi masturbo su fantasie etero bensì una sensazione brutta mista a ansia fortissima che mi terra come non mai, come se mi sentissi obbligato a doverlo fare anche se razionalmente so che non mi piacerebbe mai! Preciso che non si tratta di porno omosessuali per i quali non provo proprio nessuna eccitazione. Ho letto su forum americani che questa peculiarità non è affatto infrequente e consiste solitamente con delle dipendenze dalla pornografia (ed è sicuramente almeno in parte il mio caso).
    Ho una paura fottuta che questo possa lentamente condurmi a ciò di cui ho paura (anche se non lo vorrei mai fare). Nonostante ciò ho discusso Col capo di progettogay (che conosce del doc omosessuale ed ha aperto un thread apposta per discuterlo e spiegare la differenza con la vera omosessualità) e lui stesso mi ha rassicurato che ciò può accadere nei casi di doc omo che ha avuto ma non ha nulla a che vedere con l’essere gay.
    Che ne pensi Lucio?

    • Lucio Odisei Lucio Odisei ha detto:

      Ciao Cristiano.
      Il porno è una piaga totale (dalla quale comunque quasi nessuno riesce ad esimersi) e farà gravi danni all’uomo (inteso come maschio).
      Detto ciò, condivido quanto detto dall’autore dell’altro sito: doc omo e omosessualità sono totalmente diversi, in una maniera che non è neanche paragonabile. A colui che soffre di questo tipo di Doc “sembra” che il problema sia l’omosessualità. In realtà sono i comportamenti ossessivi e le compulsioni, a fare i danni. E’ più che ovvio che sei totalmente etero, ma finchè continui a ricadere nei tranelli del Doc omo, continuerai a dargli la possibilità di farti del male.
      😉

  • Avatar Da ha detto:

    Ciao Lucio.
    Sono in preda all’ ansia.
    Ho l’ ossessione di poter essere diventato omosessuale almeno lo credo.
    La mia psicologa mi ha detto che ho tratti ossessivi e questo lo so anche io ma mai e poi mai nulla mi ha fatto stare male come questa ossessione.
    Le ho passate tutte:
    dai test di masturbazione che si sono rivelati positivi
    dallo pseudo innamoramento di qualche mio coetaneo
    al rimuginio sul passato cercando tracce di omosessualità non colta.

    Ho paura che stia mentendo a me stesso seppur prima che mi scoppiasse l’ ossessione non ho mai avuto alcun tipo di dubbio. Ma ora ho come l’ impressione che la cosa mi piaccia dato che i test sono stati positivi e quindi il fatto che io non provi con un uomo è solo perchè non ho le palle ed ho paura ma che in realtà lo desiderassi.

    Che devo fare Lucio?

    Grazie per la tua disponibilità, sei un B.I.G.

    • Lucio Odisei Lucio Odisei ha detto:

      Ciao,

      i test sono la cosa peggiore che possa fare chi soffre di questo tipo di disturbo.
      Perciò ti consiglio caldamente di smettere di farli e di pensarci. Non vogliono dire proprio un bel niente 😉
      Oltre a questo ti consiglio di evitare anche tutte le altre compulsioni (rimuginio sul passato, i “mi sembra che…” ecc…)

      Se rileggi gli articoli sul Doc omosessuale vedrai quali sono le cose le cose che sarebbe bene evitare 😉

      • Avatar Anonimo ha detto:

        Si ho letto con interesse ma in loop ritorna sempre un dubbio che si basa su altre convinzioni.
        Si gira intorno al tondo.

        • Lucio Odisei Lucio Odisei ha detto:

          Bravo hai detto bene: si gira sempre in tondo per poi ritornare al punto di partenza.
          Allora quale è il modo per smettere di girare?
          Rifiutarsi di giocare a questo doloroso girotondo.
          E come si fà?
          Smettendo di rispondere alle domande del Doc 😉

  • Avatar Anonimo ha detto:

    Si è vero.
    Ma non sono solo pensieri, ci sono in ballo anche sensazioni impulsi e convinzioni.
    É una strada in salita e piena di buche ma voglio arrivare in cima.
    Sembra tutto tanto reale.

  • Avatar Lorenzo ha detto:

    Ciao lucio, sono circa 6 mesi che soffro di DOC. Io non ce la faccio piu mi sento morire, ogni giorno, ogni ora nella mia testa rimbomba questo pensiero di essere o diventare omosessuale, io ho quasi 18 anni fidanzato da 2 anni ma non riesco a levarmi dalla testa questo pensiero, inolte io ho piccole disfunzioni sessuali, come il mantenimento, e questo mio problema ha peggiorato molto la situazione. Non tralasciamo che sono un po patito della palestra, quindi quando vedo in tv un ragazzo con dei bei muscoli scolpiti mi si inizia a scattare qualcosa dentro; per fortuna di “colpetti” alle parti basse non li ho mai sentiti in queste situazioni. Poi è come se non fossi piu in grado di provare sensazioni, e come se alla mia ragazza non la amo più, e questo mi preoccupa ancora di più! Ti prego aiutami.
    Sei un grande ti stimo molto!

    • Avatar Lorenzo ha detto:

      Volevo pero avvertirti che io mai ho pensato in vita mia di essere gay, anzi sono il tipetto buono che deve fare il leader, quello che ci prova con molte ragazze e che ci sa fare… Pero sono molto sensibile, in particolare un tempo con la mia ragazza, avrei fatto di tutto per lei, mi facevo mettere i piedi in tessta ed ora all improvviso non so piu se la amo!
      Comunque cerco di non pensarci e di combattere senza mai arrendermi.

    • Lucio Odisei Lucio Odisei ha detto:

      Ciao Lorenzo,
      i tuoi sintomi coincidono con quelli di molti altre persone che soffrono di Doc Omo, mentre come hai potuto leggere, gli indizi di omosessualità sono TOTALMENTE differenti. So, per esserci passato, che in questi momento la confusione è alta ma questo è dovuto all’ansia. Allo stesso modo sempre l’ansia è responsabile di “mantenimento” (a meno che non ci siano cause fiosiologiche, ma in casi di persone ansiose è quasi sempre l’ansia il vero problema). Li ho avuti anche io… Che fare? Lavora sull’ansia e sui penseri ossessivi! Stai facendo terapia?

  • Avatar Paolo ha detto:

    Ciao Lucio e grazie per queste delucidazioni, io ho ossessioni omosessuali da due anni circa, con periodi davvero insopportabili, non so se sia doc, in quanto non me l’hanno mai diagnosticato, ultimamente queste ossessioni stanno diventando insostenibili, se vedo un uomo a torso nudo, l’ansia sale a livelli altissimi, soprattutto se ben messo fisicamente e ho la paura che mi possa piacere, sui porno non ci posso più andare, in quanto se dovessi vedere il membro maschile, credo che mi verrebbe un infarto, ho lasciato la mia ragazza perché al solo contatto fisico mi si presentavano in testa le immagini più angoscianti di uomini nudi ecc ecc, a parte questo, mi capita una cosa strana che in questi giorni mi sta spaccando il cervello: Mi guardo allo specchio, penso di poter essere gay, e non mi vedo più come un uomo, nel senso che ho paura di poter cambiare sesso un giorno o un altro, e questo pensiero mi distrugge, può essere un sintomo del doc? Ti prego rispondimi, sono angosciato a livelli cronici

  • Avatar Anonimo ha detto:

    ciao Lucio sono un ragazzo di 25 anni e da circa 6 mesi che soffro.. non ho mai dubitato in vita mia della mia sessualità ho sempre avuto relazioni con ragazze e mi e sempre piaciuto ma da 6 mesi a questa parte la mia vita e diventata un inferno…ho sempre paura di poter diventare gay da un momento all’altro, ho paura di perdere la mia ragazza che sto con lei da 3 anni…a volte ho dei momenti lucidi e rido di questa cavolata ma a volte vorrei morire. ora e come se tutto mi girasse contro…sono a pezzi.secondo te e DOC? grazie di tutto

  • Avatar Lorenzo ha detto:

    No pero ora voglio iniziare a farla perché ho troppo bisogno. Poi questa paura che puo diventare cronica , mi stecchisce proprio. Grazie comunque

  • Avatar carlo ha detto:

    per quanto mi riguarda non esiste il doc oppure non ti fa vivere tutto questo attrazzioni fastidi all ano o sensazzioni di sentirci piu cm le donne ragazzi siamo gay basta rompere le scatole e tu lucio hsi avuto il doc ma non avevi questi sintomi altrimenti saremmo guariti anche noi non trovi

    • Lucio Odisei Lucio Odisei ha detto:

      Ciao Carlo,

      in prima battuta volevo cancellare il tuo messaggio.
      Poi ho cambiato idea e lo mantenuto, moderando i contenuti. Ti invito in futuro ad usare un linguaggio moderato e toni bassi.
      Altrimenti cancellerò il messaggio e ti bannerò dal blog.
      Detto questo, e certo che la tua fosse una uscita dovuta solo ad un eccesso di frustrazione, vorrei chiederti:
      1) Cosa ti dà tutta questa sicurezza che io non abbia avuto i tuoi stessi sintomi?
      2) Sei certo di aver fatto tutto ciò che era in tuo potere per guarire?
      3) Se sei così certo di essere gay, perchè continui a frequentare posti che parlano di Doc?

  • Avatar chiara ha detto:

    Ciao Lucio, sono una ragazza di 19 anni fidanzata da 1 anno. Penso di avere sia il doc omosessuale che quello da relazione. Quando ero piccola, 11-12 anni spesso mi chiudevo in bagno con una mia amica e ci toccavamo. Oggi solo al pensiero rabbrividisco. Ho sempre paura di essere lesbica, la sorella di una mia amica lo è e quindi cerco sempre di evitarla, evito le ragazze con i capelli corti e temo che non potrò costruire una famiglia con il mio ragazzo che amo follemente. Poi qualche anno fa vedevo anche video di altre ragazze che si masturbavano perché cercando su internet lessi che molte donne si eccitavano così. Ho sempre quest’ansia, a volte di più, altre volte di meno. tu cosa puoi dirmi a riguardo? Pensi che sono omosessuale o che abbia doc? Come pensi che posso risolvere tutto e tornare ad essere felice?

    • Lucio Odisei Lucio Odisei ha detto:

      Ciao Chiara, non posso fare diagnosi (non sono medico).
      Tuttavia ciò che racconti è molto simile a quello che scrivono gli altri utenti…
      ed il fatto stesso che tu sia finita su questo blog, che parla di disturbo ossessivo compulsivo e non di omosessualità, è un chiaro segno che puoi stare tranquilla 😉
      Tuttavia il Doc non và sottovalutato.
      Hai mai pensato di rivolgerti ad un esperto di disturbi ossessivi?

  • Avatar chiara ha detto:

    Ti ringrazio in anticipo della risposta.

  • Avatar chiara ha detto:

    Sinceramente no, speravo di poterne uscire da sola, pensi che non sia possibile?

    • Lucio Odisei Lucio Odisei ha detto:

      Si può fare anche da soli.
      Dipende da quanto sono forti le ossessioni.
      Se lo sono, è sinceramente consigliabile rivolgersi ad un esperto.
      Soprattutto se dovessero aumentare…

  • Avatar chiara ha detto:

    Ultima domanda, sei stato veramente gentilissimo. Secondo te fa bene parlarne con il proprio ragazzo, oppure è meglio non parlarne? Hai qualche dritta per uscirne?

    • Lucio Odisei Lucio Odisei ha detto:

      Non saprei, dipende molto dal tipo di rapporto che c’è tra di voi e dal suo grado di maturità.
      Inoltre c’è un caso nel quale sicuramente è meglio non farlo: se lo fai per chiedergli rassicurazioni 😉

  • Avatar Vi ha detto:

    Ciao Lucio, anzitutto ti ringrazio per quello che scrivi così che possa aiutare anche gli altri, inoltre ti volevo chiedere varie cose. Mi è stato diagnosticato il doc da più di un anno e sto facendo terapia cognitivo comportamentale, le cose vanno molto meglio ora ma ho sempre pensieri intrusivi e diciamo che sono nella fase dove non ho più ansia. Il punto però è che nonostante io sia certa di essere una ragazza etero non capisco perché spesso mi sembra che mi piacerebbe baciare di più le ragazze che i ragazzi, anzi in questo periodo per i ragazzi provo addirittura schifo e tutti dicono “è così perché sei in ansia” ma io non mi sento più molto in ansia. A volte vedo una ragazza è sono proprio sicura che mi piacerebbe baciarla, cioè lo sento proprio, inoltre mi sento lesbica. Cioè questa sicurezza che hanno gli altri di sapere che sono etero io non credo di averla, anche se oramai ho appurato molte volte con la mia psicoterapeuta che si tratta solo di doc. Vorrei avere un tuo parere o comunque la tua esperienza, capitava anche a te? Di sentire come se volessi veramente fare qualcosa con il tuo stesso sesso?

    • Lucio Odisei Lucio Odisei ha detto:

      Umh… ma come fai ad essere sicura di come si sente una lesbica?
      Se non lo sei non puoi saperlo.

      Inoltre le lesbiche non “si sentono” lesbiche. Lo sono e basta.
      Sò che ti sembrerà strano, ma c’è una differenza enorme.

      Infine, sappi che prima di tornare a sentire emozioni ed attrazioni “genuine” potrebbe passare ancora del tempo…
      Il cervello di un docker, dopo la sbornia emotiva a base d’ansia, ha bisogno di tempo per riprendersi…

      • Avatar Vi ha detto:

        Più che altro non capisco questo schifo con i ragazzi..prima non vedevo l’ora e ora provo solo disinteresse, schifo o addirittura paura.

        • Lucio Odisei Lucio Odisei ha detto:

          Quando viviamo una esperienza clamorosamente intensa come il Doc, è più che normale avere degli sbandamenti emotivi.
          Tieni presente che ne vieni da mesi e mesi di abitudini dolorose. Questa cosa non passa in un giorno.

          E’ come essere stati in pericolo di vita all’ospedale.
          Prima che l’organismo si rimetta ci vuole del tempo.

          Accetta questa fase e concentrati su altre cose.
          Non sei costretta a trovare un ragazzo subito.
          Pensa a te stessa, concentrati su altro. Su le tue passioni…

          Lascia che il tempo faccia il suo corso e vedrai che un giorno, senza pensarci, ti ritroverai a vivere le sensazioni che desideri in questo momento.
          Accadrà tanto più quanto meno ti ci ossessioni adesso 😉

    • Avatar Anonimo ha detto:

      Ciao Vi…
      Vedo che anche tu provi un certo “disgusto” nel pensare ad avere a che fare con l’altro sesso.
      Si chiama repulsione sessuale. Ci sono passato 5 anni fa e ci sto ripassando ora.
      L’assurdo è che quando ne sono uscito e ripensavo ai rapporti con le ragazze,che durante il periodo nero ritenevo disgustosi, questa volta mi eccitavano.
      È un po difficile da accettare e ti chiedi come mai hai queste sensazioni. Vedrai che ne uscirai stai tranquilla, e quando accadrà ti sentirai come se ti si fosse sciolto un peso dentro.
      Spero di farcela anche io la seconda volta.

  • Avatar ale ha detto:

    Ciao a tutti e complimenti per il blog, ti ringrazio tantissimo.
    Io penso e spero di esser eterosessuale in quanto da sempre ho provato attrazione ed eccitazione nei confronti dell’altro sesso, soprattutto tramite la masturbazione (forse addirittura eccessiva) già dall’inizio dello sviluppo adolescenziale. Il mio problema è che son sempre stato un ragazzo insicuro e che non si riteneva all’altezza, che si rifugiava più sui porno che con reali rapporti con l’altro sesso. Rimembro solo un episodio ai tempi della prima o seconda media in cui col mio vicino di banco nonchè migliore amico ci massaggiavamo delicatamente i genitali giusto per immaginarsi la sensazione di farsi toccare da un’altra persona ma nè io nè lui ne siam rimasti eccitati. Il fatto è che col passare del tempo le delusioni sessuali ed amorose aumentavano per me e invece diminuivano per lui, per cui dopo l’ennesimo buco nell’acqua per caso cominciai a sentirmi inadatto, e a veder gli altri sempre migliori, perfetti, al punto sa cominciare ad osservare i ragazzi. Ecco che ad un tratto si scatena la paura, avevo 16 anni e cominciai ad aver il terrore che poter baciare il mio amico mi piacesse. Avevo una storia con una ragazza di cui ero innamorato, il primo amore, ma ci lasciammo complice anche il fatto che soffrivo di ansia da prestazione. L’ossessione è durata per un po’ fino a che si è debellata completamente. Ero riuscito ad aver altre storielline o comunque tentativi di abbordamento e seduzione con altre ragazze. Poi mi innamorai di nuovo, “amica” d’infanzia, amore enorme, avrei voluto passar il resto della mia vita con lei. Il sesso estremamente appagante. Poi finisce, cado nel baratro della depressione. Passano quasi 4 anni, nessuna relazione di alcun tipo, sentivo e sento di amarla ancora. Il fatto è che circa un paio di settimane fa ecco che ritorna l’ossessione. In macchina col mio amico ho una visione, se lo bacio? Mi piacerebbe? Stomaco distrutto. Io ho 23 anni e ho tanta paura. Grazie ancora e scusa se mi sono dilungato.

    • Lucio Odisei Lucio Odisei ha detto:

      Ciao Ale,

      se leggi i commenti troverai storie molto simili alla tua.
      L’insicurezza di fondo e la mancanza di una vita sessuale ed affettiva appagante con il sesso opposto è tra le prima cause sulle quali si innesca il DOC omo (se non la prima).
      Rileggi tutti gli articoli su questo DOC e comincia a capire cosa dovresti Evitare (le compulsioni).

      • Avatar Anonimo ha detto:

        Ciao Lucio, la cosa che utilizzo come mezzo di fiducia e rassicurazione è il fatto che, come sottolinei anche tu nel blog, la sessualità non cambia dal giorno alla notte e si stabilizza già a 13/14 anni, per cui chi è omosessuale comincia ad aver piacere nei confronti del suo stesso sesso, chi è bisessuale nei confronti di entrambi e chi come me nei confronti dell’altro sesso. Però non basta…

  • Avatar Anonimo ha detto:

    Ciao Lucio,
    volevo chiederti da perfetto docker….come fai a sapere che l’intervista in inglese che hai trovato non sia stata fatta apposta per noi dockers? cosi come quando dici che l’omosessuale sa da sempre di esserlo… anch’io lo credo…ma tu come fai ad affermarlo con sicurezza? ciao e grazie

  • Avatar Giulio ha detto:

    Ciao Lucio, io ho 23 anni e da quando ne ho 18 ho una discreta vita sessuale, con una impennata nei 21-22 anni. Ho sofferto, o perlomeno mi sono reso conto di questo disturbo negli ultimi 2 mesi/2 mesi e mezzo, anche se forse intuitivamente, essendo la paura di essere omosessuale(o bisessuale, anche se fra le due preferirei quest’ultima) la più grande che abbia mai provato, ho sempre cercato di spostare le mie paranoie su altri presunti problemi(parziale impotenza, che ho provato 2 volte proprio in questi 2 mesi e mezzo, libido o anche cose non legate alla sessualità), ovviamente la situazione è andata in crescendo e 3 o 4 giorni fa ho avuto una specie di “picco”, per cui a un certo punto ho detto basta e mi sono autoconvinto che i problemi fossero solo nella mia testa, e la situazione sta migliorando soprattutto sul piano della felicità e leggermente anche sul piano del desiderio verso altre donne. Aggiungo che non ho mai sofferto particolarmente d’ansia, mentre mia madre è la persona più ansiosa che conosca. Leggendo questo articolo ho riso tutto il tempo notando come sembrasse leggermi nel cervello(anche se ad un paio di domande dell’intervista la mia risposta sarebbe una via di mezzo fra uomo etero e donna etero o_O), considerando che in questi 2 mesi mi è capitato veramente poco di ridere, mentre quando sto bene sono un tipo che tende sempre a guardare il lato ironico della vita, secondo te è una cosa positiva oppure è una forma di rassicurazione che avrei fatto meglio ad evitare?

  • Avatar lorenzo ha detto:

    paura di essere gay Salve,sono un ragazzo di 19 anni. Dopo una relazione durata un anno e mezzo con una ragazza di un altra città, lei decide di trovarsi un altro ragazzo mentre io mi trovavo all’estero causa studi . Premetto che con questa ragazza ho per la prima volta scoperto ed esplorato il sesso femminile.Fatto sta che questa storia è finita con una freddezza unica.Sono stato completamente rifiutato e messo da parte sia dal punto di vista fisico che mentale.Ho sempre creduto di far l’amore con lei e che non sarei riuscito a farlo con altre ragazze.Infatti ,nonostante qualche tradimento(fisico) da parte mia, mi sono reso conto che l’intimità che avevamo era davvero qualcosa di unico e non sostituibile. Il pensiero che ora lei la condivida con qualcun altro mi martella la testa. Dentro di me è scoppiata una bomba e sono circa 5 mesi che non faccio altro che disperarmi,piangere e rimuginare; praticamente ogni giorno è una tortura.Il solo pensiero che stia facendo l’amore con qualcun al tro mi strugge e una catena di pensieri e immagini negative conseguono necessariamente.Questi lunghi e deprimenti pensieri conducono tutti al mio dubbio principale che è quello di avere un qualche tipo di disturbo.Non so come mai ma quando ero piccolo ho avuto dei rapporti non identificabili come completi ma di masturbazione , con mia sorella e con alcuni amici dello stesso sesso. Credo che questo sia dovuto al fatto che ho scoperto la pornografia in eta piuttosto precoce e sono quindi sempre stato attratto nello scoprire il mondo della sessualità.Non credo di aver mai provato una vera e propria attrazione per lo stesso sesso in quanto questi rapporti erano solitamente conseguenti alla visione di qualche video porno o comunque in stati di eccitazione e venivano considerati come una sorta di “allenamento”. Una volta concluso il “rapporto” se così possiamo chiamarlo ,mi assaliva un forte senso di colpa. Non ho infatti mai messo in discussione l’attrazione che provavo per le ragaz ze.Ho sempre avuto attrazione per qualche ragazza che,forse, a causa della mia timidezza non sono mai riuscito a corteggiare per dare inizio a una storia ; cosa che facevano la maggior parte dei miei compagni.Ho sempre avuto paura di poter essere rifiutato.Questo periodo molto particolare della mia vita si conclude con l’inizio del liceo. Infatti qui iniziano i primi contatti veri e propri con il mondo femminile senza andare mai oltre il bacio,per concludere quelli che possono considerarsi omosessuali.Anche in questa fase, dopo essere stato con una mia compagna di classe per un periodo piuttosto breve conosco la cugina e me ne innamoro perdutamente.Qui iniziano i primi problemi, questa ragazza mi ha fatto veramente dannare per circa due anni. A volte voleva vedermi ,altre no. Si frequentava con altri ragazzi per poi tornare da me. Vorrei anche precisare che la maggior parte di questa relazione si disputava tramite messaggi, dato che questa ragazza sosteneva di aver problemi a vedersi o baciarsi con i ragazzi . Ho fatto veramente cose folli per convincerla che non c’era niente di cui preoccuparsi ma niente da fare.Sono quindi rimasto per circa due anni sotto i suoi piedi.Finito questo periodo , ho avuto qualche altra relazione con altre ragazze che non si sono mai veramente concretizzate in quanto il mio unico pensiero era ancora rivolto verso quella ragazza che mi rifiutava costantemente. Dopo circa un anno conosco al mare una ragazza,quella all’inizio citata, e me ne innamoro fin da subito. Questa ragazza nonostante sia più piccola di me aveva avuto già rapporti con svariati ragazzi. Anche lei vergine ma non di fatto perché sverginata da un ditalino di un ragazzo qualsiasi qualche anno prima.Insomma una ragazza con poco senso del pudore.Questo mi ha sempre infastidito in quanto ho sempre visto la sessualità come qualcosa di difficile.La sensazione che provavo era come se fosse un po sporcata da tutte le svariate pomiciate che aveva avuto in preceden za e che io non avevo mai avuto. Dunque finita questa relazione, sono nati in me svariati dubbi. Non capisco se sono gay e cerco continuamente di capire se sono o meno attratto da altri uomini. Non capisco se questi strani rapporti che ho avuto da bambino sono normali e non capisco perché li ho avuti. Ora come ora il mio desiderio sessuale si é abbassato e ho una forte paura di non riuscire più in un rapporto con una ragazza.Sono ancora più spaventato di prima.Non capisco perché non riesco ad avere una relazione normale come molti dei miei amici e coetanei. Concludo dicendo che per me esplicitare questi pensieri è particolarmente difficile perchè non potrei mai confidarlo a qualche amico che poi mi guarderebbe con occhi diversi.

    • Lucio Odisei Lucio Odisei ha detto:

      Ciao Lorenzo,
      la tua storia è molto molto simile a quelli di moltissimi altri ragazzi che hanno questo tipo di DOC.
      Tu sai che non possa fare diagnosi però è abbastanza evidente che tu e l’omosessualità non abbiate nulla in comune.
      Moltissimi hanno avuto esperienze in giovanissima età anche con persone dello stesso senso e questo non vuole dire niente.

      Quello su cui invece secondo me varrebbe la pena di lavorare è:
      – la tua autostima, in quanto è abbastanza evidente che tu abbia la “sindrome dello zerbino” nei confronti d icerte ragazze (scusa la franchezza)
      – la tua visione del sesso. Il fatto che tu lo veda “sporco” (cosa tra l’altro comunissima) non ha niente a che fare con i tuoi timori ma và affrontata
      Per quanto riguarda i pensieri ed i dubbi, sappi che più ci ragionerai su e più aumenteranno. Per quanto invece riguarda il basso desierio sessuale è stra-normale in una fase di ansia.

      Coraggio!

  • Avatar michele ha detto:

    ciao ho 28 anni e fino a pochi minuti fa pensavo di essere solo con queste ossessioni, di essere pazzo, debole e troppo spontaneo e sensibile per la società che ci circonda.
    ho tutti i sintomi, pensieri insistenti e apparentemente immotivati, disagio nei rapporti personali con persone dello stesso sesso ecc. ho anche il terrore che gli altri capiscano che “mi sento gay” e mi giudichino.
    mi è bastato leggere questo articolo e rassicurarmi con i commenti di altri utenti, non sono solo, e questo è gia un buon punto di partenza.
    cercando motivazioni al mio stato d’animo ho dedotto che paranoia, ansia e paura derivano dal fatto che sono alla constante ricerca di risposte verso me e gli altri, quando la risposta più difficile da accettare è “NON LO SO'” e smettere semplicemente di pensarci.
    non sarà facile e torneranno a colpirmi ma da oggi cercherò di non dargli peso, è tutto nella mia testa.
    e sono certo che se la nostra società fosse sempre stata aperta fin dal principio a un certo tipo di orientamento sessuale\sociale non avremmo mai sentito parlare di DOC omosessuale.

  • Avatar Luca ha detto:

    Ciao ho 19 anni e soffro questo doc da 1 anno, ,a me mi son sempre piacute le ragazze e non ho mai avuto attrazione verso le persone dello stesso sesso ,devo dire che la mia adolescenza non è stata bella mi sono iniziati a venire i brufoli a 12-13 anni all’inizio non mi facevo grossi problemi frequentavo ragazze e non era cosi brutta la vita ma poi dai 15 anni e mezzo ne sono iniziati a venire un casino e la mia autostima è stracrollata mi facevo mille paranoie a volte mi vergognavo a uscire di casa ed ero sempre depresso, cè stato un perieodo che pensavo addirittura di farla finita,ora e da 6-7 mesi che non mi vengono brufoli e la mia austostima si è alzata ma però cè un nuovo “tormento” ovvero i disurbi -.-,l’anno scorso ero andato a letto con una ragazza ma non so perchè mi era venuta una forte ansia da prestazione e feci cilecca,questa cosa mi ha traumatizzato ed è cosi che è nato il distrubo(ho letto che guardare troppo porno porta disfunzioni erettili,non so se è vero ma io ero stradrogato di porno ahah quindi l’ho collegato anche a quel problema ),i primi 4-5 mesi non era ancora forte questo distrubo,guardavo ancora + compulsivamente video porno anche come una sorta di rituale,poi una sera ad una fiction che guardo con la mia famiglia “un posto al sole” che lo tramesttono su rai 3 la sera parlano di un ragazzo di 18 anni che scopre di essere gay e ogni puntata parlavano di quello che si frequentava con quell’altro e non sapete che incubo si era formato nella mia testa disturbi a gogo,ogni volta che faceva un posto al sole me ne andavo in un altra stanza.Poi verso la fine di aprile scopro di soffrire di questi disburbi e leggendo tanti articoli e allenandomi ho iniziato a fare miglioramenti , ora so perfettamente o quasi come si sconfigge il distrubo solo che ogni volta che si innescano le ossessioni con i suoi falsi dubbi e veramente difficile non compulsare, ogni volta che si presenta il distrubo e come se tutto ciò che so sui meccanismi per fermare le ossessioni siano annebbiati e ogni volta mi devo rispiegare tutti i meccanismi per ignorare il disturbo ma facendo cosi è pur sempre un rituale perchè comunque ti rassicura e compulsi,ieri ho letto un tuo articolo che dice “lascia scorrere i tuoi pensieri senza dare un giudizio ne positivo ne negativo” mi devo impegnare a fare cosi questa è alla fine l’unica guarigione e come lo letta nel tuo articolo è il top l’hai spiegato bene ora riesco a resistere un po meglio .
    Poi infine ho letto in un tuo articolo una frase in cui dicevi che il doc può portare ad avere disfunzioni errettili,ma mannaggia quindi alle paure di fare cilecca per ansia o per troppo porno (per i porno mi sto astenendo) si aggiunge pure questa, non riesco a trovare l’articolo in cui parli di questa cosa

    • Avatar Luca ha detto:

      e su tormento togliamo le ” visto che mi tormenta veramente e ho sbagliato a metterle,pensa che mi sono alzato ho pensato a sta cosa e il disturbo mi ha fatto mille paranoie perchè ho messo le ” in tormento,dicendomi “allora se mi metti le virgolette non è un tormento” -.- ho solo sbagliato a scrivere e poi e poi volevo scrivere tormentone anche se alla fine e la stessa cosa , vabbe a volte vado in fissa su piccole cose

    • Lucio Odisei Lucio Odisei ha detto:

      Ciao.

      Non è il DOC che può portare alle disfunzioni erettili. Sono l’ansia e l’eventuale depressione ad esso associate che hanno, tra le svariate conseguenze, anche quella di poter portare alle disfunzioni erettili.

      Però non è una cosa matematica… cioè non è che sei hai l’ansia in automatico ti vengono le disfunzioni…
      Può capitare. E se capita non bisogna preoccuparsene. Tutto qui.

      🙂

      • Avatar Luca ha detto:

        Ok quindi sarebbe sempre legato all’ansia da prestazione.
        Da quando ho letto i tuoi articoli va decisamente meglio prima sapevo tutti i meccanismi da fare solo che spesso non li applicavo bene ora mi sento come potenziato,le paure rispetto a 1o2-3 mesi fa si sono ridotte notevolmente ho la piena certezza di essere etero devo imparare a non cadere nei falsi messaggi,un ultima cosa ma e normale che da quando soffro di questo disturbo faccio più fatica a innamorarmi o semplicemente ad avere cotte? Tralasciando il fatto che non vado piu a scuola secondo me è colpa di sti maledetti disturbi ,ad esempio prima quando andavo a letto mi addormentavo sempre fantasticando su una tipa che mi piaceva ora per colpa di sti disturbi non ci riesco più ci sono sempre altre immagini che interferiscono e ti rovinano le fantasie,poi stare con l’ansia ogni volta che si innescano le trappole non credo aiuti.

        • Lucio Odisei Lucio Odisei ha detto:

          Bisogna sempre ricordarsi che l’ansia è alla base di tutto.

          Se tu fossi in mezzo alla giungla circondato da animali feroci ed in pericolo di vita, credi che ti verrebbe in mente la tipa che ti piaceva tanto?

          Ecco, con il DOC non sei in mezzo alla giungla ma lo stato d’animo è esattamente lo stesso.

  • Avatar Luca ha detto:

    Ciao ho 25 anni da un anno mi è stata diagnosticata sindrome ansiosa depressiva . Non ho mai fatto sesso con una ragazza. Le mie prime pulsioni le ho avute in famiglia con cuginette. Da un anno ho il terrore di essere omosessuale , piango spesso pensando al fatto che morirò da solo senza una famiglia e senza una moglie. Sono portatore di un difetto genetico che non mi rende la vita difficile ma c’è . Sono gay ??? Mi ricordo che a 16 anni avevo visto in televisione il torso nudo di un uomo dicendomi ” carino “. Poi d’estate mi ero innamorato di una ragazza. Ho fantasie sessuali di fare sesso con due donne e don un uomo e una donna . Ho represso la mia omosessualità oppure ho il doc. Tu hai detto che chi è gay è felice di esserlo , io mi dico nella mia mente gay o non gay il migliore sarò io ma basta che questi pensieri vadano via. Aiuto non ne posso più. Ps ho scritto sui social network frasi sulla sensibilità e ho perso molti amici. Sono depresso , triste e solo e preoccupato.

    • Lucio Odisei Lucio Odisei ha detto:

      Ciao Luca,

      coraggio, sò che è dura ma bisogna accettare questo momento e fare tutto il possibile per superarlo.
      Hai pensato di rivolgerti ad un esperto in disturbi ossessivi?

  • Avatar lara ha detto:

    ciaoo sono una raga di 24 anni,premettendo che fino a dodici anni mi piacevano i maschi ,posso dire che ho avuto il doc di essere lesbica a tredici anni e ho provato una sofferenza assurda.(doc che poi si è frantumato in pezzi a 19 anni quando ho dovuto sprecare energia per altri doc: aggressivo, mente tesa ecc). Ricordo che una notte a 14 anni sono arrivata a tremare per la paura di poter essere lesbica,poi via via la paura angosciosa è passata lasciando spazio a un vuoto…verso i sedici anni stavo con i ragazzi perke lo facevano tutti non provando nulla o quasi…poi crescendo, 18, 19 anni ho avuto contatti con altri ragazzi e andavo a momenti :a volte provavo attrazione e lo desideravo altre no ma anke le volte che provavo desiderio questo non era molto intenso. A 19 anni e arrivato il momento nel quale ho fatto la cura antidepressiva con i seguenti risultati in questo campo: ho mandato al diavolo l incertezza di essere etero pure se non ne avevo le prove certe, ed effettivamente è migliorato il rapporto con il raga con cui stavo allora, ero piu coinvolta nei rapporti intimi e mi stavano cominciando a piacere un po anke i raga che vedevo in giro, stavo bene,non era piu un problema,per me ,quello di poter essere lesbica. Mi ricordo che questo problema è iniziato con lo sforzarmi da parte mia nel provare attrazione guardando un corpo femminile( e alla fine la sentivo davvero l attrazione) e con il comportarmi come un maschio solo per farmi del male…Adesso penso che il doc da relazione che ho oggi e che non mi fa vivere una relazione serena e non mi permette di avere un raga sia una conseguenza di quello omosessuale.
    Non ho mai amato ma adesso posso dire di aver provato attrazione profonda per qualche ragazzo con cui sono entrata in contatto ma anke questo mi dura poko: per esempio,passa un po di tempo e non provo piu nulla. Quando sto con un raga(da fidanzata o semplicemente frequentandolo) mi ossessiono continuamente per vedere se mi piace ,cosi capita che alcuni giorni mi piace altri no fino al punto nel quale non mi piace piu. Al momento non ho l angoscia per il pensiero di essere lesbica ma il non provare le giuste emozioni per il sesso opposto e ogni tanto notare qualke attrazione per il sesso femminile mi crea fastidio e confusione e la sensazione di essere al punto di partenza.Al momento non provo nulla guardando bei ragazzi per strada o in tv, riesco a provare attrazione solo quando instauro un rapporto di” amicizia” con qualcuno, quando ci parlo e skerzo ma come ho detto pure li la bella sensazione dura poco.

    • Lucio Odisei Lucio Odisei ha detto:

      Direi che hai esattamente gli stessi sintomi (e fai gli stessi errori) di tutti gli altri che hanno scritto in questi articoli

      😉

    • Avatar luciano ha detto:

      ciao lucio ti ricordi di me e da tempo che non scrivo più sto molto meglio mi e rimasto solo l angoscia e la bassa autostima insieme all insicurezza di me stesso e poi ho ancora sensazione alla bocca e all ano fa parte sempre del doc

  • Avatar Anonimo ha detto:

    Ciao a tutti, ho letto e continuo a leggere questi articoli. Leggerli più volte mi rassicurano e leggere i commenti non mi fanno sentire solo.
    Sono un ragazzo di 26 anni e da 3 mesi sono bloccato nella convinzione di aver perduto la mia eterosessualità e, quindi, essere diventato omo.
    Tutto è iniziato verso la metà di aprile, quando la mia ex ragazza mi ha silurato per la 3a volta (è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso, mio papà ha perduto il lavoro, il mio lavoro non mi piace granché, sono indietro con gli esami dell’università, oltre a non sapere che fare della mia vita). Di lì in poi è iniziato il calvario. È iniziato tutto in sordina per poi crescere spaventosamente, calo della libido, depersonalizzazione, primi dubbi, prime domande, inizi della repulsione sessuale (sintomo che non ho visto in questi articoli), convinzione che la libido si sia “spostata” dalla donna all’uomo, masturbazione non appagante, ansia da post-prestazione, sensazioni alle parti basse, sfintere e orali, avere la sensazione di dover dire per forza di essere cambiati (quella che più di tutte preoccupa perché pare venire dall’interno di te) ecc ecc…
    Premessa, sono una persona molto ansiosa, ma che tende a tenere tutto dentro e a non mostrare nulla all’esterno, ho avuto periodi in cui credevo di aver investito qualcuno sul ciglio della strada, periodi in cui credevo di avere un tumore e 5 anni fa, la convinzione di essere diventato gay. (Stessa cosa che temo ora). Ne sono uscito molto bene, tant’è che quando ripensavo a quel perido della mia vita ci ridevo su e mi dicevo: “ma ti rendi conto di quello che pensavi?! Assurdo”…
    Ora però tanto assurdo non è. Anzi, analizzo ogni singolo momento passato per trovare tracce di omosessualità.
    Potevo pensare a tutti i brutti pensieri, tutte le immagini che mi comparivano nella mente in quel lontano 2009, ma fino a 3 mesi fa non avevano alcun effetto su di me. È vero che in tutto questo tempo qualche paura, qualche pensiero, immagine mi è riaffiorata, ma duravano pochi secondi e io me ne fregavo altamente.
    Ora mi sembra di essere a punto e a capo, penso che questa sia la volta “buona” che non mi darà scampo e dovrò ammettere di essermi trasformato.
    Perché mi dico, visto che ci sei già passato una volta dovresti conoscere il nemico e sconfiggerlo facilmente, ma invece così non è, visto che sta facendo presa su di me, e questo alimenta in me la paranoia. Ogni tanto mi sembra di essere felice visto che l’ansia cala, e mi chiedo se io lo abbia accettato, la mia mente mi dice che ritornerò a sentirmi bene ma non da etero.
    Sono in cura dallo stesso psicoterapeuta della prima volta e lui mi ha detto che questa è una mia tendenza caratteriale, la mia mente arrivata al culmine reagisce così. Mi ha rassicurato che la sessualità non si forma a 26 anni e di stare tranquillo, che se c’è eccitazione (stessa cosa che accadeva 5 anni fa) nel immaginare o vedere scene omo è dovuta all’ansia. Mi ha fatto l’esempio di un suo paziente che “sfogava” l’ansia avendo ripetute e forti scariche di diarrea, oppure quello che aveva la convinzione di parlare male ma che in realtà parlava benissimo. L’ansia distorce completamente la percezione sensoriale.
    Ora, capirete che per me tutte queste cose non sembrano possibili anche se ci sono già passato.
    È questo il brutto.
    Se penso alla mia ex provo ancora qualcosa, ho eccitazione, ma è strana, non so come spiegare, disturbata diciamo, allo stesso tempo mi chiedo se sia reale o io “maschero” pensieri omo con quelli della mia ragazza. Inutile dirivi che ricominciano le paranoie. Chiaramente immagini di donne che 12 settimane fa mi eccitavano ora non mi dicono più niente, come può un etero arrivare a questo?
    È come se avessi messo un muro fra me e l’universo femminile.
    Concludo visto che sono stato prolisso.
    Le sensazioni che ho in questo periodo sono:
    Perdita della virilità
    Sensazione di aver perduto l’eterosessualità e che prevalga una sorta di parte femminile in me.
    Mi sento un po “fuori dalla realtà”
    Non mi sento in equilibrio
    Vedo omosessualità ovunque
    Scrivere queste righe è stato difficile, ma magari può essere ed essermi d’aiuto.

    • Lucio Odisei Lucio Odisei ha detto:

      Ciao.
      Beh… non per sminuire ma è esattamente ciò che abbiamo provato tutti 🙂
      Perciò benvenuto nel club!

      Sappi che se ne esce alla grande.
      Ed il tuo psico ha ragione. Non si può “diventare” gay. E’ semplicemente impossibile 😉

      la mia mente arrivata al culmine reagisce così

      Al culmine di cosa?

      • Avatar Anonimo ha detto:

        Ciao Lucio, grazie per la risposta,
        Comunque al culmine dello stress…cioè quando accumulo troppo stress la mia mente va in default e reagisce così, ossessionandomi.

        • Lucio Odisei Lucio Odisei ha detto:

          Beh ma che tu abbia riconosciuto questa cosa è molto importante.
          In effetti funziona proprio così. Il DOC, da un certo punto di vista, è una specie di sistema di scarico dell’energia.

          😉

  • Avatar stefano ha detto:

    Caro Lucio,vorrei esporti la mia situazione che definirei io stesso “particolare”,premetto che questa non è una compulsione dovuta al DOC,anzi devo ammettere che non faccio più compulsioni da molto molto tempo,almeno quelle che riconosco come tali. Sono sempre stato un ragazzo normale,insicuro come pochi e con un desiderio sfrenato sin da piccolo di conoscere una bella ragazza e innamorarmene (sono uno di quelli che da precedenza al sentimento che al sesso probabilmente), vengo da una situazione familiare diciamo non perfetta,un padre aggressivo e ignorante che non ha fatto altro che scoraggiarmi sin da bambino,e una madre perfetta alla quale mi appoggiavo con tutto me stesso,ebbene un anno fa proprio mia madre è morta di cancro,a me non hanno detto niente fino all’ultimo,quando lei non parlava più. Un colpo durissimo,tant’è che la terapeuta da cui vado da un anno a questa parte non è ancora riuscita a farmi sbloccare da questo lutto. Ma non sono qua per parlare di questo,diciamo che questo è servito come incipit. Ora ho 19 anni,e all’età di 15 anni ho conosciuto una ragazza,mi sono innamorato perdutamente e siamo stati insieme per 3 anni,poi alla morte di mia madre mi sono appoggiato TOTALMENTE a lei, penso che nessun altro nella mia situazione avrebbe fatto diversamente. Mia madre è morta a fine febbraio 2014 e da marzo in poi ho visto le ie certezze,le mie sicurezze cadere una dopo l’altra mentre vivevo uno shock immenso,l’insicurezza mi ha aperto la paura di rimanere solo,abbandonato,ma sapevo che la mia ragazza non mi avrebbe mai lasciato,incredibili ma dopo soli 3 anni già pensavo a un possibile matrimonio futuro e un figliio (a 19 anni!),consapevole del suo amore e del fatto che non mi avrebbe lasciato ho iniziato ad avere paura che potessi essere io a lasciarla,e li è iniziato (almeno credo perchè proprio questo non mi è mai stato diagnosticato) il DOC da relazione,le chiesi una pausa a suo tempo,ma nemmeno una sera passò e già ero nel letto a piangere perchè lei non si faceva sentire,allora capìì che era sono ansia,un pensiero stupido,e che era normale che non potessi sentire l’amore per lei come prima a causa del periodo che passavo…intanto si avvicinava la maturità,l’università, e le mie insicurezze crescevano,finchè un giorno,in biblioteca mentre studiavo per l’esame di maturità,guardai i polpacci di un bel ragazzo rugbista e li ammirai,guardai il suo viso e pensai “che bello oh!” poi quel sentimento di ammirazione/invidia si tramutò per me nel pensiero “e se fossi gay?” inutile dire che il panico andò alle stelle,perchè l’unica persona che al tempo avevo a sostenermi era la mia ragazza,e be si anche i miei amici,un pugno di ragazzi simpatici ma immaturi che,almeno al tempo pensavo,non avrebbero mai accettato un gay nel gruppo,in più all’età di 12 anni avevo avuto con un amico con cui da tempo ho perso i rapporti esperienze sessuali,ma di quelle che fanno tutti a quell’età per scoprire loro stessi,di quei giochetti scemi e “prove”,mai avuto verso di lui ne desiderio di baciarlo ne nient’altro,solo affetto per un amico immagino.
    Be comunque sia li iniziò il mio calvario, con milioni di strategie e di complessi che mi piacerebbe raccontare,non tanto per un tornaconto personale ma anche per gli altri utenti che seguono il tuo blog (che mi sta aiutando molto negli ultimi mesi),ma dato che ho scritto già abbastanza aspetto prima una tua risposta se continuare a scrivere e raccontare o meno,e se farlo qua o se scriverti in privato a causa della lunghezza.

  • Avatar Anonimo ha detto:

    Ciao Lucio, io più che riconosciuta, spero sia così.
    In questo periodo sono pieno di dubbi, non riesco ad essere certo di nulla.
    Questa volta però ho notato una cosa, come hai detto tu bisogna cercare di lasciar fluire i pensieri e non dare loro peso, e la stessa cosa l’ha detta il mio psicoterapeuta. Ho notato un abbassamento notevole dell’ansia e dei pensieri, ma allo stesso tempo mi dico, visto che l’ansia è calata allora io ho accettato di essere diventato omosessuale, come mai non mi disturba?, allo stesso tempo mi dico, visto che è scesa l’ansia dovrei risentire la stessa attrazione per le donne e i pensieri omo dovrebbero perdere forza. In effetti, un po di forza probabilmente l’hanno persa, ma l’attrazione per la donna non compare, ma questo non sembra disturbarmi. Quindi inizio i test se vedo un uomo o una donna chiedendomi se sceglierei l’uomo o la donna, non dovrei ma sembrano quasi automatici. Mi sono messo a pensare perfino che faccio questi test inutilmente perchè qualcosa mi dice che so benissimo di essere cambiato, ma come mai questo non mi da ansia? Come mai non piango o vado in paranoia come anni fa?
    Credimi che scrivere queste cose mi turba un po, anche perché entra in gioco la superstizione, del tipo, se ne parli accade.
    Comunque sono attimi di “tranquillità” durante la giornata ma non compaiono ogni giorno, dipende , può essere che fra qualche ora sia di nuovo nel dramma.
    Certo è che questa sensazione la prima volta, 5 anni fa, non ricordo di averla provata, perché combattevo contro i pensieri con tutte le mie forze, ma era veramente una lotta impari ed ero ridotto ad una larva, con pensieri ancora peggiori di questi.
    Una cosa mi pare di aver capito, “lottare” a suon di domande e risposte ai pensieri è come giocare a scacchi, per una mossa che facciamo noi il pensiero ha la contromossa e così via, quindi si arriva ad uno stallo. Il bello è che ne sono cosciente ma serve a poco.
    ultima cosa poi concludo, nei comportamenti errati
    che elenchi scrivi:
    …Perché affonda le radici nella sensazione di impotenza viscerale che caratterizza chi non ha sufficiente fiducia in sé stesso. Questo aspetto è particolarmente vero nel doc omosessuale, che ha riferimenti simbolici al concetto di passività (approfondiremo questo aspetto).
    Ecco io ora mi sento “passivo” e “impotente”.

    • Lucio Odisei Lucio Odisei ha detto:

      Ho notato un abbassamento notevole dell’ansia e dei pensieri, ma allo stesso tempo mi dico, visto che l’ansia è calata allora io ho accettato di essere diventato omosessuale, come mai non mi disturba?, allo stesso tempo mi dico, visto che è scesa l’ansia dovrei risentire la stessa attrazione per le donne e i pensieri omo dovrebbero perdere forza.

      Sei vittima del tipico meccanismo: ansia di non avere ansia.
      E’ sempre il DOC ed in genere compare quando le cose iniziano ad andare meglio.
      Il problema è che invece di superare questo meccanismo, tu rituffi nelle compulsioni (con i test e le conclusioni “se… -> allora…”)

      visto che è scesa l’ansia dovrei risentire la stessa attrazione per le donne

      E’ una tua supposizione del tutto arbitraria.
      In verità uscendo da una crisi pesante come il DOC (soprattutto se c’è stata una depressione, anche lieve) prima che la libido torni a livelli normali ci vuiole del tempo. Inoltre se tu prendi il desiderio come un test è di nuovo una compulsione. L’attrazione per le donne arriva, spontaneamente, quando si è rilassati e spontanei.

      Credimi che scrivere queste cose mi turba un po, anche perché entra in gioco la superstizione, del tipo, se ne parli accade.

      Ocio a non ricadere in una forma diversa di Doc (è una cosa che capita, passare da un Doc all’altro.)

      Una cosa mi pare di aver capito, “lottare” a suon di domande e risposte ai pensieri è come giocare a scacchi, per una mossa che facciamo noi il pensiero ha la contromossa e così via, quindi si arriva ad uno stallo

      Bella metafora! Il problema è che il tuo avversario conosce tutte le tue tattiche, le tue capacità ed i tuoi punti deboli.
      Quindi come ne esce?

      Smettendo di giocare 😉

      • Avatar Anonimo ha detto:

        Ciao Lucio, ti ringrazio ancora per il tempo che dedichi a tutti noi.
        Giovedì, dopo la seduta con il mio psicoterapeuta le cose sono andate migliorando fino a ieri, ma oggi già mi sembra di essere ritornato nel loop.
        In questi giorni sono anche riuscito a provare un po di eccitazione pensando ad una mia amica, certo, non è stato niente di particolare, però ho notato che non aveva la carica ansiogena di sempre e riuscivo bene o male a fregarmi delle domande che mi passavano per la testa, come: ti è piaciuto vermente? Ti sei sforzato? Ecc ecc…
        Il mio psicoterapeuta continua a ripetermi che prima io accetto questi pensieri, attenzione, accettarli nel senso di dire, ok ho questi pensieri, sensazioni ecc ecc, me ne frego, quel che sarà sarà l’importante è che io stia bene (ora, quel che sarà sarà è una frase che mette un po d’ansia), e prima n’è uscirò. Perché ha detto che solo un alieno con un raggio magico può cambiare la sessualità. Uno non può nascere tondo e morire quadrato in effetti.
        Ho retto per 3 giorni, la sera, dopo la seduta, mi sentivo rilassato, e i pensieri non mi mettevano ansia e avevano perduto forza, tant’è che al pensiero di andare con una ragazza sembrava “risuonare” famigliare (i test non sono riuscito a bloccarli però). Ovviamente è stato un attimo di “benessere” passeggero.
        Alla fine sono giunto ad una riflessione, quello che stiamo passando o abbiamo passato noi, è frutto della nostra mente. Avete mai sognato di volare o cadere nel vuoto? Beh, la sensazione è assolutamente reale, ma, non voliamo e non stiamo realmente cadendo. La stessa cosa vale per un ossessione, proviamo “attrazione”, “eccitazione” ecc ecc, ma è la forza della nostra mente.
        Ah, non cadiamo nel tranello di dire, eh appunto la mente è così forte da poterci cambiare…
        Avere la convinzione di volare (nel sogno) non ci farà crescere le ali.
        Paradossalmente scrivo queste cose ma in me permane ancora la convizione di essere diventato omosessuale, ma cerco di usare la razionalità come ha detto il mio psico.
        Ultima cosa, se vediamo che l’ansia cala e i pensieri non ci danno così fastidio, forse non è perché abbiamo accettato il fatto di essere cambiati, ma forse perché abbiamo semplicemente dato una “tachipirina” all’ossessione. Noi usiamo la tachipirina per abbassare la febbre, ma agiamo sul sintomo e non sulla causa, è già qualcosa, ma ricordiamo che l’effetto è temporaneo. Spero sia così Lucio.
        Oggi sto così così diciamo, però cerco di non perdermi d’animo.

        • Lucio Odisei Lucio Odisei ha detto:

          Quello del sogno è un esempio molto calzante.
          Ed è proprio così… avere le ali nel sogno non ce le farà spuntare nella realtà.

      • Avatar Anonimo ha detto:

        Ciao Lucio, dopo alcuni giorni di “tranquillità” sono ritornato nelle compulsioni (o almeno credo)
        Perché? Perché ho notato che alcuni pensieri mi provocano piacere, e non ansia, o almeno non sempre, ma io cerco di scacciarli comunque e di resistere, perché se provo a lasciarli andare non miglioro. Se accetto questi pensieri qualcosa mi dice che è la strada per accettare di essere diventato omosessuale, (attualmente mentre sto scrivendo questi pensieri e sensazioni stanno aumentando).
        La domanda è sempre quella, forse è giusto che io lo diventi visto che non c’è ansia.
        Ma allora stesso tempo dentro di me mi dico che ora non posso fidarmi di me, perché ho tutto sballato e non devo arrivare a conclusioni affrettate,.
        Anche la prima volta accadde la stessa cosa, che avevo l’impulso incontrollato di dirlo a tutti, ma una volta uscito mi resi conto di quell’assurdità.
        Ora però si ripete tutto. Anzi ora c’è qualcosa che mi dice, la prima volta era DOC ma sta volta invece non lo è.
        Ma come mai questo non mi da ansia?
        Se io provo ad accettare che alcune cose mi diano questo pseudo-piacere, se io lascio passare i pensieri, come mai non torno quello di prima?
        Mi viene da dire che adesso sto bene così. Che sono felice così. Ogni tanto trovo strana questa frase, altre volte no.
        Non capisco più niente, anche perché ho le emozioni come bloccate, congelate, non so come spiegare.
        Non riesco nemmeno ad avere più accesso ai sentimenti che provavo quando facevo l’amore con una ragazza o quello che sentivo quando vedevo una bella ragazza.
        Ora quando vedo una bella ragazza mi dico, “se stessi bene sicuramente ci proverei, ma adesso non mi dice niente” ma perché non piango e non mi vengono gli attacchi di panico come cinque anni fa?
        È una domanda che sorge spontanea. So non dovrei confrontare le due esperienze, ma è inevitabile.
        E queste differenze non fanno altro che supportare la tesi che io sia cambiato.

        • Avatar Anonimo ha detto:

          ultima cosa, quando compaiono queste “pulsioni” mi sento come se dovessi per forza lasciarmi andare perché poi mi sentirei meglio, è anche questa forse una compulsione dettata dall’ansia?

        • Lucio Odisei Lucio Odisei ha detto:

          Quindi preferiresti tornare avere l’ansia forte e gli attacchi di panico?

          • Avatar Anonimo ha detto:

            No, però se soffrissi di più avrei la sicurezza che fosse doc probabilmente. Perché la prima volta che ci sono entato è stato l’inferno.
            Mi sembra di non soffrire abbastanza ora capisci…e questo alimenta il circolo vizioso.
            Sono nella fase di rasseganzione, è come se questa cosa mi dicesse che va bene così, e non vedo via d’uscita.
            Ogni tanto, negli attimi di lucidità, riesco a dire, ma no io voglio uscire, voglio di nuovo amare le donne. Però sono attimi che poi svaniscono.

          • Avatar Marco ha detto:

            Mi trovo nella tua stessa situazione,só che non leggerai questo commento però vorrei molto sapere se a distanza di anni hai capito qualcosa

          • Avatar Lion ha detto:

            Ciao Marco. Si, pochi mesi dopo aver scritto su questo blog ne sono uscito completamente (dal doc) anche grazie all’aiuto di uno psichiatra e psicoterapeuta. Purtroppo ad agosto di quest’anno sono ricaduto nel loop (o almeno spero sia DOC e non mi sia trasformato), è una ,merda.

          • Avatar Marco ha detto:

            Come hai fatto a uscirne

  • Avatar Natale ha detto:

    Ciao Lucio tempo fa avevo scritto un commento non so se ti é arrivato

  • Avatar Stefano ha detto:

    Salve signor Lucio.
    Mi chiami pure Stefano.
    Sono un ragazzo di 14 anni e volevo raccontarle la mia storia.
    Fin da bambino sono stato attratto dalle ragazze, mai da maschi (quelle della mia classe dell’elementari soprattutto), mi “innamoravo”(se si può chiamarlo così, a quell’età, però davvero mi sembrava un innamoramento..) di alcune, e sognavo di sposarmi con loro e facevo anche fantasie (non relative agli organi riproduttivi, però ad altre parti del corpo, niente di volgare però..).
    Alle medie mi piaceva di tanto in tanto qualche ragazza.
    Al terzo anno ho scoperto la pornografia e mi eccitavano cose etero e lesbiche (lo so che è strano però era così ). Comunque se vedevo qualcosa di omosessuale non mi facevo tanti problemi sulla mia sessualità.
    Al primo anno delle superiori mi bastava poco per farmi dei filmini mentali con delle ragazze.
    Anche semplici racconti erotici mi facevano eccitare.
    Quando però mi imbattevo per sbaglio in pornografia gay, non ricordo molto bene però un po’ mi eccitava mi pare, ma al più   presto possibile andavo via.
    Quando andavo in degli spogliatoi maschili se vedevo uomini nudi non mi eccitavo affatto.
    Tre volte in tutto quest’anno mi sono domandato se fossi gay, ma ho sempre concluso con un “no,non lo sono”.
    Poi di notte mi capitava di svegliarmi con le mutande bagnate, e quando mi ricordavo del perché di questo erano sempre sogni etero.
    Poi quest’estate mia sorella ha invitato una sua amica a passare le vacanze con  noi al mare in Francia.
    Be’ quando eravamo in macchina tutti mi bastava anche solo che il mio braccio o la mia gamba toccasse la sua che io mi sentivo in una bellissima situazione.
    Una volta mi sono quasi sentito svenire per un gesto che aveva fatto.
    Insomma probabilmente l’amavo, facevo fantasie con lei.
    Poi se ne doveva andare. Passò un giorno e avevo nostalgia di lei.
    Poi il giorno dopo ancora, di notte mi arrivano in testa (ero sveglio però) diverse fantasie omosesuali con un mio amico ed anche non volendo, eiaculo….  Dopo che faccio questo però non sento più attrazione per quelle fantasie.
    Corro in bagno e piango per un po’ di tempo. Il giorno dopo faccio un test e guardo un immagine di pornografia omosessuale. Mi eccito ma è una sensazione strana, poi mi dico che devo lasciarmi andare per il test, lo faccio ed eiaculo di nuovo.. poi perdo ancora l’attrazione e mi sento una schifezza umana. Mi faccio schifo guardandomi allo specchio. Immagino una mia foto da piccolo e mi dico come è possibile che ora  mi piacciano quelle porcherie. Piango piango e piango. Non volevo essere omosessuale ed avevo paura di esserlo. Vidi davvero tutto quello che volevo fare da grande frantumarsi in mille pezzi per questa questione.
    Così trascorsi gli qualche giorno giocando a videogiochi per non pensare. Poi mi fiondavo in bagno e facevo  pianti violenti, con litri di lacrime.
    Mi mancava l’appettito e non riuscivo nemmeno a stare seduto perché poi iniziavo a pensare.
    Poi non volevo guardare gli uomini e nemmeno le donne ed avevo seriamente paura che prima o poi mi sarei innamorato di un uomo.
    In spiaggia era davvero un qualcosa di angosciante: non mi eccitavano neanche più i bikini, ma nemmeno gli uomini.
    I miei genitori si domandavano cosa avevo. Poi mio zio una volta colpisce nel segno (era in vacanza anche lui con me) e mi chiede se è la sessualità  (lui è psicologo).
    Poi gli racconto tutto e mi dice che è come un ossessione per me. Ed allora passo i giorni come quelli di prima, chiedendomi però se quella persona mi attrae, quell’altra mi piace ecc. E sentivo e sento tuttora quando faccio così come un formicolio là sotto in presenza di uomini. (Come ho visto scritto prima negli articoli). Allora indago sul Doc omosessuale dico al mio zio se è quello che ho io e lui dice di sì. In effetti mi ritrovo in quasi tutti dei sintomi descritti.
    Io non ho mai provato attrazione per un uomo, semmai lo prendevo come esempio da seguire, lo ammiravo, volevo diventare come lui, lo prendevo come figura paterna ma mai amore o cose simili. Tuttavia io non ho mai eiaculato in vita mia di giorno (a parte la prima volta in assoluto), tranne quando mi è successo per cose omosessuali, fantasie e immagini (in totale quattro volte).
     E questo mi ha shockato molto. C’è da dire inoltre che come ho già detto subito dopo l’eiaculazione io non mi sentivo più attratto da quello che immaginavo o vedevo e spesso delle volte mi sentivo uno schifo e schifato di quello che avevo fatto è di quelle cose.
    Solo che quelle cose omosessuali qualche volta mi eccitano e qualche volta mi fanno schifo!!
    In più mi terrorizza il fatto che è alla mia età che si scopre l’orientamento sessuale.
    Sono confuso e stressato, comunque ho avuto nel corso della mia vita diverse altre minori  ossessioni e in famiglia le si hanno avute. E quando magari mi si abbassa la paura di essere gay allora mi chiedo il  perché di ciò  e inizia tutto di nuovo. Chiedo aiuto perché non c’è la faccio più.. E c’è qualcun’altro che prova queste (spero) pseudeccitacizioni, anche così come me? È normale ciò? Perché qualche volta cerco queste eccitazioni?
    Soffro di Doc o no?
    Ringrazio in anticipo per le risposte.

    • Avatar Stefano ha detto:

      Mi scuso per le dimensioni così lunghe del commento..

    • Lucio Odisei Lucio Odisei ha detto:

      Ciao Stefano, come sai non posso fare diagnosi.

      Perchè non approfondisci la questione con tuo zio?
      Se lui è psicologo e già conosce i tuoi dubbi potresti contattarlo nuovamente e chiedergli:
      1) se può seguirti finchè non ne esci
      2) cosa può consigliarti

      Credo sia la cosa migliore da fare 🙂
      Coraggio!

  • Avatar Anonimo ha detto:

    Ciao Lucio, volevo raccontarti quello che mi è accaduto oggi.
    Ho iniziato a ripetermi fra me e me la frase “accetto questi pensieri” “accetto questo periodo” e devo dire che ansia, pensieri, frasi e immagini intrusive sono scese d’intensità. Ho cercato anche di non mettermi fretta nelle cose, dicendomi, ogni cosa a suo tempo.
    Ti volevo chiedere una cosa, io ho come la sensazione che lasciando andare i pensieri, accettando la presenza dei pensieri, sia la strada per accettare di essere diventato omosessuale, non per uscire dal doc. Anche perchè non mi spiego come si possa riattivare l’attrazione per la donna (forse qui sto usando troppo la razionalità) Può essere questo l’ennesimo tranello del doc, che non ci vuol far uscire dal circolo vizioso?

  • Avatar Angelo ha detto:

    ciao lucio sono angelo, soffro di questo problema da 5/6 mesi circa.. partiamo dal fatto chr sono sempre statp una persona stra timida e con le tipe ho sempre avuto paura perché non ci ho mai saputo fare per la mia timidezza.. e ho sempre aspettato che arrivasse quella giusta per aprirmi definitivamente prima con altre ragazze non ero andatp oltre il limonare duro perché avevo il terrore di fare brutta figura a letto.. essendo cresciuto a porno a manetta avevo il terrore di questa cosa.. ero arrapatissimo ma avevo il terrore di questa cosa, trovata la ragazza giusta mi sono aperto definitivamente anche nel sesso, però anche li avevo sempre l’ansia di farlo mi facevo sempre mille domande magari non gli piace magari mi lascia ecc ecc poi un bel giorno succede che perdo l’erezione (premetto che è la mia prima relazione seria e la ragazza con cui inizio a farlo veramente spesso a 23 anni) da li è partito tutto da questa perdita di erezione mi è caduto il mondo addosso mi è entrata questa domanda in testa che non mi ha distrutto completamente. . per due settimane non ho avuto un erezione sono stato malissimo ho pensatp perfino il peggio.. successivamente parlando di quedta cosa a mio padre sono riuscito ad uscirne (ne ho parlato con lui perché per me era una cosa completamente nuova e mi ha sconvolto) . però quedta domanda mi è rimasta in testa ed è cresciuta sempre di piu ho iniziato a cercare nel passato qualsiasi cosa che potessi collegarsi e mi sono messo a farmi domande su domande anche la tv ha peggioratp la cosa perché ovviamente venivano fuori cose su omossessulai in ogni canale che guardavo.. questa cosa ha rovinato anche la mia relazione con lei, non capisco perché ma questa coaa mi sta rovinando l’esistenza prima quando pemsavo a queste cose andavo in panicp totale ansia da morire non vedevo l’oea che finisseto le giornate per amdare a dormire e non pensarci

  • Avatar Angelo ha detto:

    in pratica mi masturbavo e lo faccio con lei solo solo per dimostrare a me dtesso che ero etero ma era peggio finito il rapporto mi tormava l’ansia e mi facevo mille domande non capisco che cosa mi succede prima quando pensavo a qieste cose sull’omosessualita piangevo e stavo malissimo sono stato depresso per mesi invece ora non sento piu ansia se penso a quelle cose e se inizio a dirmi che skno etero o se inizio a pensare ad un rapporto con qualsiasi donna mi viene un ansia della madonna.. il bello che mi è capitato un settimana fa che ho fatto un sogno eriotico che facevo sesso con una ragazza e mi sono svegliato che ero venuto, a sto punto nom capisco se la mia testa mi prende in giro o cosa ho sempre pensato alle donne e mi sonk masturbatp per 23 annj solo su porno etero e appena uni sfiorava mi veniva duro per dirti 🙂 sono da mesi bloccato nella fase incui mi chiedo se sono doc o altro.. il bello che una settimana fa ho letto i tuoi aricoli e mi sono sentito come sollevato ed ero convinto fosse doc e me ne fregavo dellr pseudo attrazioni ma ora mi è tornato tutto più forte non è possibile che se sono vicino a maschi mi immagino che me li bacio o che sono passivo.. il mio sessuologo mi dice che è un problema di autostima e anche di esperienza perché ho avuto una sola ragazza seria con cui l’ho fatto visto che poi con lei ultimamemte non va molto bene e siamo stati molte volte sul ounto di lasciarci.. io vorrei uscirci ma è come se ci avessi fatto l’abitudine a questa cosa sono le pseudo attrazioni che mi fregano e questa ansia appena penso al sesso con una donna.. scusa il papiro ma non arrivo ad immaginarmi un futuro in questo momento ho sempre pensato di avere una famiglia e dei figli ma questo mi blocca tutto

  • Avatar Angelo ha detto:

    e come se essere omosessale fosse la soluzione più facile ed essere etero fosse quasi un problema..cioè quando avevo letto del doc la scorsa settimana sono stato bene per 3-4 giorni dopo tanto tempo che non stavo così bene! avevo una sensazione positiva tanto che ne ho parlato con un mio amico come una liberazione poi mi sono pentito perché era come sr avessi cantato vittoria invece ora eccomi come prima qua come rassegnato è il mio primo pensiero la mattina e l’ultimo prima di andare a dormire..mi ha rassicurato il fatto che uno lo capisce quando ha 13-14 anni durante l’adolescenza e che uno non può cambiare il proprio orientamento sessulale così in 5 mesi ma mi rassicura per il momento la mia testa cerca sempre e comunque a mettermi il dubbio.. scusa ora non scrivo piu niente grazie per una tua eventuale risposta 🙂

    • Lucio Odisei Lucio Odisei ha detto:

      cioè quando avevo letto del doc la scorsa settimana sono stato bene per 3-4 giorni dopo tanto tempo che non stavo così bene! avevo una sensazione positiva tanto che ne ho parlato con un mio amico come una liberazione poi mi sono pentito perché era come sr avessi cantato vittoria invece ora eccomi come prima qua come rassegnato è il mio primo pensiero la mattina e l’ultimo prima di andare a dormire..

      E’ capitato a tutti. Non è con le rassicurazioni che si vince il DOC 😉

  • Avatar augusto ha detto:

    Lucio, voglio ringraziarti infinitamente.
    Sono un ragazzo di 23 anni e da circa 4 anni soffro di questo disturbo che in questi 4 anni mi ha letteralmente distrutto.
    il DOC e la viscerale depressione conseguente era diventata la mia realtà , la paura non mi faceva dormire la notte e men che meno mi spingeva a chiedere aiuto, questo dubbio mi ha condizionato o meglio gli ho permesso di condizionarmi in tutto ciò che facevo, ma in questo blog, in particolare con questi 3 articoli ho ritrovato un energia che credevo persa, nei commenti ho trovato conforto nel sapere di non essere solo.
    Quindi GRAZIE MILLE.

  • Avatar Angelo ha detto:

    Perché stare con la mia ragazza sembra che rafforzi tutto questo? solo penso che devo farlo con una ragazza mi viene un ansia assurda sono sempre stato ansioso sul sesso non essendo sicuro di me ma non così tanto come ora!! adesso è ingestibile è come se per me farlo con una ragazza fosse un pericolo o non so cosa, il mio sessuologo dice che devo fare esperienze.. visto che sono sempre stato un ragazzo con grossissimi problemi di approccio al sesso opposto e la mia ragazza è come se fpsse venuta dal cielo (conosciuta tramite Facebook ) anche in questo momento ho l’ansia è cpme se per me essere omo fosse più semplice ed essere etero fosse un problema. . assurdo doc maledetto

  • Avatar luc ha detto:

    Grazie bellissime spiegazioni
    Mai trovato nulla del genere e non mi e’mai riusciuto da spiegare pensavo di scrivere ma molti non mi davano ragione pi fraintendimenti so sempre stati tanti e diversi on altrettante persone e professionisti…

  • Avatar Beppe ha detto:

    Ciao Lucio ti porgo questa domanda perché tu ci sei stato in mezzo al doc.
    Innanzitutto però ti dico grazie per aver creato questo blog e queste pagine al doc omosessuale. Davvero ti dico che inizialmente mi sentivo malato e pazzo e nei brutti momenti omosessuale.
    Ti dico un po su di me.
    La cosa che temo di più sono le eccitazioni che mi vengono
    Le descrivo: prendo il cellulare, voglio vedere qualcosa di etero. Poi mi viene la voglia (più che altro sento che devo farlo anche se non voglio) di veder qualcosa di omosessuale. E si apre un dibattito tra due voci nella mia testa. Principalmente è questo:
    -Devo farlo. Devo masturbarmi su queste cose.. Lo dovrò fare nel futuro( anche se non voglio )
    – Non lo fare!! Non lo fare!! Ti farà stare male!! Tu non vuoi questo
    -Devo farlo… io devo…
    Intanto sento un peso che è l’ansia… il dibattimento viene vinto dal devo farlo e poi.. eiaculo.. e mentre eiaculo penso a me con una ragazza.. oppure non voglio eiaculare e faccio di tutto per non farlo.
    Poi inizio a pensare.. guardo le foto e non mi sento attratto e mi fanno schifo e mi faccio schifo.
    Ecco la domanda: c’è qualcuno che ha queste eccitazioni così dannatamente reali… però sono troppo forti rispetto a quelle che avevo Con le donne… e mi sento con ansia addosso….
    Lucio adesso lo chiedo a te .. è normale ciò ??
    Perché vedo che tutti descrivono minime eccitazioni e mi sento solo e malato…. se c’è qualcun altro che le prova può scriverlo qua sotto anche lui o lei? Grazie Mille a tutti….
    (Ah vado da uno psicoterapeuta.. ma non ci siamo ancora ben fermati al punto del Doc. . Comunque anche una mia parente psicologa me l’ha diagnosticato)

    • Lucio Odisei Lucio Odisei ha detto:

      Il problema è che stai cedendo sistematicamente alla compulsioni, e se hai letto un pò il blog, sai che questo non è il modo migliore per uscire dal Doc…

  • Avatar Beppe ha detto:

    Cavolo…sono compulsioni. .. è vero…
    Però sai che non ci ho mai pensato tanto su questo? Non avevo mai considerato plausibile l ipotesi delle compulsioni… Davvero.. adesso mi sento un po’ stupido perché mi sembra così evidente ora che me l hai detto…

  • Avatar Anonimo ha detto:

    Ciao Lucio,

    ho questo tipo di DOC oramai da 5 mesi dove non vivo più,penso di aver attraversato più o meno tutte le fasi e nonostante l’auto di una psicoterapeuta le cose non vanno meglio anzi,un pò da parte mia che continuo a testarmi di continuo con le donne,oramai non avverto quasi nessuna emozione,come se avessi perso attrazione 🙁 e ovviamente dall’altra parte,la vista di ogni uomo diventa sempre più cruciale,come se ne fossi attratto.
    La terapia consiste nell’osservare immagini di uomini nudi,io lo faccio ma sempre con il dubbio che mi possa piacere o meno,anche perchè con il tempo l’ansia è andata calando … sto anche seguendo un percorso farmaceutico da un mese caratterizzato da un ansiolitico e da un antidepressivo ma non vedo risultati.
    Durante il giorno rimungino sempre e la sensazione è quella che sia davvero cosi,che in realtà le donne non mi interessino più e a stare a contatto con loro è come se fosse utopia,sono fidanzato e stare vicino alla mia ragazza sta diventato un incubo perchè la sento lontana,lontanissima … e sto malissimo,avverto come un blocco a pensare alla mia vita con la mia donna,come se non è più quello che voglio,al contrario il pensiero di poter stare con un uomo passa tranquillo … ed io vado in angoscia.Volevo domandarti se tutti questi pensieri,sensazioni “piacevoli” facciano parte del disturbo o se sono io che non riesco ad accettarmi …

    • Avatar Anonimo ha detto:

      Inoltre avverto sensazioni del tipo come se non riuscissi/volessi stare più con una donna,come se solo il pensiero passasse per inusuale … addirittura mi porta ansia tutto ciò e non so perché, gli approcci con una donna sembrano diversi ma forse perché forzati dal fatto di testarmi, ma forse dovrei anche capire che non sono in condizione di poter fare qualsiasi cosa in questo momento …

  • Avatar Anonimo ha detto:

    Dimebticavo la sensazione che mi fa provare guardando una donna … come se non fosse una cosa più mia,come se dovessi solo apprezzarla …. io voglio morire per risentire l emozione di far sorridere una donna.

  • Avatar Eugenio ha detto:

    Ciao..ti ringrazio x il blog già avevo letto qualcosa a rigiardo..ho 25 anni, 2 anni fa conobbi quella che reputavo la “donna della mia vita”..semplicemente perfetta..ero innamoratossimo e tutto andava a gonfievele..troppo, che ero praticamente ossessionato da lei..non finì bene, il sesso andava davvero male (sì con lei ho fatto la mia prima cilecca ) e non c’erano molti momenti 1-2 volte al mese. .non riuscivo a sentirmi appagato..ci siamo lasciati e li l’inferno ha inizio..ho avuto due esaurimenti nervosi e in seguito una lunga depressione. .cercavo rifugio nei pensieri sessuali ma non mo sentivo stimolato o coccolato e li mi si insinua nella mente un’immagine omosessuale..angoscia e panico..sono due anni che faccio terapia con uno psicologo..questi pensieri mi martellano costantemente e se mi ci crogiolo dentro perché dico “ok è cosi” quasi sembra piacermi..poi se mi distacco un secondo mi sento angosciato e annientato..come se la mia persona non esistesse più, non fpsse mai eaistita..oggi addirittura ho pensato “diventerò donna ” l! Idea quasi mi confortava..non so più chia sono e ho davvero tanta tanta paura. .tutti i giorni è così. .ogni tanto trovo conforto tra le braccia di una ragazza affettuosa ke mi coccola un po’ e l’angoscia cala..ma è momentaneo..nn riesco a trovare “soddiafazione ” nel sesso, quasi lo evito..non voglio cambiare sesso, seebbe negare me stesso e tutto quello che finora ho fatto..ma voglio sentirmi dinuovo uomo, ritrovare me stesso e la soddisfazione e la complicità nel sesso con la donna ke un giorno spero sarà mia moglie. .grazie dell’ attenzione..un saluto
    Eugenio

  • Avatar Eugenio ha detto:

    Ah sì. .riscontro molte somiglianze con tutti gli utenti e la cosa li x li mi rassicura. .ma quando distolgo lo sguardo non mi sento convinto..ho ancora fatto l’amore con una ragazza dopo la storia dolorosa, tutto liscio ma non dovevo soffermarmi a pensare solo lasciarmi coinvolgere..se solo mi bacia una ragazza mi piace mi eccito e mi basta quello x non controllarmi la sotto, ma quando la cosa deve farsi più spinta e magari mi mette una mano nelle mutande mi sento a disagio, se sta fuori no però anzi, mi fa impazzire..sto impazzendo davvero 🙁 xò non mi vergogno a parlarne anzi..trovo che sia bello poterne parlare liberamente e sfogarsi e comunque riscontrare tante vicende simili..anche per età. . Saluti

  • Avatar Eugenio ha detto:

    Ah ultimissima cosa..sono passato dall’ apprezzare l’uomo che ero e che stavo diventando all’ odiarmi totalmente quasi a non voler vedere il mio riflesso nello specchio..queto mi fa stare malissimo. .come se abitassi in una vita che non è la mia

  • Avatar Samuele ha detto:

    Ciao Lucio, so che il sito è momentaneamente chiuso peró scrivo lo stesso la mia esperienza. Fin da bambino ho avuto attrazione per il sesso opposto facendo fantasie su possibili storie ecc ovviamente nulla di concreto si verificava per via della mia timidezza e insicurezza. Fin dall’infanzia ho sempre avuto dei brutti pensieri che non volevo e facevo fatica ad accettare, arriviamo a inizio terza media dopo un periodo post depressione dovuto al fatto che mi ero preso una cotta per una ragazza che peró non reputavo alla mia altezza in bellezza, un giorno in bagno lessi una rivista di mia mamma “Tu” dove c’era un articolo sul l’omosessualità e allora lì inizió tutto “e se fossi gay?” … Ragionamenti su ragionamenti, addirittura pensavo di essere una donna nel corpo di un uomo, continuavo a ripetermi “sei un ragazzo non una ragazza!”Il tutto svanì dopo l’esame di terza media quando andai in vacanza con i miei amici. Il pensiero poi si ripresento nella seconda metà dell’anno scolastisco in prima superiore, non andavo benissimo a scuola e con questi pensieri decisi di smettere …. Bocciato! Estate, amici, vacanza e ripassa tutto …. Inizio due anni in uno, va alla grande, dopo Natale inizio a sentire una ragazza per chat (più facile che dal vivo), la cosa va avanti fino a che non voglio vederla ma non succederà mai perchè scopro che non era la ragazza che diceva di essere … Depressione e di nuovo quel maledetto pensiero, riesco a dare l’esame finanle con estrema ansia e si ripete il meccanismo – estate/amici/vacanza solo che questa volta ho le prime esperienze con le ragazze mi sento bene e di piacere, pensiero svanito… Bellissima estate dove conosco Silvia e inizio la mia prima storia d’amore che durerà 7 mesi, finisce, depressione, mancanza di autostima e decido di rifarmi il naso … Ma questa volta il pensiero non si ripresenta, vado in quartave tutto perfetto anche i voti. In estate mi metto con una di cui non ero sicuro, forse perchè volevo un’altra ragazza che non aveva contraccambiato, i pensieri ricompaiono e durano tutto l’anno scolastico fino a che non lascio la ragazza in questione Sara … Estate,amici e passa di nuovo ho qualche flirt ma niente di che (noto che inizio ad avere delle compulsioni). Fatto sta che è il 2007 e mi sento bene, inizio l’università ma non va troppa ansia per gli esami ma non dico nulla ai miei o meglio a mio padre, 2009 incontro l’amore che pensavo fosse della mia vita, storia che finisce nel 2012, depressione ma nessun pensiero fastidioso. Decido poco fa di cambiare facoltà lo dico anche a mio padre e inizio sono pronto a dare il primo esame ma nulla mi blocco continuo a rimandarlo, in più iniziano brutti pensieri tipo la paura di perdere i capelli, ho l’AGA ma è sotto controllo e il medico mi rassicura ma nulla la paura c’è, fino a che non svanisce per un’altra quella che la musica che fanno a Ibiza non mi piaccia più e mi piaccia solo il rock (dovevo andare a Ibiza e ascolto sia dance, techno e rock senza problemi) test su test ma nulla … Parto e la prima sera per non avere questi pensieri abuso di alcol e droghe (non sono abituale anzi nulla), finisco al codice rosso, il giorno dopo leggo notizie sul Sert e lì parte una voce “sei un tossicodipendente”, torno da Ibiza prima. Cerco rassicurazioni in ogni cosa ecc, fino a che dopo alcune settima ritorna la mia paura di essere gay, test su test, rassicurazioni… Ansia,panico e angoscia. Intanto decido di uscire di nuovo con una mia ex ragazza per cui qualcosa provavo ma c’erano alcune problematiche tipo è separata ed ha una figlia. È passato un mese emmezzo da quando ho questi pensieri, ne parlo con un’amica psicologa e lei mi dice che sembra Doc (mai saputo prima cosa fosse) e mi indica un centro specializzato, sono andato questa settimana e lo psicologo mi fa che molto probabilmente è Doc e i miei problemi riguardano non tanto la sfera sessuale ma altri come il fatto che non so cosa voglio fare nel mio futuro ecc), Comunque decido lo stesso di uscire con lei mi piace ma mi sembra sempre un test, ho paura di baciarla sulla bocca per non provare nulla. Dopo la visita ricevuta sono stato bene ma sono ripiombato nello sconforto, se è doc o no? Un giorno ero convinto di essere gay poi no ecc. Ieri sono uscito con lei, tutto a posto a parte la paura in centro che potesse piacermi qualcuno. Alla sera i miei amici vanno a ballare ma non ho voglia, vado a bere una birra con un mio amico di calcio che per me è come un fratello minore e lì prima di passarlo a prendere il caos (un paio di mesi da fa da ubriaco ho pensato e se lo baciassi, mi piacerebbe ? Forse si … Ma ho voglia per caso ? ma poi ho razionalizzato e ho detto “ma cosa sto dicendo?”) andava tutto bene, poi è salito in macchina e il pensiero è partito “vuoi baciarlo ti va di baciarlo ! Ecc” peró penso anche alla ragazza con cui sto uscendo mi piace sentirla e uscirci … Vabbè non so se è Doc o no ma vi terró aggiornati, in passato ne sono uscito ma ora il tutto sembra troppo reale …

  • Avatar Samuele ha detto:

    Ovviamente la prima cosa che ho fatto è stata quella di cercare se qualcuno ha mai avuto questo impulso di voler baciare uno del proprio stesso sesso … Cosa che mi ha fatto fare una notte insonne con continui ragionamenti del tipo “ma tutte le altre volte che l’ho visto non ho mai avuto questo impulso e ieri si dopo mesi ?! O i soliti pensieri “sei gay” “provi un sentimento per lui” “ma forse è solo fraterno?” e allora provo qualcosa anche per la ragazza con cui sto uscendo nel basso ventre … Come se non riuscissi a discendere i miei sentimenti. Grazie del tuo blog comunque

  • Avatar Giovanni ha detto:

    Buongiorno sono un ragazzo di 17 anni. Vorrei parlare della mia situazione. Mi sono sempre piacute le donne, infatti ho preso svariate cotte nella mia vita, ho fatto anche sogni erotici su parecchie di loro e ho praticato anche autoerotismo pensando a loro. Però da quando ho circa 12/13 anni mi capita che durante l’anno mi prendo dei mesi in cui divento molto ansioso su questo argomento e mi chiedo se io sia etero al massimo, mentre nel resto dei mesi nn ci pensò quasi. Perché mi capita alcune volte di provare delle sensazioni strane proprio in questo tempo verso gli uomini.
    Io sono stato da sempre un tipo ansioso, e ho sempre avuto problemi con il sesso opposto. Mi sono sempre piaciute detto volgarmente tette, fi**, e fondoschiena delle donne e mi piacciono tutt’ora, mentre alla visione di un pene che nn sia il mio che si masturba mi inorridisco abbastanza. Il mio problema è anche perché ho paura di fidanzarmi perché ho paura di avere dei dubbi proprio mentre sto con una ragazza. Grazie e aspetto una risposta

  • Avatar Paolo ha detto:

    Ciao Lucio, sono ormai alcuni anni che tra alti è bassi sono nella morsa di disturbi ansiosi: ipocondria, panico/derealizzazione, doc. Negli ultimi tempi l’ossessione omosessuale è diventata devastante, soprattutto tendo a concentrarmi ossessivamente su sensazioni anali di stimolazione e penetrazione passiva che mi portano alla conclusione che potrei trovare piacevole e liberatorio un rapporto passivo, benchè non riesca ad immaginarmi tranquillamente un questi rapporti con un uomo, tanto meno una relazione romantica con un uomo. questa sensazione immaginata di potenziale piacere si associa però ad un’angoscia estrema e a un profondo senso di disagio e paura, ho il terrore che possa essere in corso una subdola slatentizzazione di una componente della mia sessualita prima silente, sono angosciato all’idea di non essere genuinamente e sufficientemente ripugnato all’idea di corpi e membri maschili, mentre ho l’impressione che il mio atteggiamento oscilli tra l’indifferenza e l’attrazione. Ormai sono in cortocircuito quando vedo un uomo oggettivamente avvenente per strada o in tv non riesco più a stabilire che sorta di reazioni provo, ho l’impressione di esserne attratto, anche se la cosa mi turba moltissimo. Premetto che come tutti quelli che hanno scritto prima di me ho sempre avuto, fin dalle più tenere masturbazioni infantili, fantasie e orientamenti esclusivamente eterosessuali e, a dispetto di un’adolescenza vissuta nella penombra dell’insicurezza e del disprezzo per me stesso, in anni più recenti ho avuto diverse esperienze sessuali con donne e ho sempre trovato eccitante anche solo sfiorarle. Sono attualmente fidanzato, ma la mia relazione è problematica, e non so se addebitare alle criticità di questa storia, con una donna molto diversa da me per sensibilità e piuttosto “aggressiva” sul piano sessuale, le manifestazioni angoscianti di cui sopra, o se piuttosto ricondurle ad una componente omosessuale reale. La mia libido nell’ultimo anno è stata estramemente fluttuante come mai prima, in precedenza ho sempre avuto una carica sessuale dirompente, da tempo invece mi sento quasi mutilo dal punto di vista libidinale, non mi masturbo praticamente mai, i rapporti con la mia ragazza sono spesso vissuti con ansia prestazionale e spesso sono scarsamente appaganti, come se la mia sensibilità peniena si fosse ridotta e qualcosa mi suggerisse che non è quella la mia natura, che non è nel sesso attivo il piacere che cerco etc. ma al contrario nella passività.. vorrei che queste sensazioni mi mollassero, come questa ipersensibilità “anale” sparisse per sempre. sono sfibrato dalla giostra inarrestabile dei miei disturbi ansiosi e terrorizzato all’idea di essere/diventare gay o anche “solo” bisessuale, non ne posso più, vorrei solo una serena e tranquilla vita da eterosessuale, come ho sempre, forse ingenuamente, sognato fin dall’adolescenza. Sono sicuro che se scrivessi le medesime cose in un sito gay mi si direbbe da più parti che sono un omosessuale represso che sta scoprendosi, sono agghiacciato.

  • Avatar Anonimo ha detto:

    ciao lucio
    circa 1 mese fa mi è stata fatta una presa in giro sul fatto che io ero omosessuale la stessa notte non riuscivo a dormire mi si creavano delle immagini nella mente io insieme ad una persona dello stesso mio sesso immagini omosessuali a seguito di questo mi veniva nausea mal di testa VOLEVO SCACCIARLI o cominciato poi a fare tutti i rituali del doc col tempo perche stavo impazzendo. durante il giorno ho incominciato a d avere delle immagini intrusive mi sentivo come dentro una bolla isolata da questi pensieri . HO INCOMINCIATO A RILASSARMI E IN EFFETTI HO INCOMINCIATO AD ESSERE PIU PRESENTE MA L’ATTRAZIONE VERSO IL MIO STESSO SESSO CE LHO ANCORA MI DA NAUSEA MAL DI TESTA COME LE PRIME VOLTE che questa cosa mi è capitata E NON RIESCO A PROVARE ATTRAZIONE PER IL SESSO OPPOSTO cosa che prima provavo . la fissazione anche senza ansia compulsioni o rimugini fa parte del doc e mi fa sentire cose che prima manco notavo ? il doc distorce la fissazione e ti fa credere che sia attrazione? cioè il doc distorce la realta anche senza ansia e compulsioni ?

  • Avatar Sara ha detto:

    Ciao!
    Mi chiamo Sara ho 21, e da quando ne ho 19 soffro di questo tipo di DOC in precedenza ne ho avuti altri, meno invasivi ma all’epoca ugualmente dolorosi, questo dura da più tempo anche se ammetto che nell’ultimo anno la cosa é nettamente migliorata, so bene quando tutto é iniziato (ossia quando un mio amico mi ha confessato di essere gay) e tutto ciò e continuato a causa dei rapporti sessuali insoddisfacenti con il mio ragazzo che mi ha lasciato un anno dopo con un tradimento, non avevo grande esperienza e quindi ne soffrivo molto e tutto ciò mi portava a rafforzare la mia tesi dell’omosessualità, argomento che negli ultimi anni occupa un grande spazio nella società. Devo ammettere che complice una psico terapia e una storia che dal punto di vista sessuale andava molto bene, le cose sono migliorate. Ma tuttavia non sparite altrimenti non avrei trovato questo blog, leggendo i tuoi articoli, mi ci rispecchio molto, soprattutto al passato… Credo che il Doc a questo punto (subdolo com’è ) si manifesti in altre domande, alla lettura e l’identificazione nelle tue parole segue una considerazione “mi ci rispecchio ma al passato, non é che ora allora ho accettato l’idea di essere gay?” Ed ecco che l’ansia ritorna.
    nella mia testa la soluzione più logica é quella meno convincente.
    sarebbe “brava, ti stai documentando e conosci l’argomento, non vieni presa dal l’ansia perché impari gli schemi mentali con cui ragiona la tua mente malata e accetti i tuoi pensieri intrusivi ” l’ipotetica accettazione di questi pensieri (che da quel che ho capito e anche un modo per uscirne) mi mette ansia, ed ecco come il doc diventa più subdolo.
    Infatti prima era:
    pensiero negativo (prodotto da un immagine ad esempio) –> ansia
    Ora seppur meno frequente, lo schema mentale é questo:
    Mi leggo e identifico nel testo –> non ho ansia –> allora io sono gay —> ansia
    Non so se mi sono spiegata bene spero di sì, e di poter avere una tua opinione in merito

  • Avatar Peppe ha detto:

    Ciao Lucio guarda a me mi capita spesso di provare piacere nell immaginare un mio caro amico magari fare del sesso con ragazze e masturbarmi con questo pensiero e spesso magari aggiungere me stesso in un orgia insieme a lui secondo te si tratta di doc, perché fondamentalmente non mi sento gay.

  • Avatar roby ha detto:

    Ciao lucio volevo raccontarti la mia storia. Sono un ragazzo di trent’anni fidanzato da 13. …ho una storia bellissima con la mia fidanzata siamo molto legati. …però c’è un però. ….tre mesi fa mio fratello mi ha confidato di essere gay e per me è stato un dramma infinito.premetto che non ho nulla contro i gay ma parliamo francamente non è piacevole…..inutile dire che per me è stato un colpo durissimo. …sono stato per tre giorni senza mangiare dormire e uscire da casa…questo evento mi ha mandato in una derealizzazione senza precedenti con crisi di panico pianto tachicardia tremore ecc….poi dopo un po di giorni ecco l inferno! !più che una domanda una affermazione :mi sento come lui! Il da li la discesa agli inferi. ….ho perso 20 kg perché non mangiavo piu…piangevo di continuo al punto di pensare davvero di farla finita nel caso in cui fossi diventato gay. ….ho perso il lavoro a causa di un collega divenuto obiettivo di compulsioni… non era bello ma guardavo anche i 90 enni per testarmi….sono dovuto ricorrere a farmaci che purtroppo hanno come effetto indesiderato il calo della libido e quindi l inconscia ammissione di stare per cambiare il mio orientamento sessuale.sono a pezzi la mia vita sta andando a rotoli per un problema che non esiste perché sono consapevole che è una cosa assurda. …non si può scatenare l omosessualità solo perché qualcuno ti ha detto di esserlo…so bene che i miei pensieri sono stupidi ma nonostante ciò non riesco a fermarli…..l attrazione per le donne è sceso vertiginosamente mentre quello per gli uomini sembra salito. …adesso sono in una fase in cui l ansia non c’è e inconsciamente sembra che io abbia accettato di essere gay….io ero un vichingo con le donne. ..guardavo anche le 60 enni mi facevano impazzire adesso sembra tutto finito. ..in tre mesi la mia vita è stravolta. ..so di non essere gay e che la sessualità non si cambia ma il maledetto doc pare reale…..non so più cosa fare sono sfinito di questa lotta fatta di domande e risposte. …preferisco morire che essere gay con tutto il rispetto per i gay. …..mi piacerebbe sapere se qualcuno di voi ha queste sensazioni se anche a voi è nato il doc per questo motivo. ..buona giornata. ..io cmq non mollero un millimetro dovesse costarmi la vita

  • Avatar roby ha detto:

    Sogno una famiglia dei figli. …il doc sta distruggendo i miei sogni

  • Avatar roby ha detto:

    carissimo lucio inutile dire che giro sempre intorno al tondo….sono passati tre mesi e di miglioramenti nemmeno l ombra.so bene che la colpa è mi ama credimi sembra tutto reale….non capisco piu dove stia il confine tra doc e omosessualita’….io ho giurato che nel caso in cui diventi omosessuale vado a chiudermi in un convento o mi uccido perche non voglio uomini nella mia vita ….mi fanno schifo pensare di averli accanto….sto buttando via il mio tempo dietro un fantasma dietro un nemico che non esiste IO SONO ETEROOOOOOOOOOOO E VOGLIO MORIRE COSIIIIIIIIIII il cazzo di doc mi vuole distruggere i sogni piu belli una famiglia dei figli io odio il doc piu di ogni altra cosa al mondo

    • Avatar ALLY ha detto:

      Ciao XD,
      Posso darti un consiglio da “amica”?…ma che amica ?Neppure ti conosco!…..Cmq,ciance a parte…ti insegno un trucchetto: ogni qual volta che ti rassicuri autoconvincendoti che sei etero ma poi temi che la vista di un tizio del tuo stessso sesso incontrato x caso metta in discussione quanto faticosamente dimostrato prima; prova a pensare che qualsiasi uomo che vedi non è una minaccia xkè x te è etichettato come estraneo ai tuoi gusti al massimo grado e,qualora ti affiorassero dubbi,fermati un attimo e ripeti a te stesso: lo getto nel reparto schifiltà dei miei gusti ahahahhahaahhah rido perchè io faccio così.A volte,nella disperazione rido perchè ho un carattere molto stravagante e neppure il doc con i suoi infernali e dannati trucchetti può impedirmi di gioire e ridere…..
      Insomma ,picciotti,picciotte, uomini e donne tutte vittime di questo fardello ascoltate tutti:gli unici artefci della vostra cura introspettiva siete voi….nessuno psichiatra,nessuno psicologo può capirvi…..solo voi che condividete le vostre esperienze di vita da dockers potete comprendere come tutte quelle che avete giudicato pecche o tasti imbarazzanti della vostra vita siano,in realtà, sintomi di questo doc…..e non colpa vostra.

  • Avatar roby ha detto:

    ciao ally…innanzitutto grazie per la risposta…..poi sul fatto che ti reputi un amica anche se non ci si conosce mi va bene…mi piace pensare che tutti noi dokkati abbiamo diritto di vivere sereni……volevo risponderti…..il fatto di trovarmi davanti ad un uomo e catalogarlo come schifilta lo faccio da quando è scoppiato il doc(anzi nevrosi ossessiva come mi è stato diagnosticato ma credo siano sinonimi).inutile dire che non serve a nulla se non di gettarmi ancora di piu nello sconforto….sono perso…fidanzato da 13 anni non vedo piu un futuro davanti….sognavo una casa dei figli mia moglie ……tutto a scatafascio…….ero felice anche solo guradando un tramonto abbracciato con lei.adesso solo sti minkia di intrusioni e pensieri a rovinarmi l esistenza in tre mesi sono invecchiato di 30 anni!!voglio uscire non ce la faccio piu……le cose che mi fanno piu paura sono due.la prima è che uscendo dal doc uno prenda consapevolezza che potrebbe succedere di innamorarsi di un uomo e la seconda e di non riuscire piu ad avere quelle emozioni e sensazioni genuine e spontanee perche un doc controlla tutto

  • Avatar roby ha detto:

    buon giorno a tutti scrivo perche la mia situazione è diventata insostenibile…vi chiedo se qualcuno di voi durante il doc ha pensato di essere realmente gay e se sentiva come di cedere tipo andare in qualche chat gay——–io sto impazzendo non è possibile che dopo 31 anni da etero allo stato puro solo perche mio fratello mi ha detto di essere gay lo sia diventato anchio

  • Avatar ALLY ha detto:

    Ascolta Robbè ahahahah ti faccio una domanda: vivresti da persona felice ammettendo di aver nutrito strambe fantasie sulla gente a te cara,cessa o estranea?…IO penso proprio di no.Anzi lo ritieni inaccettabile e schifoso al massimo grado.Quindi, la tua infelicità è la tua risposta al doc:NON SEI GAY! amunì ahahahahhah

  • Avatar ALLY ha detto:

    ho un’altra risposta al tuo dubbio: uno che è gay lo sa e non combatte contro queste ossessioni ripetendosi tutti giorni:non voglio essere gay oppure forse sono davvero gay e poi il giorno dopo ancora soffre perchè ha ceduto al tranello del doc….tu stai lottando contro il doc,stai soffrendo a causa sua,quindi …..sei eterosessualissimo…..insomma Robertino,sei a norma !:)

  • Avatar roby ha detto:

    grazie mille ally…..ho capito che sei di palermo e non vorrei sbagliarmi ma credo anche che ci conosciamo

  • Avatar roby ha detto:

    sei alessandra???

  • Avatar ALLY ha detto:

    No affatto ahahahahha non ti conosco…mi chiamo Agnese XD …mi fa piacere aiutare la gente e spero di essere utile a tutti.Cmq è vero sono siciliana d’oc!

  • Avatar Antonio ha detto:

    Ciao Lucio vorrei una delucidazione. Chi è veramente gay ha il desiderio e si sente felice di fare coming out anche se sa che lo prenderanno magari in giro o ha paura di farlo pensando al pensiero negativo degli altri se lo farà ?

  • Avatar ALLY ha detto:

    Ciao Antonio, ascolta il fatto che tu non riesca a trovare una risposta alla tua domanda è dovuto al fatto che non sei gay…..una persona gay non si porrebbe il problema che ti stai ponendo tu. Tu non lo potrai sapere mai perchè,di fatto, non lo sei. Spero di esserti stata utile.

    • Avatar Antonio ha detto:

      Grazie cara Ally avrei una domanda da farti riguardo a un pezzo scritto in questa pagina : ”Puoi comprenderlo solo immaginando di vivere in una società prevalentemente omosessuale. Ti renderesti conto che essendo eterosessuale saresti diverso dagli altri e manifestando questa diversità correresti il rischio di diminuire la tua qualità della vita. Ma tu sapresti bene di essere eterosessuale!! Non ci sarebbe nessun dubbio e lo accetteresti pienamente. Quello che non accetteresti è di dover sopportare una vita come “diverso” con tutte le conseguenze che ne derivano.”

      Ecco se uno fosse gay lo accetterebbe pienamente e sarebbe felice di esserlo giusto? Non è un controsenso dire che non accetterebbe di essere diverso?? Se accetta di essere gay non dovrebbe dargli fastidio che è diverso giusto? Anzi dovrebbe fargli piacere. Invece è un controsenso ciò che ha scritto Lucio secondo me! Grazie rispondimi!

  • Avatar roby ha detto:

    mi rendo conto che quando sono senza pensierigli uomini non mi fanno nessun effetto..pero devo dire che anche per le donne non ho la stessa attrazione di prima….forse perche il doc lascia un solco nella mente che deve essere colmato….ho imparato a non darmi piu risposte e sto cercando di fare scorrere i pensieri.pero rimane una forte sensazione di fastidio e di vuoto.sembra tutto senza emozioni….spero passi

  • Avatar ALLY ha detto:

    Il fastidio è una cosa positiva, perchè vuol dire che hai un’inconscia necessità di smentire la falsa etichetta che il doc ti impone.Il fatto che tu stia cambiando metodo,non vuol dire che stia dando forfait;ma che oramai la tua mente è stanca di ragionare sempre sullo stesso punto…..secondo me, fai bene .La migliore arma è l’indifferenza.

  • Avatar robi ha detto:

    sto pensando di farla finita veramente…..adesso sono convinto davvero di essere gay..giuro che la faccio finita.ragazzi non so che fine faro ..pero voglio dirvi combattete questo mostro io non ce lo fatta….volevo vivere felice.sognavo una famiglia.dei figli adesso è tutto finito…….ho provato a lasciare scorrere i pensieri ma è peggio.è come accettare di essere davvero gay…………non so piu che fare.ho come l impressione che le donne non mi interessino piu

    • Avatar ALLY ha detto:

      Roberto non ti azzardare, se sei infelice vuol dire che non sei gay.Preferiresti morire piuttosto che accettarti come tale e questa è la prova che non lo sei!Rispondi ,te lo ordino.

      • Avatar ALLY ha detto:

        Non commettere errori da cui non puoi tornare indietro…..sfogati,parla anche cn me se ne hai bisogno ma tu non devi arrenderti……ce la devi fare!

  • Avatar ALLY ha detto:

    Roberto se hai bisogno di parlare ,ti do il mio numero ma, ti prego, non gettare la spugna.

  • Avatar ALLY ha detto:

    Roberto io ti posso aiutare…lo so, ho solo 22 anni ma ho sconfitto il doc e ti voglio aiutare a farlo.Ti prego,permettimi di aiutarti…..non hai idea di come una semplice chiamata o un dialogo su fb possa fare tanto……IO TI PROMETTO CHE NE USCIRAI,DAMMI ALMENO L’OPPORTUNITA’ DI AIUTARTI. Devi vincere tu,non lui…..

  • Avatar ALLY ha detto:

    Ti prego,rispondi

  • Avatar roby ha detto:

    udite udite cosa ha fatto il coglione di me…..è andato a leggere i sintomi della schizofrenia….et voila adesso penso di essere schizofrenico!!!!di male in peggio…………non ce la faccio piuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuu…..adesso che ci faccio caso faccio pensieri strani io che gioco a tennis o che do da mangiare alle galline….pensieri nn visioni…….nonostante 2 diagnosi di nevrosi ossessiva adesso penso di essere schizofrenico………………..ma il doc cambia contenuto?????

  • Avatar ALLY ha detto:

    Ti posso aiutare maramè? xD

  • Avatar roby ha detto:

    sei su fb??

  • Avatar roby ha detto:

    come devo cercarti

  • Avatar roby ha detto:

    come ti chiami

  • Avatar roby ha detto:

    ti ho scritto

  • Avatar Antonio ha detto:

    Grazie cara Ally avrei una domanda da farti riguardo a un pezzo scritto in questa pagina : ”Puoi comprenderlo solo immaginando di vivere in una società prevalentemente omosessuale. Ti renderesti conto che essendo eterosessuale saresti diverso dagli altri e manifestando questa diversità correresti il rischio di diminuire la tua qualità della vita. Ma tu sapresti bene di essere eterosessuale!! Non ci sarebbe nessun dubbio e lo accetteresti pienamente. Quello che non accetteresti è di dover sopportare una vita come “diverso” con tutte le conseguenze che ne derivano.”

    Ecco se uno fosse gay lo accetterebbe pienamente e sarebbe felice di esserlo giusto? Non è un controsenso dire che non accetterebbe di essere diverso?? Se accetta di essere gay non dovrebbe dargli fastidio che è diverso giusto? Anzi dovrebbe fargli piacere. Invece è un controsenso ciò che ha scritto Lucio secondo me! Grazie rispondimi!

    • Avatar ALLY ha detto:

      Antonio scusa se non ti ho risposto ma è da molto che non do un’occhiata a questo sito.Io ho un’amico gay e lui tutte ste paranoie che ti stai facendo tu non se le fa proprio….lui è gay ed è fiero di esserlo,consapevole del fatto che dovrà lottare contro il pregiudizio sociale……tu non lo sei.punto. Camurria ahahahahah e si capisce dai ragionamenti che ti fai te lo posso assicurare

  • Avatar roby ha detto:

    ragazzi dobbiamo metterci in testa una cosa…………a noi tutti questo inferno è scoppiato per un motivo………..io sono sempre stato etero ho 31 anni e soffro di questo disturbo da quando mio fratello mi ha detto di essere gay………..ma voi pensate che se lo fossi stato non sarei gia stato con uomini????è palese che la mia mente si è ossessionata per quello che mi ha detto mio fratello…….so che è difficile …….anchio passo intere giornate a pensare…..addirittura ho paura pure se mi passa il doc e inconsciamente accetto il rischio di innamorarmi di un uomo.paradossalmente mi sento piu tranquillo col doc addosso…….e sono fidanzato da 13 anni!!!ho sempre amato le donne …………capisco come vi sentite…..pseudo attrazioni….paura di stare soli con uomini………..lo so ….vi capisco…….ma cerchiamo di capire che è tutto finto

  • Avatar roby ha detto:

    ah dimenticavo…non so se avete passato la fase in cui pensate di essere o diventare pazzi o schizofrenici

  • Avatar Antonio ha detto:

    Grazie mille!! Solo una domanda… In questo periodo quando vedo degli amici e gli guardo il sedere, oppure capita di vedere di scorcio la loro mutanda mi viene un formicolio nelle parti intime e sensazioni nello stomaco che sembrano piacere!! Inoltre mi sento spinto da qualcosa e mi sento tipo eccitato nel guardarlo con le sensazioni sopra descritte. Perché sono spinto ad accettare queste Sensazioni e spinto a provare a toccarli? Grazie mille!

  • Avatar Antonio ha detto:

    Perché inoltre ho un qualcosa che mi spinge ad accettare di essere gay e che mi fa sembrare il tutto piacevole , quasi vuole annullare il mio non volere. Perché quando guardo dei ragazzi a volte il tutto mi sembra piacevole e mi piacciono e non riesco a respingere il tutto? Può essere il doc anche per quest’ultima cosa? Grazie cara

  • Avatar Antonio ha detto:

    Dovrebbe essere anche lui che mi fa pensare dopo molte volte che in effetti essere gay è piacevole in fondo? Grazie!

  • Avatar Antonio ha detto:

    E dimenticavo ultima cosa! Come mai a volte dopo aver respinto molte volte questa cosa ho tipo l’istinto inconscio di voler essere gay? Un pensiero che me lo suggerisce a seguito delle sensazioni piacevoli e tutto il resto? Rispondimi a tutte se ti va, così cerco di memorizzare e non ripetere

  • Avatar Antonio ha detto:

    Insomma dopo aver rifiutato il tutto il riassunto è : rifiuto il tutto ma poi un qualcosa mi fa pensare che in effetti vorrei essere gay ma non lo accetto e sarebbe bello accettarlo aaaaaaa

  • Avatar ALLY ha detto:

    Antò è la tua sensibilità che ti porta a dare importanza a queste cose….ammesso che tu abbia queste sensazioni,è la tua consapevolezza di non essere gay ad aiutarti a fregartene….il trucco è questo: non dare importanza a queste cose e da’ x scontato che non vuoi che ti piacciano.

  • Avatar ALLY ha detto:

    Purtroppo uno dei tanti vantaggi del doc ,oltre a quello di sembrare reale e convincente, è mettere in disordine la mente delle persone che sono sensibilissime e che danno importanza a queste trappole…..il tuo problema è che ti perdi troppo a pensare a queste cose….quando invece potresti uscire da questa sofferenza e logorìo mentale rispondendo una volta definitivamente NON VOGLIO ACCONDISCENDERE A QUESTE SENSAZIONI….LE HO? E VABEH,VANNO PUR SEMPRE CONTRO LA MIA VOLONTA’.

  • Avatar ALLY ha detto:

    Vivi sereno Antò 🙂

  • Avatar ALLY ha detto:

    scusami tanto…non la ritieni una contraddizione rifiutare il tutto e poi soffrire xkè temi che ti piacciano queste sensazioni?C’è sempre una parte di te che si oppone a queste trappole….ti sei chiesto xkè?Saresti gay se non ti preoccupassi di esserlo …invece ti fai mille domande perchè temi di esserlo…è da etero!

  • Avatar Antonio ha detto:

    Grazie cara, la sensazione quindi di SENTIRE COME SE STO CAPENDO SEMPRE DI PIÙ CHE SONO GAY è sempre sprigionata dal doc? Grazie. Un’altra contraddizione è il fatto che alcune volte un qualcosa mi spinge a dire ” voglio essere gay ” è poi io ho una specie di fastidio. Come mai questa sensazione di voler essere gay che viene da dentro e poi contrastata??

  • Avatar Antonio ha detto:

    Soprattutto Ally mi chiedo, perché quando ho quelle belle sensazioni a volte verso i ragazzi mi sento spinto a cedere e a provare a stare con un ragazzo ? Uffa 🙁

  • Avatar ALLY ha detto:

    Perchè hai detto uffa? Perchè ti da fastidio pensare che ti possa fare piacere….ad ogni trappola che ti tende il doc c’è una controrisposta da parte della tua indole che grida: no,non è vero!

  • Avatar Antonio ha detto:

    Grazie cara sei gentilissima davvero e mi sento più tranquillo… Stamattina un compagno di classe mi ha tirato una pacca sulla spalla e per scherzo toccato il sedere. Un bordello di sensazioni e subito rossore e sensazione nello stomaco come se avessi una cotta. È difficile contrastarle

  • Avatar Antonio ha detto:

    Inoltre non ti ho detto che in questo periodo ho senso di repulsione e mi fanno senso i genitali femminili. Questa repulsione però mi da fastidio perché vorrei che mi piacessero. È sempre DOC quindi?

  • Avatar ALLY ha detto:

    Se vorresti che ti piacessero,eccoooooome se lo è…….. tranquillo 🙂

  • Avatar Antonio ha detto:

    Grazie Ally!
    Ma come mai il DOC mi fa sentire eccitato con sensazioni nello stomaco per delle cose assurde?! Tipo ora se guardo i piedi di un mio amico faccio delle fantasie strane e mi eccitano… Mah

  • Avatar Antonio ha detto:

    Ciao Ally, purtroppo sono ricaduto nella tristezza. Per provare prima ho visto una foto e un video dell’organo femminile e ahimè avevo sensazione di disgusto, quasi mi veniva da vomitare! 🙁 perché tutto questo?! Perché. Uff.. Mi fa schifo ma non voglio che sia così… Però non riesco a farmela piacere

  • Avatar ALLY ha detto:

    Devi ascoltare te stesso…non devi temere le fandonie del doc….tu non vorresti questo….quindi,fregatene delle sensazioni e anche dei disgusti.Il fatto che ti preoccupa il disgusto, vuol dire che non vorresti provarlo.

  • Avatar Anonimo ha detto:

    Ragazzi ho 14 anni e per 1 anni mi sono masturbato pensando ad un mio amico ma era fantasia nella realtà mi conteneva cioè nella realtà guardavo le donne e basta e mi masturbavo pensando loro. Ora da due mesi ho questa ossessione io mi sono sempre definito un etero e a dir la verità ero anche un po’ contro i gay e li prendevo in giro. Però ora non riesco più a vivere sono distrutto e quest’anno ho gli esami sempre a cercare prove “guarda la donna ti deve eccitare,guarda il maschio ti fa schifo o no invece no ti piace….” e questo che mi ripeto nella mente…eppure io nella realtà le donne le guardo e mi piacciono più degli uomini o almeno credo spero non lo sooooo è tutto un casinoooooo secondo voi sono doc oppure quella brutta parola che non voglio nominare?

  • Avatar Anonimo ha detto:

    Ciao tizio anonimo,
    Innanzitutto sei dolcissimo ahahhhh che tenerezza *.* Allora, ti posso aiutare a farti capire che non sei gay….si capisce dal fatto che hai il terrore di esserlo e dal fatto che ti fa schifo pronunciare quella parola ….persino voldemort ti riesce piu’ facile nominare

  • Avatar Antonio ha detto:

    Grazie Ally vorrei farti una domanda. Perché nonostante mi sforzo che una ragazza deve piacermi quando ho un’amica in braccio mi fa schifo e tutto ciò mi preoccupa? Perché?!?!?

  • Avatar Antonio ha detto:

    Soprattutto perché le ragazze nonostante mi sforzo che mi devono piacere mi fanno schifo invece quando vedo dei ragazzi mi piacciono? Il tutto mi preoccupa…

  • Avatar Antonio ha detto:

    Soprattutto non riesco a stare con una ragazza perché ho la sensazione di disgusto e tutto ciò mi fa stare male 🙁

  • Avatar ALLY ha detto:

    Ciao 🙂 …Antonio la risposta alle tue preoccupazioni è lo sforzo che fai per fartele piacere e la tua preoccupazione nel caso in cui avvenisse il contrario…..tu sei preoccupato xkè non vorresti questo….il chè è un chiaro indice di eterosessualità.

  • Avatar Antonio ha detto:

    Hai pienamente ragione… Però nonostante mi da fastidio questo e vorrei il contrario… Non riesco a stare con una ragazza ora per il repulso verso la vagina….. 🙁 mi consigli di evitare di starci ora in modo da far passare?

  • Avatar ALLY ha detto:

    XD Non permettere che la tua volontà sia condizionata dalla paura…..se vuoi starci o no,dovrà dipendere solo dalla tua volontà……devi essere più sicuro di te stesso e cambiare modo di vivere…..solo così vincerai quello che ti opprime…..;)

  • Avatar Antonio ha detto:

    Lo so… Ma ti giuro quando sto con una ragazza ho una repulsione incredibile e ci sto male… forse sono gay veramente facendomi schifo la vagina. UFFA non ne posso più.

  • Avatar Antonio ha detto:

    E puntualmente non riesco a stare con una ragazza perché il repulso verso la vagina è più forte. Sono gay???!?

  • Avatar ally ha detto:

    No gioia non sei gay ….l’incubo del doc e’ che non da certezze,ma solo dubbi continui senza soluzione…..e’ come un cane che gira intorno a se’ per prendere la sua coda…..Se tu fossi gay,lo sapresti e lo accetteresti…..invece non mi pare che sia questo il tuo caso 🙂 Tu sei solo spaventato perche’ sei afflitto da un dubbio che ti rende triste.

  • Avatar Antonio ha detto:

    È vero… Mi spieghi perché sono spinto a immaginare il pene di miei amici o parenti e sento forti sensazioni nello stomaco che sembrano di eccitazione e piacere? E non riesco a togliermele dalla testa… Perché inoltre tutte le fantasie che faccio su un pene mi eccitano?!?

  • Avatar ally ha detto:

    Tu quando hai queste fantasie fermati un attimo e pensa ad altro…..e’ vero che questi pensieri sono indesiderati e intrusivi…..ma e’ pur vero che tu puoi decidere se continuarli o interronperli.Sostituisci queste fantasie a…..ricordi buffi o divertenti del tuo passato xD. 😉

  • Avatar Antonio ha detto:

    Infatti…… Però perché in questo periodo non solo immaginando ma anche se sto veramente con una ragazza mi fa schifo davvero?!?!? Cioè anche standoci veramente mi fa schifo! Può essere sempre il DOC che anche stando con una ragazza mi fa avere sensazione di schifo?!?!?!? Uff

  • Avatar Antonio ha detto:

    Ma soprattutto non riesco a stare con una ragazza perché standoci (e non solo immaginando di starci) mi fa schifo… Io non credo sia DOC! Il DOC non dovrebbe far avere sensazione di schifo solo immaginando di stare con una ragazza, ma poi dovrebbe piacermi se ci sto insieme anche se ho il DOC? Oppure quando si ha il DOC si ha sensazione di repulso e schifo anche quando si sta veramente con una ragazza?!?…

  • Avatar Antonio ha detto:

    Mi interessa sapere quest’ultima cosa!

  • Avatar ALLY ha detto:

    Se ti chiedi xkè ti fa schifo è perchè non vorresti che fosse così…quindi si…è DOC

  • Avatar ALLY ha detto:

    Shhhhhh non pensarci più altrimenti compulsi e ricominci da capo.Rispondi così ai tuoi dubbi e vedi che avrai l’animo in pace

  • Avatar Antonio ha detto:

    Va bene la smetto! Ultima domanda che ti voglio fare è questa … Due anni fa ebbi una relazione con una ragazza. Ad un certo punto iniziai a fissarmi e non mi piacque più. Il fatto di toccarle le parti intime mi faceva schifo enormemente! E ci stavo male perché volevo che mi piacesse e non volevo che mi faceva schifo stare con lei però era troppo forte questa sensazione di repulso verso tutto di lei… Non riuscivo a starci e ci stavo male.. Che ne pensi? Se penso a questa esperienza mi convinco di essere gay…

  • Avatar ALLY ha detto:

    Devi decidere tu cosa e chi essere ,non il tuo passato o le tue sensazioni…..Il doc ha i suoi lati negativi , ma ad una cosa serve come esperienza di vita: rafforza il carattere e la propria personalità,imponendola. 🙂

  • Avatar Antonio ha detto:

    Cara, lo sai che appena mi rassicuro sul DOC omosessuale mi ritorna una vecchia paura che è quella di addormentarmi? Può essere sempre DOC anche la paura di addormentarmi?

    • Avatar ENRICO ha detto:

      non ti preoccupare, è DOC , in un modo o nell altro ce l abbiamo tutti quei disturbi che accusi tu…non sono reali…ai suggerimenti di lucio e a quello che fai x uscirne aggiungi la pratica quotidiana degli esercizi di E.F.T. emotional freedom tecnique. non è sempre risolutiva ma aiuta parecchio …vai su emofree.it…comunque , a me sta aiutando anche tanto questo blog in cui ho ritrovato la gamma dei disturbi causatami dalla doc…ciò mi ha aiutato a prendere con più distacco le cavolate prodotte dal problema ossessivo…sò che ne sto uscendo, e ne uscirai anche tu, e tutti gli altri…uno scrittore ha detto che ha passato tanto tempo ad aver paura di cose che non si sono mai avverate…non sò se si riferisse ad un disturbo emozionale come questo, ma è la realtà…

  • Avatar Carlo ha detto:

    Buongiorno sono un ragazzo di 17 anni. Vorrei parlare della mia situazione. Mi sono sempre piacute le donne, infatti ho preso svariate cotte nella mia vita, ho fatto anche sogni erotici su parecchie di loro e ho praticato anche autoerotismo pensando a loro. Però da quando ho circa 12/13 anni mi capita che durante l’anno mi prendo dei mesi in cui divento molto ansioso su questo argomento e mi chiedo se io sia etero al massimo, mentre nel resto dei mesi nn ci pensò quasi. Perché mi capita alcune volte di provare delle sensazioni strane proprio in questo tempo verso gli uomini.
    Io sono stato da sempre un tipo ansioso, e ho sempre avuto problemi con il sesso opposto. Mi sono sempre piaciute le parti “intime” delle donne e mi piacciono tutt’ora, mentre alla visione di un pene che nn sia il mio che si masturba mi inorridisco abbastanza. Il mio problema è anche perché ho paura di fidanzarmi perché ho paura di avere dei dubbi proprio mentre sto con una ragazza. Grazie e aspetto una risposta

  • Avatar ALLY ha detto:

    perchè hai paura di addormentarti? xD

  • Avatar ALLY ha detto:

    (Carlo) don’t worry…..prova a non dare importanza a quello che tu rititeni che sia un problema.Ti viene ansia in alcuni periodi dell ‘anno?Ebbene,non farti paranoie mentali credendoti complessato…..Quando capitano questi mesi strambi di cui hai parlato,occupa la tua mente con altri pensieri senza pensare di avere un problema…..Magari mi dirai: Ma va?Hai scoperto l’acqua calda,anche io ho provato questo metodo -.-”……la domanda è….ti sei arreso al primo tentativo fallito? NEIN u.u, devi impegnarti a credere di non avere niente che non vada,svagandoti .

  • Avatar ally ha detto:

    De nada xD

  • Avatar Ettore ha detto:

    Salve, sono un ragazzo di 19 anni e dico subito che il mio orientamento sessuale non mi piace. Sono gay dai 13 anni penso, non ne ho mai fatto parola con nessuno, non ho mai avuto nessuna esperienza affettiva-sessuale nè etero nè omo. Diciamo che mi sono quasi sempre ben integrato con gli altri, ho sia amici che amiche. Sono convinto che non sono sempre stato “omosessuale” perchè prima dei 13 anni provavo qualcosa per le ragazze e ricordo di essermi eccitato vedendo una donna…Voglio sapere se comunque sia possibile, per me, avere un’esperienza eterosessuale, a livello fisico intendo, ovviamente lo scoprirò solo provando, ma vorrei avere pareri dal doc….
    Desidero ardentemente vivere una vita “normale”, avere una compagna, dei figli…. Aspetto una sua celere risposta, la ringrazio in anticipo!

    • Avatar Ettore ha detto:

      Comunque non voglio definirmi gay, voglio precisare che mi attraggono gli uomini, anche se le donne non mi lasciano del tutto indifferente…

  • Avatar ALLY ha detto:

    Ciao xD …confesso di essere un pò confusa circa il tuo vissuto……cmq, ti fa onore essere sincero.Dunque, io sono STRASICUUUUUUUUURA che sei etero ma non sai di esserlo….e queste sono le motivazioni della mia convinzione:
    1) non hai mai avuto esperienze etero;
    2) per qualche attrazione inconscia provata verso qualcuno del tuo stesso sesso,ti sei sempre giudicato omo;
    3) desideri ardentemente essere” normale”…
    Questo vuol dire che non accetti questa etichetta che per anni hai attribuito a te stesso;inoltre, il fatto che qualche impressione ti abbia portato a definirti tale,ti ha fatto soffrire così tanto da nascondere questo segreto x anni….. Se tu fossi davvero gay, non avresti dubbi e conosceresti i tuoi gusti 😉

  • Avatar ALLY ha detto:

    Aggiungo un’altra cosa……i 13 anni sono una fase molto critica dello sviluppo fisico e psichico dell’individuo in genere….non tutte le pulsioni sono controllate dalla volontà,quindi,si scoppre un altro universo….quello della sessualità: lo si esplora e,poi, solo crescendo, si fa mente locale di ciò che si è o no……. Tu non hai avuto l’opportunità di fare esperienze durante l’adolescenza, e questo ha comportato in te la perdita di un gusto di riferimento……tranquillo,è tutto qui 😉

  • Avatar Ettore ha detto:

    Grazie ALLY per avermi risposto! Ovviamente devo fare ancora le mie esperienze, che un pò per timidezza, un pò perchè non mi si sono presentate occasioni particolari, non ho avuto modo di farle. So e ho sempre immaginato che l’adolescenza è una fase critica per tutti noi e chi più chi meno ha trovato le sue difficoltà! Solo che mi preoccupa il fatto di provare pulsioni (eccitarmi) verso l’aspetto fisico degli uomini…. Vorrei sapere se conoscendo una ragazza, cosa che adesso sto facendo, con la quale mi ci sto trovando bene e che la trovo molto carina, potrei veramente provare qualcosa di fisico e trovarmici bene…. Grazie per la tua risposta! Ma sei amministratrice dell’articolo per caso? xD

  • Avatar ally ha detto:

    No affatto xD mi piace aiutare la gente ^·^

  • Avatar Anonimo ha detto:

    Ally mi aiuti? ? Sono in difficoltà non riesco più ad essere felice mi potresti raccontare la tua storia?

  • Avatar ally ha detto:

    Il fatto che ti preoccupi provare pulsioni verso i ragazzi e’ indice di eterosessualita’,saresti gay nel caso in cui ne andassi fiero e ne fossi contento.

  • Avatar Anonimo ha detto:

    Ally vivo male sono infelice mi puoi dare qualche consiglio?? Quando mi vengono i dubbi e gli attacchi di panico che devo fare?

  • Avatar Antonio ha detto:

    Ally grazie per la tua disponibilità. Non ti ho risposta subito per problemi di connessione. È normale che in questo periodo ho deciso di non frequentare ne ragazze per il repulso e stare lontano dai ragazzi anche se sono spinto a starci insieme? Il fatto che il repulso verso le ragazze è forte e mi da fastidio è normale che il DOC mi faccia pensare che sia solo una mia immaginazione il fatto che mi da fastidio e mi fa pensare che io accetto che non mi piacciono le ragazze? Aiuto

  • Avatar Antonio ha detto:

    Rispondimi ad entrambe se puoi! Grazie :*

  • Avatar Antonio ha detto:

    Ma soprattutto il DOC può avere il potere di farti tentennare quando voglio rifiutare le sensazioni di piacere ad esempio verso i ragazzi e farmi pensare che in fondo mi piacciono?

  • Avatar ALLY ha detto:

    Ok ragazzi…manteniamo la calma ahahahhahahha a chi devo rispondere prima ? xD …..Ehm ok, il tizio anonimo.Soffro anche io di attacchi di panico,anzi io sono la regina del panico xD.Gli attacchi di panico sono al 100% una reazione del corpo ad un nodo pschico che non riesci a risolvere…..e,ovviamente,tu sai quale sia la causa che te li crea.Io voglio aiutarti a risolvere il tuo problema…..non mi importa del panico….quello andrà via da solo una volta risolta la tua infelicità.Quindi, dimmi pure la causa della tua tristezza…..
    PS: Se non vuoi rivelare la tua storia, non preoccuparti,io cercherò comunque di venirti incontro ed aiutarti ^.^

  • Avatar ALLY ha detto:

    Ok Antonio, so che hai la forte sensazione di frenare degli impulsi forti…..ma perchè c’è una parte insistente di te che non li lascia esprimere e che li blocca?Te lo dico io…..quella è la tua volontà che lotta contro il doc.Quindi, quando hai dei dubbi,frenali!di a te stesso di essere etero senza pensarci troppo……non permettere che le ossessioni ti obblighino a farti strane seghe mentali…..Rispondi solo 1 volta definitivamente a queste ossessioni.

  • Avatar Antonio ha detto:

    Come mai mi fa schifo anche se una ragazza vicino a me si eccita? Mi preoccupa… Perché questo?

  • Avatar Antonio ha detto:

    Perché inoltre la vagina mi fa schifo?!

  • Avatar ALLY ha detto:

    se ti preoccupa è un buon segno xD ….dovresti preoccuoparti se fossi felice di questo disgusto…ma se ne sei contrario….è doc

  • Avatar Antonio ha detto:

    Se mi piacesse e non mi preoccuperei mai non sarebbe DOC… Per comunque qualsiasi foto di vagina vedo… Più vedo foto e più mi fa schifo. Mi spieghi perché?

  • Avatar Antonio ha detto:

    E comunque… Quando stavo con la mia ex e mi faceva schifo toccarle la vagina era un incubo per me. Perché da un lato avevo sensazione di disgusto e dall’altra quindi la fobia di aver scoperto che facendomi schifo ero gay. E DOC proprio perché ho la Fobia altrimenti mi farebbe schifo e basta?

  • Avatar Antonio ha detto:

    E non solo. Mi fa schifo anche il seno… Come mai?

  • Avatar Antonio ha detto:

    E riguardo al tuo ultimo commento… Il DOC non mi permette di dire definitivamente che sono etero ma sol di girarci intorno..

  • Avatar Antonio ha detto:

    Per comunque qualsiasi foto di vagina vedo… Più vedo foto e più mi fa schifo. Mi spieghi perché? Rispondimi solo a quest’ultima

  • Avatar Anonimo ha detto:

    Antonio calma ally ti ha già risposto credo che tu la stia stancando

  • Avatar Anonimo ha detto:

    Ally io ho 14 anni mi martirio da quando avevo 8 anni fino ai 12 anni e mezzo mi sono masturbato pensando solo ed esclusivamente a donne. Dai 13 ho cominciato a fantasticare su un mio amico era una fantasia non mi sono masturbato pensando ad un altro uomo ma solo a lui. Per 1 anno e mezzo ho avuto lui come fantasia ma quel momento durava 2 minuti e poi nella vita reale cambiava tutto insieme a lui parlavo di donne non mi venivano in mente stesso cose.Naturalmente io guardavo le donne e la maggior parte delle volte mi masturbavo pensando a loro il pensiero sul mio amico lo vivevo come una semplice fantasia.Poi di lui mi piaceva sopratutto il sedere un Po da femmine e le gambe un Po da donna depilate.Io nella realtà guardo le donne mi eccitano ho erezioni ma in questo periodo sono costretto a guardare anche gli uomini non mi do pace non riesco ad essere felice mi chiedo continuamente il perché di queste fantasie ho attacchi di panico ho paura di uscire di casa ho paura di dormire nello stesso letto con un maschio sono depresso.Ma tutte queste paure 2 mesi fa non le avevo e non le avevo mai avute prima. Non so come uscirne non so che fare come comportarmi perché facevo quelle fantasie perché perché io non ho mai avuto rapporti sessuali cioè in realtà si a 8 anni ma è stato tanto tempo fa con una ragazza ed ero piccolo.Donne nude nella realtà ne ho viste poche o quasi nessun.Ally che ne pensi?

  • Avatar Anonimo ha detto:

    Masturbo*hahahaahhaha martirio

  • Avatar ALLY ha detto:

    Ciao anonimo, mmmm io credo che più che il presente sia il passato a tormentarti…..il chiederti di continuo….perchè ho agito così?Perchè ho fatto queste fantasie?Sono normale?…Invece,io credo che sia sbagliato……tu devi vivere il presente con la consapevolezza che il passato non ti riguarda,tu devi vivere le tue giornate pensando a ciò che vorresti veramente….magari mi dirai:..<>….Ci scommetto la stesta che sei un ragazzo molto sensibile e riflessivo….forse non timido….ma la seconda d sicuro…..Tu fermati un attimo a pensare a cosa vuoi veramente…(doc a parte).Tu,in questo momento….così,su 2 piedi,cosa vuoi?

  • Avatar ALLY ha detto:

    oh Antò scusami se non ti ho risposto prima ahahahhaha ….cmq,io credo che quelle che tu chiami repulsioni….siano fobie…nel senso che il doc ti mette talmente in ginocchio da farti temere che le figure femminili non ti possano piacere…e,profezia che si autoavvera, hai davvero repulsione….Quello che tu chiami disgusto è semplicemente il fatto che non ti senti ancora pronto a fare un passo,magari a scoprire ed esplorare il tuo sesso opposto….questo è normalissimo….Tu devi decidere,non il doc,tu devi dare un perchè ai dubbi che il doc ti infligge….e la spiegazione è quella che ti ho dato io u.u

  • Avatar Antonio ha detto:

    Grazie agnè, scusa se ti rompo sempre. Purtroppo sono stato 2 giorni senza chiedere rassicurazioni ma ieri immaginando una vagina tutto mi è tornato..

  • Avatar Antonio ha detto:

    Eppure è un tormento il fatto di immaginare un pene… Continuamente lo immagino e ho nello stomaco come piacere.. Che cerco però di contrastare.

  • Avatar Antonio ha detto:

    E poi è incredibile… Ho paura delle donne da quando ho visto e avuto esperienza della vagina.. Mah.

  • Avatar Antonio ha detto:

    Più che paura delle donne ho paura della vagina ecco

  • Avatar ALLY ha detto:

    Ma non dare importanza a queste paure…..è solo che hai scoperto da poco una realtà che sconoscevi……evidentemete non sei pronto per certe esperienze….cmq, per quanto concerne le tue fantasie sul pene xD,te l’ho detto…..non importa quante ne fai, l’importante è che quando ti vengono le interrompi pensando ad altro.

  • Avatar Anonimo ha detto:

    Si hai indovinato sono molto timido comunque quello che voglio io e vivere serenamente solo questo chiedo

  • Avatar Antonio ha detto:

    Ok.. Cosa devo fare per non avere questo senso di schifo verso la vagina??

  • Avatar Antonio ha detto:

    Perché mi preoccupo del fatto che quando ho toccato la vagina alla mia ex mi ha fatto schifo?

  • Avatar Antonio ha detto:

    Ps : LA mia ex non mi piaceva fisicamente… Quindi toccargliela forse mi ha fatto schifo per questo

  • Avatar Ettore ha detto:

    Ciao Ally! Sono il ragazzo di 19 anni che scrissi tipo 2 giorni fa! Ti ringrazio per avermi risposto e avermi dato un barlume di speranza! Mi scuso a priori per quello che dirò, perchè potrebbe dare fastidio xD…
    In un rapporto sessuale, mi piace che un uomo e una donna compiano “l’atto sessuale” solo che non so se mi eccita più il pene o la vagina, comunque l’atto in se non mi disgusta anzi… Aspetto una tua risposta! E grazie in anticipo! 🙂

    • Avatar Antonio ha detto:

      Ciao Ettore mi permetto di risponderti perché anche io ho avuto questa fase. A te preoccupa il fatto che possa eccitarti il pene e fai di tutto per cercare che la vagina ti ecciti. Ecco perché sei etero!

  • Avatar Ettore ha detto:

    Ciao Antonio! Più che altro mi sento disorientato per il fatto, che dall’età di 13 anni mi sono eccitato sull’aspetto fisico degli uomini! Aldilà dell’atto sessuale etero che non mi disgusta, voglio eccitarmi sulla vagina e l’aspetto delle donne, insomma…. Il fatto di non aver avuto nessuna esperienza nè omo nè etero, mi destabilizza! Scusa se mi permetto ma la tua storia qual’è? Adesso come stai messo a livello personale? Scusa se mi permetto di chiedertelo! 🙂

  • Avatar ALLY ha detto:

    Salve ragazzi, allora sappiate che il fatto che vi eccitiate involontariamente con fantasie omo ,non vuol dire che siate omosessuali;infatti, tali fantasie non li accettate…..piombano sulla vostra mente da sè.Perciò,decidete voi cosa volere.Non lascitevi intimorire dai dubbi del doc….è vero,è difficile contrastarli,ma deve essere la vostra sicurezza e la vostra volontà di essere ciò che volete ad aiutarvi in questa prova. Ce la farete! ^.^ …..e al diavolo il doc,con le sue dannate fandonie,uffa u.u

  • Avatar ALLY ha detto:

    Ettore, questo dubbio te lo toglierai solo frequentando una ragazza (che ti piaccia però)….solo allora capirai molte cose e chiarirai i tuoi dubbi….tu sei a posto, non hai niente di strano…..qualsiasi ragazzo che non ha mai avuto l’opportunità di fare esperienze etero avrebbe i tuoi stessi dubbi(specie se durante tutto l’arco della fase adolescenziale 14-20 non ha conosciuto ragazze). ^.^

  • Avatar Ettore ha detto:

    Ally tu hai avuto difficoltà di questo genere? Presumo tu sia una donna… 😉

  • Avatar Antonio ha detto:

    Agnè, quindi il fatto che la vagina mi fa schifo e io non lo accetto per questo è DOC?

  • Avatar Antonio ha detto:

    Ma più che altro mi ha segnato l’esperienza con la ragazza che non mi piaceva.. Non so come uscirne

  • Avatar ALLY ha detto:

    Si Antò, tranquillo

  • Avatar ALLY ha detto:

    Sono una ragazza… xD…mmmm…non proprio.Ma ti capisco perfettamente xkè la tua situazione non è anomala:la tua indecisione è stata il frutto di una sessualità repressa socialmente,ma attivata in privato con le fantasie che per tutti rappresentano una forma di evasione dalla realtà e un metodo antistress…..Tranquillo Ettore,sei ok! 😉

  • Avatar ALLY ha detto:

    Ettore ascolta il mio consiglio: trascorri del tempo con qualche ragazza e poi mi dici se hai ancora dubbi o no ^.^…Qualora li avessi,sono qui x cercare di aiutare

  • Avatar Antonio ha detto:

    Grazie Agnese… Io sto cercando di pensare quanto meno possibile. E mi rendo conto di essere un rompipalle. Non riesco ad accettare che la vagina possa farmi schifo(ieri mi è uscita una cosa con tutte le forme della vagina e mi faceva schifo ognuna cacchio) e sono convinto che dato che mi fa schifo immaginarla e mi fa venire sensazioni di vomito sono gay… Sono sicuro che non mi piacerà mai. Perché mi fa venire da vomitare? Vorrei una risposta una volta per tutte sul perché mi fa venire da vomitare vedere la forma che ha fuori la vagina. Sono distrutto e non riuscendo a trovare una risposta non ce la faccio più. Addio. ..

  • Avatar Antonio ha detto:

    E oltre a questa risposta.. Vorrei sapere se è possibile che non riesco a stare con una ragazza visto che mi fa schifo la vagina? Rispondimi con 1),2) 😛

  • Avatar ally ha detto:

    Ok…innanzitutto ti sei risposto da solo …tu non hai paura della…insomma mi hai capito….hai paura che ti faccia schifo….il nostro cervello ha la capacita’ di convertire una fobia in un dato di fatto.la tua ossessione di essere gay ti ha portato a chiederti:…hai testato questo dubbio,ma sei entrato nel perche’ di fatto non ti sei risposto:E’ VERO che hai la sensazione che ti faccia schifo la ….insomma quella,ma la cosa ti strugge xke’ non vorresti assolutamente fosse cosi’.Quindi,prova a conoscere una ragazza che ti attrae e poi mi sai dire se hai repulsione….se io uscissi con un cesso,mi farebbe schifo immaginare il suo pene….se invece e’ un fico,ci farei 1 pensierino ….e la stessa logica vale x te nel tuo caso.

  • Avatar Antonio ha detto:

    Ora però è normale che avendo repulso verso la…. Qualsiasi ragazza vedo mi fa schifo?!? Anche la più bella! Può essere in questo momento?

  • Avatar Antonio ha detto:

    Insomma qualsiasi ragazza vedo penso che ha la vagina e non mi piace! Capisci?! Haha può essere normale ora questa associazione?!

  • Avatar ALLY ha detto:

    OK …la tua non è repulsione…è una fobia….e ti spiego il perchè.Sei stato talmente assillato dall’ossessione di essere gay che ad un certo punto ti sei chiesto: se sono gay,mi fa schifo tutto ciò che è femminile….hai testao questo dubbio e ,alla fine, sei caduto nella tristezza perchè di fatto, non ti sei risposto.Il nostro cervello ha un potenziale straordinario di trasformare le fobie in evidenze…..tu hai talmente paura che ti facciano schifo le donne da avere davvero l’impressione che ti facciano questo effetto.E poi il tuo caso è comprensibile…..esci con una tizia che è non ti piace; anch’io se uscissi con un cesso vomiterei se pensassi al suo menisco…..certo,gli farei un pensierino se fosse attraente e se mi piacesse. Prova a conoscere una ragazza che ti possa attrarre…..fai tutto con calma,non essere avventato nel fare esperienze solo x smentire la tua repulsione….deve essere spontaneo un impulso,non forzato.

  • Avatar Antonio ha detto:

    Grazie mille seguirò il consiglio… Quindi secondo te è normale che se vedo ora una foto di una vagina di una ragazza (magari con i peli pubici mi fa ancora più schifo) oppure se vedo una ragazza che si tira troppo i pantaloni e si vede la vagina mi viene la sensazione di schifo? Grazie tesorina!

  • Avatar ALLY ha detto:

    Antonio il doc è tremendo,ma tu hai una facoltà….LA VOLONTA’,la volontà di essere etero e questo è più che sufficiente x mandare a quel paese tutte quelle fantasie che ti rubano un giorno intero.

  • Avatar Antonio ha detto:

    Si la volontà.. Ma fammi avere la sensazione di repulso verso la…. E cado nella tristezza assoluta. Repulso che non riesco a sconfiggere

  • Avatar ALLY ha detto:

    tu esci e conosci qualcuno che ti possa piacere o interessare….per ora non risolvi nulla se non provi a seguire il mio consiglio…e sii più ottimista 😉

  • Avatar Anonimo ha detto:

    Non ho più voglia di vivere a soli 14 anni

  • Avatar Antonio ha detto:

    Hai ragione… Però credimi mi distrugge pensare a quella di una ragazza. Non riesco a guardare una ragazza senza pensare che ce l’ha….

  • Avatar ALLY ha detto:

    Ragazzino io ho conosciuto la depressione….credo che la tua derivi dagli attacchi di panico…cmq,lo so che è una fatica,ma devi reagire.Devi pensare che hai una vita davanti,mille occasioni ed esperienze bellissime che ti aspettano (magari l’incontro dell’amore della tua vita), le esperienze da condividere …..Non permettere che un triste ricordo del passato ti tormenti la vita…..non conta quello che hai fatto,le fantasie che hai avuto,le cose che non riesci a giustificarti o a perdonarti…conta il ragazzo che sei e che diventerai…..tu pensi sempre che il tuo passato o i tuoi ricordi imbarazzanti siano anomali.Beh, molta gente ha avuto esperienze più profonde delle tue,eppure non lo da a vedere….soprattutto,non devi sentirti a disagio con gli altri perchè ritieni vergognoso il tuo passato…in realtà,non lo è per niente. Lo sanno tutti che l’adolescenza è un periodo critico. Tu sei un ragazzo speciale perchè non sei superficiale,ma riflessivo e sensibile.Cmq,concludo la mia omelia ahahahah dicendo che se ritieni strano aver fatto queste fantasie su un tuo amico,vuol dire che non le accetti….dovresti preoccuparti se ne andassi fiero o fossi orgoglioso di averle fatte…..invece, tu soffri per averle pensate perchè hai preso coscienza del fatto che ricordarle ti porta tristezza e disgusto…..sei normalissimo ragazzino 😉

  • Avatar ALLY ha detto:

    Antonio, vedi di incontrare tizie guardabili e poi mi sai dire se hai ancora ste paranoie…..e poi sei ancora piccolo per porti il problema della……insomma quella xD

  • Avatar Antonio ha detto:

    Lo so. Credimi non riesco a fare più niente quando penso la… E vedo che mi fa schifo.

  • Avatar ALLY ha detto:

    fa’ come ti dico e zittuti aahhahhahahahahah

  • Avatar Antonio ha detto:

    … Ho pensato più volte di farla finita. Non riesco a fare ciò che tu mi dici. Perché tu non hai capito forse che il repulso è molto forte.. E non riesco a contrastarlo

  • Avatar ALLY ha detto:

    No Antonio, è solo che non sei pronto…abbi pazienza.CE LA FARAI, tu provaci!

  • Avatar ALLY ha detto:

    Rifletti: in un rapporto,l’atto sessuale avviene dopo che ci si conosce abbastanza a fondo e si è attratti a tal punto da lasciarsi andare….e da lì si parla di amore….magari a te non piace la v***** perchè hai una visione più volgare e pornografica della stessa….invece è sbaglito vederla in questo modo….. noi ragazze sappiamo essere dolci e attraenti anche nella nostra semplicità…magari ti fanno schifo le ragazze volgari…eccome biasimarti!?!?! Hai assolutamete ragione….tu frequenta una ragazza che già a prima vista ti può interessare,conoscila,parlale,frequentala,passa dei bei momenti con lei….poi col passare del tempo ti faccio vedere che sarai tu a non poterle resistere, anzi sarai tu stesso a prendere l’iniziativa di ……….insomma mi hai capito xD.Finora non hai avuto l’opportunità di conscere la persona giusta e il chè non ti è affatto di aiuto! Io ti auguro con tutta me stessa di riuscire a farti accorgere di come sia bellissimo conoscere fino in fondo una persona…..è l’unica ragione che ci spinge ad andare avanti quella di poter incontrare la nostra anima gemella e passare una vita stupenda al suo fianco

  • Avatar ALLY ha detto:

    Coraggio piccolo guerriero, provaci!

  • Avatar Anonimo ha detto:

    Grazie per l’aiuto ally ma purtroppo quello non è solo il mio passato e anche il mio presente. Penso che il mio problema sia l’omofobia

  • Avatar Anonimo ha detto:

    Ciao a tutti spero che qualcuno di voi possa aiutarmi,sin da piccola ho sofferto di ossessioni, mi lavavo le mani continuamente,paura di morire,paura di avere un tumore, doc da relazione e tanti altri, da piccola non so com è cominciata ho iniziato ad aver paura di essere omosessuale sono sempre stata una ragazza di scarsa autostima e molte volte abbandonata dalle amiche molte delusioni in amicizia mi sono sempre piaciuti i ragazzi SEMPRE ma avvolte avevo queste sensazioni verso le ragazze che non volevo ci fossero alcuni lunghi periodi non c’è l avevo e altri si è cercavo di evitarli a tutti i costi avvolte mi duravano 1 settimana un giorno e poi passavano questa estate guardavo a mare delle ragazze in costume mi facevano un effetto strano ma non ci davo tanto peso me ne dimenticavo subito andando comunque in ansia sono fidanzata da 4 anni e non voglio che finisse tutto quanto mi sento in una bolla avvolte non voglio abbandonare questo mio pensiero, la sofferenza totale è nata quando ad agosto ho visto il fratello del mio amico che è gay e da lì tutto quanto pensavo di essermi presa una cotta per una ragazza che lo è ma sapevo a malapena il nome era un dramma stavo malissimo ora non lo so nemmeno io se lo accetterei di esserlo o no da una parte non voglio dall altra non lo so chiedo aiuto a chiunque e mi dicono di stare con il mio ragazzo che non lo sono, cosa devo fare? Aiuto

  • Avatar ALLY ha detto:

    Ciao,
    mi piacerebbe molto aiutarti dandoti dei consigli: allora,innanzitutto,quando ti vengono idee strambe su delle ragazze o incombe il timore di essere omo…..rinnega una volta definitivamente queste fissazioni ed evita di pensare….come?Ebbene,quando un pensiero comincia a tormentare le tue giornate,ripeti a te stessa:Un momento,perchè sto pensando?…Interrompi il pensiero prima ancora che possa far scattare in te il desiderio di controribatterlo con una reazione opposta…..Non è un caso che tu abbia queste ossessioni…io,ad esempio ho l’ossessione dell’ordine,della paura dei tumori ( ho avuto un caso in famiglia) e la paura delle statue …xD…sono sempre le persone sensibili,riflessive,timide e buone ad avere queste problematiche,ed io ti capisco xkè hai un carattere uguale al mio.Per vincere queste ossessioni,occorre fare un percorso comportamentale che ti aiuti a cambiare il tuo modo di pensare e vedere le cose….ad esempio:
    Hai paura di esprimere i tuoi punti di vista perchè sono diversi?DILLI LO STESSO E SII ORGOGLIOSA DEI TUOI PUNTI DI VISTA….NON TEMERE LA REAZIONE DEGLI ALTRI;
    Una tua amica ce l’ha con te,ti odia,non ti parla o non ti sopporta? FREGATENE E NON DARLE IMPORTANZA;
    Hai poca autostima e non ti piaci? VANTATI,CURATI,TRUCCATI …..SII VANITOSA E ABBI PIU’ RISPETTO PER TE STESSA E LA TUA PERSONA….CONSIDERATI LA PIU’ BELLA DI TUTTE…..SODDISFA I TUOI DESIDERI E CAPRICCI (SCARPE,VESTITI,ACCESSORI,MODO DI ACCONCIARTI);
    Io non ti sto suggerendo di essere una persona insopportabile….ma nella vita è necessario avere un pizzico di SANO EGOISMO che ci aiuti a vedere in noi una meraviglia del creato e a crederci indispensabili.Devi imparare a cambiare modo di PENSARE…..sii più menefreghista,da’ spazio alle TUE ESIGENZE prima di dare priorità a quelle di gente che non farebbe altrimenti con te!Spero di esserti stata utile….;)

  • Avatar ALLY ha detto:

    Per quanto concerne il tizio anonimo xD….
    Non importa l’attualità o le radici remote del tuo problema,importa la tua presa di coscienza nei suoi confronti: tu hai preso coscienza del fatto che hai questo nodo dell’anima che ti soffoca e ti fa soffrire,ma se soffri vuol dire che ti disgusta aver pensato di esser attratto da ragazzi…e se è così, non sei GAY,ma temi di esserlo perchè non vorresti mai e poi mai esserlo….LA TUA SOFFERENZA E’ LA RAGIONE DEL TUO PERDONO VERSO TE STESSO: E’ LA PROVA CHE SEI ETERO….UNA PERSONA GAY NON SOFFRIREBBE PER LA SUA NATURA,NE SOFFRIREBBE SE LA NASCONDESSE…..MA NEL TUO CASO E’ DIVERSO PERCHE’ SE FACESSI COMING OUT,NON TI ACCETTERESTI NEL VEDERTI O NELL’ESSERE APPREZZATO O EMARGINATO DAGLI ALTRI PER ESSERE GAY.Tu soffri nel nutrire questi pensieri…..tranquillo,sei etero 😉

  • Avatar ALLY ha detto:

    Ragazzi sia ben chiaro: non c’è problema nella vita che non si possa risolvere,specialmente i trascorsi più imbarazzanti del proprio passato o del proprio presente….non sono un motivo per farla finita…perchè arrendersi vuol dire dare ragione ai propri tormenti….nella vita bisogna REAGIREEEEEEEEE ….A volte,nella vita, basta un solo dialogo per chiarirsi e fare la pace con se stessi.Spero con tutto il cuore di potervi aiutare!

  • Avatar Anonimo ha detto:

    Grazie mille del tuo aiuto ma una rassicurazione la vorrei di ciò che ti ho raccontato tu pensi che non sia così?

  • Avatar ALLY ha detto:

    aspè tu sei il ragazzo o la ragazza? ahahahhahahaha

  • Avatar Anonimo ha detto:

    Sono la ragazza aaha

  • Avatar ALLY ha detto:

    OK….ahahahah ascolta, tu devi per perima cosa rafforzare la tua autostima perchè solo così potrai prendere coscienza di chi sei e di che cosa tu voglia……la sicurezza è essenziale per poter sconfiggere il doc….se ti turbano i ricordi del doc passati e presenti perchè non riesci ad accettarli,ebbene ti aiuto io: tu sai chi sei e che hai sofferto x queste ossessioni…il fatto che tu in passato le abbia evitate o comunque abbia tentato di rinnegarle,dimostravo la tua lampante indole etero.Essere sensibili non implica essere omo,ma speciali….Il motivo del perchè tu soffri di queste ossessioni è la tua sensibilità e fragilità. Devi rafforzare il tuo carattere…solo così potrai imporre la tua indole etero al doc.

  • Avatar Anonimo ha detto:

    Grazie mille del tuo aiuto sono felice che anche tu pensa che non sono omo, sicuramente la mia sofferenza mi porta a crederci

  • Avatar ALLY ha detto:

    Ma se soffri,non lo sei…..uno/a che è gay,difende la sua identità ed è felice di assecondarla……tu soffriresti nell’immaginarti come tale…..quindi più etero di te non c’è nessuno !!!!!!!

  • Avatar Riccardo ha detto:

    Ciao Lucio, vorrei avere un approfondimento. Io credo di essere al interno di questa patologia ma, c è un ma. Io mi sento omosessuale, cioè nel mio stati d essere ho la certezza di esserlo a causa di ciò che provo…proprio partendo da piccolissimi imput. Fin ora ho letto solo di domandarsi di essere gay…ma sentire di esserlo, averne la certezza, può far parte lo stesso della patologia? Cioè la mia mente può farmi credere di essere, a livello biologico, qualcosa che non sono?

  • Avatar ALLY ha detto:

    Ciao Riccardo,
    ti evito la fatica di controllare questo sito perchè diverse persone hanno scritto in precedenza senza ottenere risposta…cmq, non permettere a delle forti sensazioni di dirti chi sei….pensa,piuttosto,che più forte di esse c’è la tua facoltà “volere” essere …..magari le tue sensazioni saranno molto forti e convincenti,ma niente può vincere la tua facoltà di volere essere chi vuoi.

  • Avatar Anonimo ha detto:

    Salve a tutti sono una ragazza , io penso di soffrire di doc sin da piccola ho sofferto di ossessioni e tra questa ce la paura di essere omo avevo paura di esserlo avevo paura che una mia amica poteva farmi qualche strano effetto ma poi pensavo che magari la paura mi faceva provare false sensazioni e nonostante questa paura sono fidanzata da 4 anni con un ragazzo io credo che se ci sto da 4 anni qualcosa significhi vorrei sapere perché con lui ora sono spenta e perché in TV una qualsiasi donna mi faccia effetto o in generale, sarà la paura? Io continuo a stare con il mio ragazzo forse perché nel mio cuore lo amo ma questo problema non me lo fa vedere chiedo a mia mamma mia cugina se per loro devo starci e se mi vedono che lo amo e mi rispondono di si che sono sicure che non sono omo , se penso a delle scene omo non mi danno fastidio però Forse tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare. Voi cosa mi consigliate di fare? Stare con il mio ragazzo oppure no? Sono omo oppure no?

  • Avatar ALLY ha detto:

    Ciao…
    allora il problema del doc è che da solo dubbi…..se tu fossi omo,lo sapresti senza girarci intorno tante volte….Quando avverti la sensazione che ti possano piacere donne o ,cmq,affiorano nelle tua mente pensieri intrusivi;ti consiglio di non dare loro importanza ….E’ la tua sensibilità che ti blocca a rimurginare sugli inganni del doc…..una delle armi per vincerlo,è l’indifferenza ai pensieri….Esempio:un pensiero intrusivo ti infastidisce?Benissimo,mandalo a quel paese e vivi la tua giornata col tuo ragazzo……Non permettere a dei pensieri di rovinare la tua giornata e la tua vita 🙂

  • Avatar Anonimo ha detto:

    Quindi da ciò che ti ho detto tu pensi che non sono omo ma è solo doc? Sono sempre l anonimo

  • Avatar ALLY ha detto:

    NON lo penso…ne sono certa….il doc non da certezze ma solo continui dubbi….tu ti interroghi sempre sulla stessa domanda,ma non trovi risposta…hai il dubbio

  • Avatar Roberto ha detto:

    Ciao,

    ti voglio raccontare la mia storia !
    Io già da piccolo a 10 anni o iniziato ad avere rapporti con i miei cugini.
    È così via per tutta la mia infanzia non provavo mai attrazione per una
    Donna se stavo insieme con una ragazza perché era bella e mi piaceva, ma non ero mai attratto sessualmente !
    Il mio primo rapporto lo avuto a 18 anni con la donna che al momento è mia moglie
    Prima di quella volta solo rapporti con altri maschi !
    Non ciò voluto credere che fossi gay è appena mi sono innamorato di questa donna che a 4 anni più di me e il rapporto con lei a funzionato dopo qualche anno ci siamo sposati e io avevo 20 anni!
    Siamo sposati da 10 anni e abbiamo due figli una femminuccia di nove anni e un maschietto di cinque anni ( che sono tutta la mia vita )
    Io con lei non siamo mai andati d’accordo fino in fondo io per delle piccolezze sfuriavo e arrivavo fino a essere aggressivo e di questo me ne pento tantissimo !
    Per i primi anni del matrimonio pensavo fosse tutto passato e invece un bel giorno neanche so di preciso a cosa
    Dovuto o avuto di nuovo voglia di un uomo !
    Per tutti questi anni lo tradita con tantissimi uomini cercavo sempre sesso per soddisfarmi , tornavo a casa e tutto andava bene ero felice perché avevo una bellissima famiglia !
    Fin quando un anno fa o conosciuto un ragazzo di cui mi sono innamorato e per lui la scoperto mia moglie e mi sono lasciato , vivo attualmente insieme a lui !
    Ma mi chiedo ogni giorno se o fatto la scelta giusta ?

  • Avatar ALLY ha detto:

    mmmm ciao Roberto ,allora mi sorge spontanea una domanda: perchè hai sposato tua moglie e hai fatto dei figli con lei?E soprattutto,cosa provi attualmente x tua moglie?

  • Avatar Roberto ha detto:

    Io mi sono messo con lei che avevo 17 anni,
    E ci siamo sposati dopo tre anni !
    Io credevo che era una cosa che passava perché io con lei avevo dei rapporti giusti !
    La cosa che avevo che io nel rapporto non facevo proprio mai di tutto con lei per esempio non la soddisfavo mai con del sesso orale ma ne provavo sempre un rigetto verso questa cosa.
    Poi sono arrivati i figli la prima nel 2007 il secondo nel 2011.
    Nel 2008 che è morta mia mamma io credo in quel periodo o ricominciato a prendere il coraggio di incontrare degli uomini.
    O provato anche a tradire mia moglie con delle donne per restarmi ma non mi eccito mai spontaneamente con delle donne e invece io guardo un uomo e finziona tutto .
    Io in vita mia il rapporto lo avuto solo con mia moglie non mi sono mai eccitato con altre donne .
    qua di stavo da una ragazza andavo prima in bagno a guardare dei filmini gay per eccitarmi !
    Io per lei provo un gran bene non credo sia amore penso o mi sforzo a pensare al rapporto sessuale con lei ma la verità è che con un uomo mi piace di più !
    Mi sento come un fallito o paura per il futuro dei miei figli, e combatto con le differenze tra la vita da uomo di famiglia con la vita da omosessuale o iniziato il percorso difficile anzi che fare prima outing sono andato a vivere direttamente con un uomo !

  • Avatar ALLY ha detto:

    Io non posso dirti chi essere….però il fatto che tu, cmq sia ,abbia avuto dei figli mi rende perpelssa…perchè i figli sono il frutto di un approccio fisico….e per quanto la tua impressione di essere gay sia forte,dubito che tu non abbia provato niente nei confronti di tua moglie….una molla che ti ha spinto ad andare oltre ci sarà stata….Certo,magari hai più sensazioni con gli uomini,ma la scelta di aver sposato tua moglie non sarà stata mica un tentativo ….eri consapevole della tua scelta….Comunque,il mio consiglio è questo:vivi felicemente,senza escludere i tuoi figli dalla tua vita….qualsiasi scelta tu faccia:stare con tua moglie o convivere con l’uomo con cui stai attualmente 😉

  • Avatar Emilia ha detto:

    Salve mi chiamo emiliana ho 21 anni sono fidanzata da 6 anni da quando mi sono fidanzata ho preso una sorta di psicosi perché credevo di essere ancora innamorata di un ragazzo che conobbi a qualche tempo prima che mi fidanZassi stavo così male perché mi sentivo male in colpa piangevo a dirotto tanto che andai dallo psicologo e siamo giunti che non era niente vero ma il mio male la mia ansia il mio arrovellarmi il cervello era dovuto a il cattivò rapporto con mio padre…piano piano la cosa sfumò ma quell ansia cattiva prese facce diverse sempre però collegate al rapporto con il mio fidanzato perché non mi sentivo pulita questo perché mio padre mi ha sempre chiamato con tante cattive parole e io mi sentivo una prostitua ma chiunque mi conosce mi dice che ho una moralità alle stelle e sono una ragazza di tt altra epoca perché so di avere molti valori
    Alla fine con l aiuto di internet la psicologa sono giunta alla conclusione del DOC l ansia cattiva prende facce diverse mi fisso su tante cose anche sul essere lesbica e infatti mi ritrovo in tante cose che ho letto nei commenti oggi mi sento più forte perché so che i miei pensieri non devono essere considerati e pian piano ne sono uscita però ci sono periodi tipo ora che sono ricaduta perché ultimamente a casa mia ho avuto vari litigi… Mi viene da controllare se sono lesbica cosa vuol dire essere lesbica ecc ma alla fine se lo ero avevo qualche segnale pure quando non avevo questi pensieri ricorrenti quando stavo bene e serena so che non devo considerarli so che e quel male che non si deve incrementare.
    Della stessa cosa ne soffre mio fratello però lui sotto forma di violenza si mette alla prova se può far del male a mia mamma e quando lui stava male io stavo bene e gli davo forza gli spiegavo che non doveva assecondare questi pensieri altrimenti entra in quel vortice che dopo è difficile uscirne…. Ragazzi noi siamo padroni di noi stessi solo le malattie come un tumore una leucemia sono difficili da combattere ma con noi stessi lottiamo perché se vogliamo possiamo!!! Questo blog le spiegazioni mi hanno dato una grande forza!!!!

  • Avatar Roberto ha detto:

    Tu cosa pensi di me c’è chi mi dice che è la mia paura ad andare avanti con Lui perché la separazione è andata bene vedo i figli sempre quando voglio e sono pure tantissimo a casa mia !
    O tanti sensi di colpa verso di loro la vivo come un fallimento nella mia vita !
    Sono certo che se torno da lei la tradito prima o poi di nuovo con un uomo !
    Ma sono sicuro del fatto che la famiglia e la cosa più bella al mondo essere padre e una cosa meravigliosa l’unione di una famiglia una cosa straordinaria che lega per sempre !
    Mi manca tanto la normalità nella mia vita volevo sempre essere un padre perfetto e crescerli nel migliore dei modi !
    Se rimarrò da lui mi dedicherò tantissimo ai miei figli e non gli farò mancare niente.
    L’unica cosa che mi fa rimanere e che so che la tradirò e la farò soffrire di nuovo quindi mi devo arrendere per cercare di essere felice io è per dare la possibilità di rifarsi una vita lei !
    In questi anni o pregato tanto il
    Signore di farmi perdere la memoria gay di non esserlo più e di cancellare ogni cosa !
    Volevo la famiglia ma non ne sono capace !
    Però c’è un dubbio credevo che fossi un gay represso perché ero sempre
    Di malumore invece adesso che o quel che voglio non sto bene neanche ! Perché ?
    Deve passare ancora del tempo , al inizio con lui era tutto bello adesso lo vedo come
    Un rapporto normalissimo non vedo la differenza fa un lui è una lei solo che al momento c’è più passione ma questa al inizio del mio matrimonio lo avuta anche con lei la passione !

  • Avatar Roberto ha detto:

    La mia paura a noN andare avanti con lui !
    Volevo scrivere

  • Avatar Francesco ha detto:

    Anche io sto soffrendo di doc ed è una cosa davvero orribile, e la seconda volta che ci passo, la prima volta è stato nel 2012 vedendo un ragazzo pensavo di vederlo attraente perché nella mia classe c’era un omosessuale che ogni volta ci induceva a noi ragazzi di diventare come lui ed io essendo comunque molto sensibile ci sono caduto come uno scemo, da lì ho cominciato a crearmi delle prove vedendo dei video porno di entrambe le categorie sia importante che etero facendo diventare in abitudine, pensavo di esserne uscito ma quando ho trovato la ragazza che seriamente amo dopo vari rapporto ho fatto cilecca e di lì è ricomparso il doc.
    Sottolineo che ho tutti i vostri pensieri intrusivi e problemi. In più si sta associando anche un doc da relazione perché ovviemnte amandola così tanto mi sembra di illuderla quando effettivamente non è così.
    Parlai con uno psicologo ma mi disse che comunque è perché ancora bisogna crescere avendo comunque 22 anni e che comunque sia ho sbagliato ad abituarmi a vedere questi porno perché ho solo alimentato il doc.
    Ovviamente il peggior errore è quello di andare su internet e cercare delle domande dato che anche io sono capitato nel forum di omosessualità repressa e non affatto altro che aumentare L ansia. Infine chiedo solo di essere felice con la mia ragazza anche perché ne esco davvero pazzo ma questi pensieri intrusivi fanno un po’ fastidio. Grazie per una tua risposta ally

  • Avatar ALLY ha detto:

    Ciao Emilia,allora innanzitutto tuo padre non capisce niente di te….perchè se tu fossi una prostituta nel modo comportatarti col tuo ragazzo attuale,non avresti sensi di colpa e atteggiamenti masochisti…..le troie di fatto,sono quelle che non si creano scrupoli nel prendere in giro un ragazzo…la tua sensibiltà ti porta ad autocriticare te stessa….capita a tutte le ragazze di non avere chiarezza dentro di sè….e questo è il tuo caso….Ma se tu davvero hai dei dubbi, ti consiglio di chiedere una pausa al tuo attuale ragazzo;cosicchè tu possa fare un’analisi introspettiva di te stessa e capire i sentimenti che in questo momento sono confusi e scombussolati….per quanto concrene il tuo doc,fai bene a non dare importanza alle ossessioni o alle impressioni sulla tua natura.Infatti, più si cerca di trovare soluzione e verità sotto l’effetto del doc, più si compulsa e le ossessioni aumentano di frequenza e intensità durante il giorno….continua così, evitale e distrai la mente!

  • Avatar ALLY ha detto:

    Ciao Francesco,
    Allora il tuo passato non è qualcosa che deve turbarti,perchè la tristezza e la delusone con cui ne parli facendo riferimento a te stesso, è la ragione x cui dovresti affrontare la tua vita con normalità e senza disagio…..se tu fossi gay, saresti orgoglioso del tuo passato e lo ricorderesti con orgoglio….invece esso costituisce uno scheletro dentro il tuo armadio…..questo atteggiamento di non accettazione del tuo passato si traduce in un’ indole che è contraria all’etichetta che la tua mente ti ha imposto e continua ad importi…..non mi meraviglia il fatto che tu possa essere un ragazzo sensibile,profondo e riflessivo….poichè è tipico di queste persone avere il doc…..e credimi, questa categoria di persone soffre non perchè ha qualcosa di strano o anomalo nella mente; ma proprio perchè è speciale e rara…di solito le persone che non hanno problemi sono quelle più vuote e superficiali….da un lato mi piacerebbe essere così,dall’altro sono orgogliosa di non esserlo….la chiave per diminuire le ossessioni e uscirne del tutto è evitarle e non dare importanza alle stesse……anche se possono sembrare convincenti……lo sapete xkè è necessario evitarle? Perchè tanto pensare e peripensare non rislve i nostri dubbi e i nostri turbamenti…..anzi,fa affiorare in noi più domande a cui vorremmo trovare risposta compulsando….Se a turbarti è il ricordo di un triste passato,sappi che non conta quello che hai fatto,ma chi sei diventato e quello in cui credi ora,crescendo e maturando la tua personalità….Spero di esserti stata d’aiuto ^.^

  • Avatar ALLY ha detto:

    Ciao Roberto…..
    la tua insicurezza nell’istaurare un rapporto sia con uno del tuo stesso sesso o con una del sesso opposto al tuo,secondo me è dovuto ad una personalità molto insicura,indecisa e titubante….io ti suggerisco di fare chiarezza dentro di te,per capire cosa davvero vuoi….una volta compreso questo mistero,potrai continuare la tua vita regolarmente. Hai mai provato a pensare al contrario? Nel senso, tu sei sempre stato convinto di essere gay perchè sin da piccolo hai avuto dei piccoli segnali…ma non è il passato ad indicare chi siamo o chi dovremmo essere…….tu cosa vuoi essere?Cosa pensi OGGI che sei uomo?…Non ha importanza chi eri da adolescente o da bambino….CHI SEI ORA?

  • Avatar Roberto ha detto:

    Ciao Ally ,

    Si sì proprio ragione sono molto insicuro ,
    Però una cosa è certa se io tornassi da mia moglie non riuscirei a non tradirla con un uomo !
    Mi piace troppo avere dei rapporti con un uomo, a me con una donna neanche funziona bene avere del sesso spontaneo mi eccito molto più guardare il corpo di un uomo !
    E quindi visto che la mia ex una vita così non la vuole Xche la fa soffrire troppo pensarmi che faccio del sesso con un uomo ! A deciso di non tornare mai più con me !
    E la mia decisione adesso è di godermi la vita accanto a questo ragazzo che è speciale per me è di essere il padre separato più perfetto del mondo !
    A me piace fare il padre amo i miei figli !
    Ma non riesco a tornare con la madre solo per loro !
    Tanti saluti

  • Avatar Francesco ha detto:

    Grazie ally hai PRORIO ragione comunque ora ho la mia ragazza che amo tantissimo ma molte volte mi sembra di prenderla in giro per causa del doc.. In più molte volte sembra come se provo attrazione verso il mio stesso sesso anche se molte volte la catalogo come invidia, o a volte ho scene di sesso con ragazzi e ci sto male e come se mi sto negando qualcosa anche se in fondo so che non voglio perche molte altre volte mi fanno schifo solo a pensarle. Ho solo un motto e sarebbe che secondo il mio punto di vista un omosessuale ci si innamora di una persona dello stesso sesso (cosa a me che non è mai capitata) mentre tutto il resto rimane un po una curiosità che sinceramente non vorrei coltivare. Sto bene con la mia lei, ma starei meglio se non avrei quei pensieri…
    Quando lo faccio con la mia lei è fantastico sono soddisfatto ma subito dopo aver finito mi chiedo se sono stato soddisfatto davvero o meno… Che brutto questo doc…
    Grazie mille ally

  • Avatar Raul ha detto:

    Grazie per l’articolo fatto bene mi ha aiutato molto ieri e oggi in momenti di crisi. L’unica pagina positiva sul web a riguardo, salvata nei preferiti!

  • Avatar ALLY ha detto:

    Ciao Francesco,
    Il trucco per ridurre le ossessioni di intensità e frequenza è evitarle,distogliere l’attezione verso le stesse e volgere il tuo interesse ad altro…..ad esempio: vedi un ragazzo:comincia ad affiorarti un pensiero…a quel punto,dovrai fuggirlo,non permettergli di completare la sua affermazione….interrompilo!Cmq, figurati ^-^ spero di esserti stata d’aiuto.

  • Avatar ALLY ha detto:

    Ciao Roberto,
    Sono contenta che tu abbia fatto chiarezza dentro di te e sia riuscito a capire che cosa tu voglia realmente…ti auguro tanta felicità ….:)

  • Avatar Francesco ha detto:

    Si grazie mille ally a volte sembrano davvero convincenti e sto davvero male, anche perché ne parlo con la mia ragazza e Lei mi aiuta molto, io voglio solo essere come tutti gli altri il desiderio di avere una moglie e dei figli con la mia ragazza, tu pensi che sia buono andare ad un consultorio anche se L ultima volta mi dissero che potrei essere un omosessuale represso..
    E dopo è normale per il doc distorcere la realtà? Come se fossi attratto da relazioni omo o cose de genere perché mi fanno stare male

  • Avatar Francesco ha detto:

    Oppure parlare con un omosessuale complicherebbe le cose oppure no? Ho molta paura di essere etichettato come loro oppure di non provare più le stesse cose per la mia lei

  • Avatar Francesco ha detto:

    Ally non c’è bisogno di rispondere alle mie domande oggi sto già meglio e sto cercando di non pensarci grazie mille per ciò che hai fatto per me mi sei stata molto d aiuto

  • Avatar Francesco ha detto:

    Ally scusa se ti disturbo ancora però vorrei parlarti di una cosa: ho accettato L idea di lasciarmi tutto alle spalle le cose riguardanti il mio passato ma ora mi è sorto un dubbio:
    Io con la mia lei sto bene, la amo e ho una vita sessualmente molto appagante, ci siamo messi 5 mesi fa ed è la mia prima relazione seria, tutte le altre erano solo un passatempo, sono stato molto attratto da lei all’inizio ed ancora tutt’oggi ma a volte è come se non riesco a vedermi con lei, c’è come se andrei contro qualcosa, e sta cosa mi fa vivere male la relazione con lei perché mi fa sfociare in dubbi.
    A volte sembra come se non sono All altezza di lei oppure di andare contro a qualche ideale…può essere ancora la presenza del doc? Oppure è il doc da relazione perché davvero mi fa male non accettare la relazione con lei! Può essere anche il fatto che lei prima stava con un ragazzo che considero meglio di me?
    Non ho mai avuto questo tipo di problema
    Scusa ally e grazie per una tua risposta
    So di amarla davvero

  • Avatar Anonimo ha detto:

    Ciao Francesco….scusami se ti ho risposto ora xD…cmq, il mio consiglio è quello di distrarre la mente da ogni dubbio…e da ogni autoconvinvimento di nn essere alla portata della tua ragazza….ovviamente ,i tuoi dubbi piomberanno ancora nella tua mente;ma il mik consiglio è questo:ti viene il dubbio,ti fai tanti perche’?Ebbene,nn risponderti….evita le paranoie della mente….goditi l’istante senza pensare….vedrai che,concentrandosi su altri repertori ,ti scorderai di quello che ,in quel frangente,ti stava balena no x la mente 🙂

  • Avatar Anonimo ha detto:

    Ehm…sono sempre Ally comunque xD

  • Avatar Anonimo ha detto:

    Ma quanti meravigliosi errori di grammatica*.*!

  • Avatar Francesco ha detto:

    Grazie ally scusa per gli errori comunque so bene che sono solo paranoie…grazie mille quando piombano non risponderò e non mi farò paranoie…
    Ora come ora voglio solo stare con la mia lei e continuare il tutto senza il pensiero che la stia illudendo o cose del genere perché sinceramente so bene dentro me che non è così..

  • Avatar ALLY ha detto:

    Tranquillo Ciccio, non mi riferivo ai tuoi errori, ma a i miei ahahahahah

  • Avatar Francesco ha detto:

    Ciao ally ti scrivo perché ho capito finalmente il problema, e da quando che non ti scrivo che non ho più immagini intrusive, e pseudoeccitazioni perché ho capito che era solo invidia, però ho capito che il problema è il mio passato, i miei dubbi sorgono dal fatto che non mi sentivo un vero uomo con la mia ragazza per il mio passato, per le esperienze adolescenziali con i miei coetanei e con il mio stesso sesso, non ho mai avuto relazioni omosessuali, anzi sempre etero e soddisfacenti però fantasie grazie a dei video porno, e questo il problema fondamentale, mi sono chiesto se un giorno diventassi ciò che non avrei mai voluto e che non voglio perché va contro i miei valori però rimpiango il mio passato perché mi chiedo se ho avuto solo io quest tipo di cose….me ne vergogno tanto del mio passato però ora ho deciso di ricominciare con la mia lei e di dimenticare grazie per tutto ciò che hai fatto….ecco perché mi chiedevo prima se era in omosessualità latente, ma non credo proprio perché amo la mia ragazza e mi attirano molto le donne

  • Avatar ALLY ha detto:

    Ciao Francesco…tu ti vergogni del tuo passato,ti sei chiesto perchè? Io lo so….crescendo,hai affermato la tua personalità e la tua sessualità….il problema non dovrebbe importarti più di tanto….e lo sai perchè? Tu lo sai che quello che hai pensato o fatto in passato non lo ripeteresti mai più….Quindi, da importanza al ragazzo che sei diventato;questo conta:…cosa pensi ora!La sofferenza che ti porti dietro le spalle è indice della tua eterosessualità. Goditi il presente e il futuro.

  • Avatar Anonimo ha detto:

    Ciao ally sono una ragazza di 19 anni sin da piccola ho la paura di essere omosessuale non so mi veniva all improvviso anche guardando il corpo di una ragazza ec sono fidanzata da 4 anni e nella mia vita ho avuto tanti momenti di ansia come
    Paura di morire e tante altre cose di essermi innamorata di un altro mentre stavo con il mio ragazzo ora mi è ritornata questa paura di essere omosessuale ogni ragazza che vedo mi fa paura e mi fa venire un colpetto alle parti intime come se vorrei sfogare questo colpetto mentre ho rapporti con il mio lui mi vengono immagini intrusive di donne in testa ed ecco il colpetto quando sono al punto di eccitarmi penso a donne mi eccito ma poi vado in una fase angosciante incredibile non c’è la faccio più, tutti mi dicono che è una fissazione dimmi tu ti prego mi fido di te

  • Avatar ALLY ha detto:

    Ciao,
    se tu fossi lesbica,non avresti angoscia e vergogna di avere questi pensieri…..poi,il solo fatto che tu li definisca “intrusivi”,fa capire che tu stessa non li desideri.Quindi,quando hai questi pensieri, lasciali perdere e continua la tua vita tranquillamente….Evitandoli,diminuiranno e non comprometteranno più la tua vita….vedi una donna? Ti vengono delle strambe fantasie che non vorresti mai e poi mai fare?Bene,evitale….pensa ad altro ….non c’è dimostrazione migliore della nostra eterosessualità se non quella di non approfondire questi pensieri…il nostro evitare equivale al fatto che noi non vorremmo dare importanza a queste fantasie o pensieri, e se non ci interessano, è proprio perchè la nostra indole è etero!Spero di esserti stata di aiuto…e,per la cronaca, non sei un pesce fuor d’acqua….il tuo vissuto è il riflesso di una personalità riflessiva,suscettibile e ipersensibile….tipico di chi non è un tipo lavativo e superficiale.Devi essere fiera della tua persona.

  • Avatar Anonimo ha detto:

    Sono sempre io quindi tu mi consigli di stare con il mio ragazzo e vivermi la mia vita? Sei sicura che sono etero?

  • Avatar ALLY ha detto:

    si,ne sono sicura

  • Avatar stellina ha detto:

    Sono una ragazza di 28 anni e la prima manifestazione di doc l’ho avuta solo tre anni fa nel 2013 ed è andata avanti per tre mesi, in cui ho sofferto di attacchi di panico e di forte ansia. Purtroppo al momento non ho mai avuto una storia seria con un ragazzo, nonostante in passato abbia nutrito una forte attrazione verso il sesso opposto, anche in età adolescenziale in cui ebbi la mia prima cotta per un compagno delle medie. Ho sempre avuto certezza che le donne non mi piacessero, né tanto meno provato attrazione fisica verso nessuna mia amica, nemmeno ora, con quelle strette, con cui sono in buoni rapporti… ma purtroppo questo stato d’ansia si è rifatto vivo nella mia mente, circa un mese fa e ora direi di risentirmi sollevata… Per cui, nel mio futuro sogno l’uomo della mia vita, avere figli e non penserei mai minimamente di lasciarlo per una donna, questa certezza ce l’ho e mai lo farei…
    Non credo affatto di essere una lesbica repressa, avendo avuto di continuo questa paura, magari la mia è l’insicurezza perché al momento non ho mai vissuto un rapporto serio e stabile con un ragazzo… Cioè per intenderci, un domani mi vedo di avere una famiglia con un uomo, non voglio essere lesbica, voglio solo un uomo che mi ami davvero… Un giorno purtroppo mi sorse una paura a forza sempre di questo attacco, come una sorta di pseudo-innamoramento per un’amica, che tutt’ora frequento, ma poi ho capito che il nostro è solo un volersi bene come sorelle, lei è come la sorella che non ho mai avuto, essendo figlia unica io… Anche per lei cmq non ho mai provato nessun tipo di attrazione fisica…
    Per favore aiutatemi a chiarire questa cosa, ho paura che questo DOC poi si rimanifesti da un giorno all’altro… Grazie!

  • Avatar ALLY ha detto:

    Ciao stellina,
    Ti vorrei aiutare dandoti un consiglio:non dare importanza a tutto ciò che x te rappresenta un pericolo,una paura,un incubo ect…il miglior metodo x vivere tranquillamente è non dare importanza queste paure,a questi timori che affiorano in te…..qualora stando con la tua amica dovesse balenarti il pensiero di poter provare attrazione verso di lei, pensa ad altro…distogli l’attenzione verso altro senza voltarti indietro.Neppure il passato dovrebbe rappresentare una minaccia …poichè non non conta quello che hai passato o la tua storia,conta chi sei ora,chi sei divenuta,cosa pensi e di cosa sei sicura!

  • Avatar stellina ha detto:

    Ti ringrazio, ma il fatto dell’attrazione fisica non c’è nemmeno adesso, nemmeno l’ultima volta che l’ho vista, ovvero poco tempo fa… Ma continua la mia paura di non poter un giorno realizzare di essere davvero etero e che questo doc si rimanifesti come un’ossessione a cui non darò mai una risposta precisa…

  • Avatar Maria ha detto:

    Sono una ragazza di 17 anni,18 il prossimo mese. Ho il dubbio di avere DOC da due settimane circa. Se vi va di leggerla,spiego un pò dall’inizio. Da quando sono piccola sono sempre stata molto legata con una mia ex amica,nel senso che se stava con altre mi dava fastidio e dopo 9 anni di amicizia mi ha buttato,senza nessun motivo preciso. L’ho superato ma ancora vedendola porto tanto rancore che mi hanno fatto pensare all’essere lesbica a volte. I ragazzi mi sono piaciuti,molto. Quindi non ho mai badato a questo più di tanto e sono andata avanti anche se il dubbio veniva qualche volta. Fino a due settimanr fa circa,quando ho iniziato a pensare di essere lesbica perché non c’è nessun ragazzo che mi piace al momento. Certo,ci sono ragazzi che mi attraggono ma niente di più. Comunque,mi sono fissata che mi piaccia la mia migliore amica,con lei sono stata sempre gelosa,quando si è fidanzata,non ci sono rimasta male quando si è lasciata ma ho sempre pensato fosse per invidia dato che non ho mai avuto un ragazzo,mai dato un bacio. Ogni volta che una mia amica mi diceva che si è baciata o che tizio le ha mandato la richiesta,mi dava un fastidio terribile. Ma non ho mai pensato cose tipo “ci starei con quella”. Mi sono sempre focalizzata sui ragazzi. Dicevo,dopo aver letto questo blog ho attribuito tutto al DOC e quindi tutte le giornate disastrate a piangere,non dormire,non mangiare sono finite. Il problema è che mentre all’inizio vedere tutte le ragazze mi faceva paura,adesso l’unica di cui ho paura è la mia migliore amica,ho paura di guardarla,di stare sola con lei,di uscire sola con lei,di messaggiare con lei,per paura che mi possa davvero piacere e che quella del doc sia tutta una scusa dato che la psicologa non me l’ha diagosticata. Ha detto che è solo “fissazione”. Quando mi sveglio la mattina il primo pensiero è la paura di quello che proverò guardandola a scuola,non sento colpetti o cose così,solo della terribile ansia. Ho sempre evitato di guardare film con lesbiche per paura,anche se non ho niente contro loro. I miei sanno tutto e dicono che sia solo un diavoletto che mi mette cose in testa che non sono. Io ho anche pensato a fare “cose” con questa mia amica ma non sono mai riuscita a finire per paura che mi piacessero. Provo a guardare i ragazzi,ma è come se fossi completamente svuotata di qualsiasi emozione avessi prima. Aggiungo anche che sonk stata sempre una ragazza ansiosa e con bassissima autostima. Ci sono anche comportamenti di questa mia amica che mi danno un fastidio terribile,perché tutti cercano sempre lei,nessuno mai me ed infatti attribuivo tutto all’invidia. Ma ora non so,sono confusa,non riesco a guardarla neanche più in faccia. Sono arrivata anchr a sperare che sia doc,perché non voglio questo per la mia vita. Scusate se mi sono dilungata,spero leggiate con attenzione e mi rispondiate. Grazie di tutto

    • Avatar stellina ha detto:

      Cara Maria, penso che tu a questa tua amica ci sei solo affezionata, non innamorata in quel senso lì, dato che hai detto di pensare che la tua sia invidia perché lei ha trovato un ragazzo e tu ancora no. Se sei terrorizzata dall’idea di essere lesbica e provi tanta paura solo a pensarlo, significa che in realtà non lo sei… Hai solo 17 anni e sei ancora in una fase di transizione, è normale che tu a volte ti senta confusa e ti prendano delle crisi d’identità.
      Ora io non sono una psicologa, ma ti dico che siamo tutti esseri umani e che nel nostro cammino non finiremo mai di imparare a conoscere al meglio noi stessi, non esisterà mai un’età in cui avremmo certezze assolute sulla nostra personalità.
      Quel che ti posso dire per aiutarti a far chiarezza è che se tu non sei mai stata attratta fisicamente da questa tua amica, come con nessun’altra persona del tuo stesso sesso e non penseresti mai di fare cose con lei come farebbe un gay dichiarato, allora non ne sei innamorata, semplicemente tu vuoi accanto a te solo una figura femminile con cui confrontarti, da prendere a modello come giusto esempio e poter arrivare a capire bene anche te stessa… Vivi al meglio la tua vita e quando pensi a queste cose, distogli il tuo pensiero su assurde fissazioni e solo così potrai andare avanti serenamente.

    • Avatar ENRICO ha detto:

      non aver paura, ragazza, è D.O.C. originale, non sei affatto lesbica…ti sei risposta da sola, parlando dell insicurezza etc…vai tranquilla…se fossi lesbica le fantasie con uina donna ti causerebbero piacere ed eccitazione e non angoscia…vivi serena, e presto troverai un ragazzo che ti farà battere il cuoricino…

  • Avatar Maria ha detto:

    Ciao stellina. Intanto grazie per avermi risposto. Il problema è che in questo momento sono confusa,non mi sembra di ricordare di aver provato attrazione per una ragazza. Cioè,ogni volta che ci pensavo mi dicevo subito dopo “non sono lesbica,non mi piace nessuna ragazza” e tutto finiva là. Con questa mia amica abbiamo un rapporto davvero stretto,andiamo in classe insieme da almeno 8 anni e siamo migliori amiche da 7,messaggiamo in continuazione e siamo sempre in contatto,ma mai mi è passata per la mente una cosa del genere. Fino a due settimane fà,ho provato a pensare a cosa proverei se la baciassi o cose così ma non la trovo una cosa naturale,al solo pensiero mi prendo per stupida e non vado avanti,anche se,lo ammetto,per paura che possa piacermi. Ho passato due settimane di inferno,non ho chiuso occhio,i battiti accellerati e pianto in continuazione,perché mi dicevo “io non voglio,io non ce la faccio,non posso accettare anche questo”. Ho passato un adolescenza bruttissima e,come ho detto prima,con ansia per ogni stupidaggine. Ma nel mio futuro ho sempre visto me,con figli e marito. Non voglio che questo mio sogno vada in frantumi,non lo sopporterei…

  • Avatar stellina ha detto:

    Semplice. A te le donne non piacciono.
    Un gay tale e quale si sarebbe già messo l’animo in pace da quel dì, pienamente consapevole del fatto di esserlo e di avere voglie nei confronti dello stesso sesso, ma poiché la tua paura ti ossessiona, hai la prova che non sei lesbica e ti disgusterebbe il solo fatto di avere rapporti sessuali con una ragazza e non lo faresti nemmeno se qualcuno ti costringesse.
    Purtroppo io ho avuto la mia prima volta di manifestazione di doc solo tre anni fa a 26 anni, non mi era mai successo prima e circa un mese fa mi è ripreso un forte attacco d’ansia, sempre per lo stesso motivo, dovuto al fatto che al momento non ho avuto storie serie con ragazzi, ma poi mi sono calmata, ripetendomi che non posso esserlo, perché mi disgusterebbe una cosa simile, consolandomi sul fatto di non aver mai provato attrazione fisica nei confronti di nessuna mia amica, che frequento tutt’ora e mai ho avuto tendenze simili… Spero non si rimanifesti più (toccando ferro)…
    Perciò cerca di stare calma, magari frequenta pure un corso di yoga, fa molto bene e attenua pensieri assurdi…

  • Avatar Maria ha detto:

    Intanto ti ringrazio tantissimo. Spero che non ti ricapiti nuovamente,non è bello. Io ho sempre avuto paura di questo. Dopo aver letto questo blog due giorni fa mi sono tranquillizzata,ma il problema è quando vado a scuola e c’è la mia amica,purtroppo. Devo riuscire a fermare questa ansia. D’altronde io,prima di tutto questo,ho sempre fatto film mentali con i ragazzi prima di addormentarmi,mai e dico mai con una ragazza. Purtroppo è una cosa che devo superare,spero di farcela,dato che vorrei passare il giorno del mio 18ettesimo tranquilla. GRAZIE ANCORA TANTISSIMO!

  • Avatar Angel ha detto:

    Ciao Lucio,
    Innanzitutto grazie mille, davvero non so come farei se non avessi il tuo manuale ed i tuoi articoli.
    Ho 40 anni e da 4 anni vivo con l’indecisione di essere omosessuale. La mia vita è diventata un inferno, il mio cuore ed il mio cervello stanno perennemente sotto pressione e, a questo punto, davvero non so più cosa fare.
    Inizia tutto una notte. Era un periodo di forte stress, problemi al lavoro, problemi con mia ragazza con cui mi ero lasciato e problemi in generale di autostima, mi portarono a fare una vita di eccessi per almeno un anno, fatta di alcool a più non posso, droghe e locali. Ero sempre sballato. Il rapporto con questa ragazza finì, probabilmente perché non ne ero realmente innamorato e non mi soddisfaceva o semplicemente perché la mia ricerca ossessiva della donna perfetta, dopo 4 anni di rapporto, mi aveva detto che potevo avere di più. Sì perché ero e sono un perfezionista a livelli mostruosi, ansiogeni…la ricerca della simmetria e della perfezione fanno parte della mia vita in maniera preponderante. Comunque finisce con questa ragazza perché il mio rapporto non cresce a causa delle mie insicurezze ed io mi sento rifiutato ed iniziò a sentire come se qualcosa non vada in me. Non ero mai felice, mi sembrava sempre di ricercare qualcosa in continuazione, sempre di più…. Le ragazze non erano mai abbastanza belle, trovavo sempre un motivo per non farmele piacere. Quando le trovavo non riuscivo ad innamorarmi perché pensavo che non erano perfette, non ero soddisfatto. Insomma un casino….
    La fatidica notte, strafatto in un locale con un mio amico andiamo in un locale e conosciamo due ragazze(niente di che) con le quali questo mio amico comincia a provarci ed una notata la mia indifferenza mi fa”mica sarai gay”… Ed io per un attimo ho esitato perché nella mia testa il pensiero è stato questo:”forse non trovò una ragazza perché sono gay…forse non sono felice perché sono gay…forse la mia ansia è perché sono gay… Forse sono gay!”. Le dissi di no, ma la cosa mi scosse. Da quel momento inizia il mio INCUBO. La mattina seguente mi sveglio in preda al panico con una sensazione di stretta allo stomaco, mi alzo, corro a vomitare, una crisi di panico totale, le lacrime, lo stomaco chiuso,il dolore lancinante ed un terribile dubbio…sono gay! Corro su internet e comincio ossessivamente a cercare risposte alla mia domanda è trovo forum, gente che scopre di essere gay a 40 anni dopo aver condotto per una vita programmi di interesse culturale sulla televisione di stato, persone che rinnegano una vita da etero…insomma di tutto. Da qui, il crollo totale. Per un mese intero non dormo la notte e piango, attacchi di ansia che mi portano a svegliarmi nel cuore della notte con la sensazione di soffocare e la depressione…fortissima, devastante. Finisco dallo psicoterapeuta che mi diagnostica un disturbo ossessivo a tratti psicotico, per le allucinazioni, che ora ho capito si chiamano immagini intrusive.
    La mia vita a questo punto è tra lo psicologo e la rimuginazione. Ho rivisitato tutta la mia vita in chiave gay, ho trovato tantissimi episodi dubbi, che mi tarlano il cervello ed ancora non supero:
    – da piccolo oltre ken, mi feci regalare anche una barbie che vestivo per farla stare insieme a lui, che mi sembrava solo
    – da piccolo guardavo anche cartoni un po’ da femmina e più sensibili, anche se preferivo quelli più violenti
    – da bambino ero una persona sensibile, molto, tanto che spesso giocavo anche con delle amichette.
    – all’asilo per giocare con un mio amico, facendoci la lingua, ci toccammo con le lingue e la cosa mi schifò, ma ora credo di averlo fatto a posta
    – da bambino ero timido, molto e sensibile, ed ora penso che sia stato perché fossi gay
    – da adolescente, ero innamorato di una ragazzina che mi rifiuto per anni, poi quando volle lei me, mi vendicai rifiutandola, oggi credo di averlo fatto perché gay

    Insomma, ad ogni mio comportamento, do una spiegazione in chiave omosessuale.
    Continuò con la psicoterapia, mi imbottiscono di farmaci e la testa si ferma per un annetto, poi, la fine della storia con la mia nuova ragazza, mi fa ricrollare in maniera devastante nell’ansia. E di nuovo punto e a capo, sempre più forte… Come se fosse un ciclo.
    Continuò la terapia e miglioro sono a smettere i farmaci, fino a quando sto un po’ meglio…. Ma ora ci sono dentro di nuovo, come non mai, nel baratro più profondo della mia vita.
    Le insicurezze al lavoro, la paura di non essere all’altezza della vita e quant’altro mi rendono debole e nella mia testa la spiegazione è:”sei gay!”
    Ho passato una vita intera a masturbarmi ossessivamente su materiale pornografico ed oggi, proprio questo è diventata una ossessione…continui rituali, vedo prima porno omosessuali per capire se mi piacciano ma poi deluso torno a quelli etero.
    Fatto sta che ora la stretta allo stomaco è devastante di giorno e di notte, ma la cosa che più mi distrugge sono i sogni. Questi, sono il motivo per cui ti scrivo. Possibile che io continui a fare dei sogni dove sono presenti dei gay, sempre! C’è sempre qualche indizio, qualche allusione, qualche segnale, che alla mattina mi fa svegliare con questa ossessione. Possibile che dopo una vita di sogni porno etero, ora nei miei sogni ci siano solo gay, sempre?
    Questo ora mi distrugge perché nella mia testa oramai il concetto è semplice: nei sogni si fa largo ciò che consciamente censuriamo…cioè la mia omosessualità.
    È normale a tuo avviso che i miei sogni siano invasi dal mio Doc, dalle mie ossessioni o sono semplicemente dei segnali che devo cogliere?
    Tu, ci sei passato, ne sei uscito, ma questo, sinceramente, ti è mai successo?
    Spero tu mi risponda….

    Un abbraccio

    • Avatar Edoardo ha detto:

      È passato un anno , chissà magari non rispondi. Però voglio dirtelo. Sta capitando anche a me. Continui sogni e pgni mattima mi alzo subito con il dubbio e con quel “peso” di dire sono omossessuale , devo accettarlo, e cosi inizio la giornata fino alla sera..

  • Avatar ely ha detto:

    Salve a tutti, purtroppo anch’io ho sofferto di DOC, quasi per un anno, due anni fa per l’esattezza…
    Fin da quando ero ragazzina, ho sempre avuto cotte per ragazzi, ora che ho 27 anni al momento non ho mai avuto una relazione seria…
    Sono sempre stata convinta di essere attratta dai ragazzi, ma a volte ho paura che delle amicizie femminili che tutt’ora frequento mi possa scattare una sorta di pseudo-innamoramento, nonostante mai nella mia vita e nemmeno tutt’ora abbia mai provato attrazione fisica nei confronti di nessuna donna e la sola idea di rapporti omo mi disgusterebbe, non vorrei mai essere così…
    Per intenderci, io vorrei il mio futuro a fianco di un uomo che amo, sogno una famiglia mia e dei figli, ma ho avuto tante volte questi stati d’ansia e di forte tensione, nel timore di poter essere lesbica…
    Qualcuno può aiutarmi? Grazie!

  • Avatar lapolli ha detto:

    ciao Lucio,
    il mio è un appello affinchè tu possa presto tornare a gestire il blog che senza il tuo contributo sta diventando una fucina di compulsioni e rassicurazioni… I tuoi articoli sono stati preziosi per me e mi piacerebbe continuare a leggerti… ora invece questo fiume di appelli e richieste di rassicurazione mi spaventa! Ti prego, torna!

    • Avatar Alex ha detto:

      Ciao ragazzi sn un ragazzo di 25 anni in puberta cn due amichetti prima precedentemente cn uno poi cn l altro mi ricordo di avere avuto delle specie di rapporti uno perche facevamo uno sport karting insieme quindi in hotel dormivamo assieme lui in comincio a toccarmi una volta poi mi incomincio a fare un rapporto orale provo a farmelo fare a me le stesse cose ma io ci honprovato ricordo il disgusto subito poi oer provare l orgasmo immaginavo donne e cn l altro amichetto prima ma lo facevo solo per soddisfarmi perché il rapporto orale mi piaceva è ricordo pure a quei tempi di masturbarmi cn i il video tossic di britnea spears passate queste cose o sempre avuto relazioni cn donne anzi impazzivo per le donne senza dar molto peso a queste cose che sn accadute dopo di che a 19 anni conosco la mua attuale ragazza ogni tanto gli dicevo scherzando e ridendo e se fossi ghey sara capitato in 7 anni 5 6 volte o sofferto pure tono dell umore depresso ansia attacchi di panico è via dicendo in cura col mio attuale psicologo ne sn uscito il cuel periodo la mia storia si interrompe ma poi va tutto bene torniamo insieme dopo 3 mesi circa dopo li inizia un oeriodo bellissimo arriva poi al punto che inizio a dare il lavoro che faccio adesso lavorare ka notte dalle 2 di notte alle12 di matt all interno di un bar che faccio fatica ad accettare poi un due tre mesi fa tradisco ka mia ragazza cn quasi una parente lontana e sto quasi per lasciare la mia ragazza e da li incomincia ossessione nn e possibile che nn amo claufia mi guardavonla foto delka mia raga angoscia ansia da li gyando sto quasi per sconfiggere quest ansia in chiesa mentre facevo una preghiera che si chuana oreghiera delka salvezza il mio cervello sputa fuori allora sei ghey e da li l inferno sto make provo angoscia ogni ragszzo che vedo mi sembra di eccittarmi o oaura a srare da solo cn i miei amici troppa ansia la mia psicologa quando gli ho detto di pensare di essere ghey si e messa a ridere perche cn lei oarlavo del mio tradimento io nn voglio essere ghey ne trans perché a volte mi viene pure stu pensiero nn riedco a guardarmi allo specchio perché mi e stata spiegata una scena di un film che uscito ora che oarla del primo trans nella vita è sto male io voglio vivere felice cn ka mia ragazza sposarmi e svere dei figli dei nipoti sto male perfavore ally lucio aiutatemi vorrei avere il tuo ebook ma nn melo scarica che devo fare

  • Avatar Alex ha detto:

    Vi prego aiutatemiiii

  • Avatar Alex ha detto:

    Vi prego ally lucio

  • Avatar Anonimo ha detto:

    Salve ho 19 anni e soffro da questo disturbo d ansia un po sin da quando ero piccola mi sono sempre venute queste paure e come se provavo qualcosa sotto ma io distoglievo sempre il pensiero mi sono sempre piaciuti ragazzi appena i ragazzi mi guardavano io uscivo pazza mi piacevano subito sono fidanzata da 4 anni con un ragazzo e soffro di questo tipo di ansia ormai da 8 mesi all inizio piangevo mi disperavo non capivo,pensavo di essermi infatuata di una ragazza che nemmeno conoscevo, tutte le ragazze che vedo mi smuovono qualcosa sotto come se fosse una cosa naturale invece i maschi mi succede come se mi sforzassi ad accettirmi e siccome mi sforzo non provo chissà chi e vado nel panico più totale da un paio di giorni mi succede come se mi sono rassegnata come se sono sicura del fatto di essere gay ma io non voglio! Non voglio lasciare il mio ragazzo non voglio fare una figura di merda dicendogli a lui che sono così non voglio dirglielo alla gente e ciò mi fa pensare di esserlo realmente perché se ho paura delle persone vuol dire che lo sono ma non l accetto vi prego aiutatemi non so cosa fare

  • Avatar Franco ha detto:

    Riscrivo dopo nove mesi su questo fantastico blog
    Fatta TBS. Ottima, mi ha dato strumenti, capito che è doc, non mi ha tolto ansia, mi ha tolto in parte, gli evitamenti
    Innamoramento e successiva delusione con donna impegnata.. Mazzata che non ci voleva
    Meditazione.. Strumento interessante, purtroppo ho mollato un po negli ultimi tempi..
    Lucio, spero tornerai presto, sto meglio, sono più consapevole, anche grazie a te e il tuo blog..
    Ma la solitudine.. Quella non riesco a farla fuori.. L’ansia e la paura sono sempre la base del mio vivere..
    Ally mi piacerebbe parlare un pò con te..
    Fabio, 49 anni mi pare.. Storia simile alla mia età pure.. Come stai tu ora?

  • Avatar Anonimo ha detto:

    Salve. Vorrei esprimere il mio parere sull’articolo, non tanto per queo che riguarda il disturbo DOC, ma le considerazioni sulla percezione che ha di sé un gay “vero” come me. Perché purtroppo non é sempre vero che un gay si acfetti per come è e che le sue angosce siano diano da far risalire solo a considerazioni di carattere sociale e vadano scemando col tempo. Io ho quasi mezzo secolo di vita, eppure ancora oggi non riesco ad accettare quella che considero una malattia, a dispetto del politically correct imoerante e nauseante che pret3nde di considerare normale ciò che non lo è. Sia chiaro, non ho mai avuto il minimo dubbio sul mio orientamento sessuale, faccio tanto sesso e mi piace, ma è un piacere perverso, è come bere: beviamo non per scelta ma perché noh ne possiamo fare a meno. Ma Dio solo sa cosa non darei per poter un giorno assumere la cura che mi faccia guarire da questa malattia. Di quel che pensa la società con tutto il dovuto rispetto me ne sbatto. Non sono felice perché IO non mi piaccio così. IO vorrei avere una vita normale, IO vorrei sposarmi e farmi una famiglia, IO vorrei avere l’amore di una donna che, solo, riempie un uomo facendolo sentire Vero Uomo: ma tutto ciò mi è negato, solo perché la mia natura, che non ho scelto, me lo impedisce. Quindi per favore, non dipingete noi gay come persone felici del proprio modo di essere, solo, talvolta, ossessionate dal pensiero comune, ma in pace con se stessi, perché spesso NON È COSÌ

  • Avatar Anonima ha detto:

    Ho seriamente bisogno di aiuto. Ragazzi, sto impazzendo davvero! Parto dal presupposto che dovrò scrivere tanto e che cercherò di spiegare al meglio cosa mi prende. Non credo che qualcuno risponderà, ma voglio provarci lo stesso. Sono immersa nel doc (sempre se di questo si tratta) da un paio di mesi. Ora, non sto qui a scrivere la storia della mia vita, ma preciso solo alcune cose. Sono una ragazza molto insicura di sé stessa, poco aperta e che fatica a dire la sua opinione. Da bambina non ero affatto così, lo sono diventata per colpa delle prese in giro e delle delusioni subite alle elementari e alle medie. Sono sempre stata quel tipo di persona che sogna l’amore, una famiglia, come nelle favole che leggevo da bambina. Che fantasticava su un possibile incontro con l’uomo della sua vita. Non mi è mai passato nell’anticamera del cervello di poter stare con una ragazza prima di avere il doc. Ogni persona del mio stesso sesso che ho conosciuto dalla mia infanzia fino ad adesso è sempre stata solo frutto di spunto, ammirazione, invidia o amicizia. Non credo di aver mai provato attrazione per una donna, ne di aver mai pensato di poter avere una storia d’amore con lei. Però ultimamente non sono più sicura di nulla.
    Ho diciassette anni, diciotto tra due mesi. Dopo una storia travagliata e ricca di sofferenza con il mio ex, ma comunque l’unica storia in cui io sia certa di poter dire di essere stata innamorata, la mia vita ha subito un declino non indifferente. Avevo quindici anni, e quando mi ha lasciato ero da sola poiché le mie amiche uscivano in quattro coi loro rispettivi ragazzi ed io non sapevo dove andare a sbattere la testa. Ero sola, non avevo con chi sfogarmi, soffrivo come un cane. Nella mia sofferenza, ho finito per isolarmi completamente per non sentire il dolore. Non so se qualcuno di voi sa cosa sia il roleplay, interpretare un personaggio di un opera esistente (telefilm, film, cartoni, anime, manga) attraverso un social network. Ecco, mi sono completamente isolata in un mondo virtuale per vivere “un’altra” vita e ho anestetizzato così il mio dolore. Ho provato a riprendere in mano la mia vita qualche mese più tardi, grazie all’aiuto di un ragazzo che già conoscevo, e ad altre amiche che ho rintracciato dopo anni che non ci sentivamo. Purtroppo però lo stesso ragazzo che mi ha aiutato mi ha poi rivelato di essere innamorato di me. Ansia, panico, stress: non sapevo seriamente cosa provavo per lui. Lì sono iniziate le mie crisi d’ansia, tra la paura di perderlo e il deluderlo dopo tutto quello che aveva fatto per me. Alla fine ho provato a stare con lui, convinta che fosse solo per il fatto che ancora non avevo superato la mia storia passata (erano passati quattro mesi. Quattro.) che non ero completamente entusiasta all’idea di stare con lui. Ho finito solo per peggiorare la situazione… Non mi sono data il tempo di metabolizzare la mia storia passata, ho continuato a chiudermi in me stessa e ad isolarmi senza pensare a niente se non al roleplay, e ho finito per vivere la mia vita a metà. Poi quando mi sono resa conto che non provavo effettivamente per lui quello che avevo provato per il mio ex, l’ho lasciato. Sono seguiti numerosi periodi di ripensamenti, stress, crisi d’ansia, tra l’incertezza di aver fatto la cosa giusta o meno. Dopo un po’, sono stata meglio. Fino ad ora. Ora ho l’impressione che i maschi mi facciano quasi schifo. Non voglio una relazione, ne noto qualcuno di particolarmente attraente camminare per la strada. Nessun ragazzo mi dice niente, è come se volessi stare lontana da tutti loro. Tutto è cominciato quando ho visto questa ragazza e ho pensato che fosse bellissima. Da lì ho detto “com’è possibile che non noti i ragazzi, ma le ragazze sì? Sarò lesbica?” da lì è partito il calvario, che dura tutt’ora a fasi alterne. C’è un lato di me che mi dice che è impossibile che io sia lesbica, dopo quello che ho provato per il mio ex. Preciso, non abbiamo mai avuto rapporti sessuali. Questo non perché non lo volessi, perché cavolo quel ragazzo mi piaceva come mai mi è piaciuto qualcuno in tutta la mia vita! Però avevo quindici anni, non ero ancora pronta. Volevo avvenisse, sì, ma con calma, coi dovuti modi, per gradi e soprattutto senza programmarlo. Ora, questo non vuol dire che io con lui non mi sia mai eccitata, anzi…
    O comunque, la mia fonte di eccitazione e le mie fantasie più segrete sono sempre state a sfondo etero! Perfino nel roleplay faccio sempre la donna perché fare l’uomo mi mette a disagio, visto che dovrei interagire con una donna appunto… Però sebbene io sappia come stanno le cose, non capisco per quale motivo adesso ogni volta che vedo una ragazza mi senta così a disagio. Mi sembra quasi di essere sempre stata omossessuale e di non volerlo ammettere, ma è assurdo essere stata innamorata di un uomo e poi scoprirsi omossessuale! Voglio dire, se lo fossi davvero non avrei provato niente per nessuno, no? Non mi sarei mai vista con un uomo! Non so più cosa pensare, sto impazzendo. Da quando è successo non riesco più a scrivere, ne a fare con la gioia di prima le cose che mi rendevano felice. La sola idea di interagire con un uomo mi mette a disagio, e mi sembra solo di aumentare i miei sospetti di giorno in giorno. A volte penso che dicendo a tutti che sono lesbica tutto questo calvario finirà. Allora ne ho parlato con mia madre (anche troppo) e lei mi ha detto “se anche lo fossi, a me non cambierebbe niente. Resteresti comunque mia figlia.” E io in replica “MA IO NON VOGLIO!” e lei “E perché non vuoi?”
    Per tutto, perché andrebbe contro tutto quello in cui ho sempre sperato e creduto. Perché non riesco nemmeno ad immaginarmi con una ragazza! Insomma, che mia madre mi dicesse questo o meno non è cambiato molto. Dopo un po’ ho ricominciato a complessarmi. Ho anche provato a guardare qualcosa di omossessuale, ma non ho avvertito niente. Ne ribrezzo, ne piacere. Nulla!
    A volte mi calmo e mi tranquillizzo, altre volte non c’è niente da fare.
    Non so più cosa pensare… Ne a cosa aggrapparmi.
    Domani inizio le sedute dalla psicologa.

    • Avatar Antonio ha detto:

      Carissima,
      mi chiamo Antonio e ho 19 anni. Dalla storia che mi hai scritto posso assicurarti che il tuo è DOC. Trovo la conferma nel tuo ” Non voglio esserlo”. Se tu fossi stata omosessuale saresti stata la ragazza più felice del mondo a scoprirlo ora…invece no per te è un calvario. Proprio come te anche io ho sofferto di DOC e mi farebbe davvero piacere aiutarti per spiegarti un Po come funziona ! Fammi sapere , magari posso darti il mio numero e ne parliamo con calma 🙂

      • Avatar Anonima ha detto:

        Antonio, ho visto solo ora la tua risposta. Mi piacerebbe parlarne con qualcuno che ci è già passato per aiutarmi a choarire le idee. Solo che preferirei che parlassimo in un altro modo, per esempio attraverso Kik o facebook! Ti va bene?

  • Avatar Alberto ha detto:

    Grazie Lucio,
    per la chiarezza e per la sicurezza che trasmetti. In particolare mi aiuta quanto hai scritto sui finti movimenti e sulle finte senzazioni che si sentono sul corpo: non avevo ancora trovato persone provare una cosa simile.

    Ho sofferto in alcuni momenti di DOC omosessuale, ma da tempo ho capito che e’ sempre dovuto a meccanismi ansiogeni. Lo so anche grazie al fatto che mi hanno diagnosticato la ciclotimia e garantisco a tutti che la ciclotimia genera un’ansia pazzesca di natura totalmente biologica. Da quando prendo le medicine giuste la mia vita e’ migliorata del 1.000% senza alcun effetto collaterale (a parte qualche chiletto in piu’…).

    Consiglio a tutti vivamente di fare sempre e comunque un’indagine psichiatrica per individuare o escludere eventuali malattie della mente che non siamo in grado di riconoscere da soli (ad esempio bipolarismo o altre forme simili). L’indagine deve essere fatta da dottori esperti che siano in grado di eseguire le corrette batterie di test e che definire la cura (anticipo una domanda clasica e rispondo ” no, non tutti gli psichiatri ti bombardano di medicine; molti sono saggi e indicano psicoterapie o altre cre piu’ soft”)

    Capire la propria biologia e conoscere se stessi e’ una strada per la felicita’.

    Un abbraccio a tutti!

  • Avatar Anonimo ha detto:

    Sono una ragazza di 19 anni e sin da piccola ho sofferto di ansia e panico, ho avuto molte fissazioni nella mia vita come lavarmi in continuazione le mani,paura di avere malattie,paura di morire,paura di amare un uomo più grande di me.
    Tre anni fa ho sofferto 9 mesi di depressione in cui ho pensato molte cose anche il fatto di essere omosessuale.
    La cosa che mi sta uccidendo è proprio il fattore OMOSESSUALITÀ sin da piccola da quando ho scoperto cos era ho avuto paura di esserlo mi sono sempre piaciuti i ragazzi ma con le mie amiche non ho mai voluto aver un rapporto di abbracci ec nella mia vita ci sono stati molti periodi simili di avere questa paura tante volte ma duravano 1 settimana o poco più.
    Mi dava fastidio dare la mano alla mia cuginetta mi dava fastidio che la mia amica mi abbracciava perché avevo paura di provare qualcosa a mare guardavo le ragazze ed è come se mi smuovevano qualcosa sotto mi dava fastidio e me ne dimenticavo subito scacciando quel pensiero, un giorno poi nonostante avevo questi giorni di paura incontro il fratello di un mio amico che era gay e allora dopo tutte queste domande mi faccio quella “ma non è che sono Anch io così”? E da lì è cominciato l inferno pensavo di essermi innamorata di una ragazza di cui conoscevo solo il nome solo perché si era scoperta gay ma in realtà non lo è poi mi è passata ma ora mi sembra di eccitarmi pensando a una qualsiasi ragazza alle foto e avvolte sembra piacermi mia madre mi ha detto che non lo sono di fidarmi di lei perché lei sarebbe la prima ad accorgersene sono fidanzata da 4 anni con un ragazzo di cui non voglio prendere in giro voglio sapere la verità non vivo più ! Spero mi può aiutare…

  • Avatar Antonio ha detto:

    Certo … cercami su Facebook. Antonio Petralia. Ho una foto con una giacca nera.

  • Avatar Anonima ha detto:

    Antonio ti ho cercato e ho visto due persone con la giacca nera… Come faccio a riconoscerti?:’
    Mi chiamo Claudia comunque, nel caso ti arrivi una richiesta con questo nome sono io.(?)

  • Avatar Elena ha detto:

    Ciao lucio, io ho 17 anni e soffro di questo disturbo da un paio di mesi più o meno, volevo sapere se il doc riesce a farti essere un’altra persona. Perchè è come se dentro di me ci fosse qualcun altro e io non sono più me stessa, ce non mi sento più io e vorrei tanto tornare ad essere io con i miei sogni e con tutto ciò che amavo ma il doc ha represso tanto di me

  • Avatar Francesco ha detto:

    Ciao grazie a questo sito sono riuscito a riprendermi un po dal doc, ho distolto i pensieri, ho capito che molte volte non è attrazione fisica ma paura che possa piacere qualcuno del tuo stesso sesso, ho capito che molte volte quando si nota un ragazzo bisogna riconoscere che esso potrebbe essere un bel ragazzo è perché no anche accettare che lo è, il bello è assoluto ragazzi.
    Io sono riuscito ad uscirne chiedendomi a me stesso se un giorno verrebbe un omosessuale e mi chiederebbe di avere una relazione con lui, io principalmente rifiuterei, perché non mi riconosco in lui perché voglio avere una vita con una donna al mio fianco, e continuare il mio divertimento.
    È vero è orribile questo disturbo ma piano piano ho lavorato su me stesso. Anche io come voi mi chiedevo come sarebbe la vita con un altro mio simile e sinceramente la risposta è stata solo una, non riuscirei.
    Stare con le ragazze è bellissimo, abbracciarla, amarla, difenderla. È questo che ho capito! Perché io non voglio esser difeso, non voglio essere dominato, voglio essere una persona che riesca a portare avanti una famiglia.
    lasciate alle spalle tutte le esperienze adolescenziali, qui bisogna crescere, maturare e diventare il meglio di se stessi.
    Non rifugiatevi nelle prove con lo stesso sesso perché sono solo cose inutili anzi raffiora il doc.
    La carne è debole ragazzi, puoi provare e può piacerti perché è sempre una goduria ragazzi, il corpo è attratto dal godimento non da qualche altra cosa.
    Ricordatevi solo una cosa io in 22 anni non minsono mai e poi mai innamorato di un mio stesso simile, ma del sesso opposto.
    Ora ho una ragazza e so di amarla davvero, lei è al corrente di tutto ciò che c’è stato dentro me e nonostante tutto mi ha donato il suo cuore. So di poter anadre avanti con lei e di lasciarmi tutto alle spalle. È vero ci si può ricadere ma quando lo fate leggete questo post.
    In più non guardate film porno di tutti i generi perché non aiutano, anzi diventano un confronto con voi stessi. Tutti noi, soffriamo di bassa autostima, proviamo a farci forza insieme perché solo così possiamo sconfiggerlo del tutto.
    Impegnate la mente, vivete la felicità non pensate a nulla quando state con le vostre ragazze/i
    È stato solo uno sfogo e vorrei condividere con voi il tutto.
    In più vi dico un altro segreto, imparate ad accettare il proprio corpo, modellatelo, fate sì che la sicurezza della vostra personalità derivi dall esterno All interno.

  • Avatar milanese90 ha detto:

    Buongiorno,ho 25 anni e vi ringrazio per eventuali risposte… ho dubbi sulla mia sessualità che mi stanno creando un malessere perché l’omosessualità non è qualcosa che ho mai voluto per me,volevo sapere una cosa,ho sempre avuto un autoerotismo etero,non ho mai sentito o avuto forzature di nessun genere…la domanda è,ma l’autoerotismo è un indicatore sessuale?qualche dottore dice di no ma io Spero e credo di si..mi è capitato in precedenza qualche volta di chiedermi se fossi omosessuale o meno…perché ho sempre notato la bellezza maschile,questo non lo nego..però facevo pensieri romantici sulle ragazze,la questione è diventata insopportabile a causa della cilecca fatta la prima e unica volta che ho provato a fare sesso,poi mi ha lasciato,ricordo pero che quando la baciavo avevo l impulso di baciarla e avevo erezioni…e adesso la cosa che più mi spaventa è che faccio fatica a provare desiderio nelle donne,ne noto i difetti,mi viene più facile trovare di bell aspetto un uomo (desiderio sessuale non direi).. .non ho mai creduto nell omosessualita latente e nemmeno che possa cambiare nel tempo…c è da dire che pensieri sessuali li ho sempre avuti verso le porno attrici-attrici…mentre verso le donne ho sempre avuto nella stragrande maggioranza pensieri più romantici….come posso capire il mio orientamento? Questo mio calo della libido mi spaventa

  • Avatar Michele ha detto:

    Lucio ho bisogno dell’articolo sullla situazione medio-avanzata!! Sono bloccato a metà. Grazie

  • Avatar paco ha detto:

    Salve, ho letto con molta attenzione quest’articolo e vorrei esporre il mio caso. Ho 35 anni, 2 anni fa mentre ero innamoratissimo di una donna, soffrivo tanto del suo passato sessuale. Ero geloso marcio, immaginavo le scene di lei con i suoi ex, fino ad impazzire, ormai era una ossessione. Poi un giorno, mentre ero in paranoia totale, all’improvviso mi sono auto-convinto che ero gay. Il mio cervello esplose, mi sono venuti attacchi di panico, non sapevo più chi ero. Da lì, ho vissuto malissimo anche la mia storia sessuale, era un continuo mettermi alla prova, guardavo tutti gli uomini, una volta mentre facevo sesso con la mia ex, sentivo sta voce che mi prendeva in giro e mi diceva in continuazione che ero gay. Ma non ho mai avuto attrazione fisica verso gli uomini,ho avuto sempre e sole ragazze, ricordo che all’età di 15 anni un gay ci provò con me, ma mi fece schifo e non riuscivo ad avere un’erezione. Quindi se mi sono sempre piaciute le donne e ho avuto conferma che gli uomini non mi piacciono, perchè mi sento questa voce dentro che non va più via??? premetto che quando non sono ansioso, non mi vengono questi pensieri. Ho bisogno d’aiuto…non vivo più. Grazie

  • Avatar Gaia ha detto:

    Buongiorno sono una ragazza di 18 Anni e da qualche settimana ho la paura di essere lesbica. Io sono stata sempre una ragazza un Po timida e riservata quindi non ho avuto rapporti con nessun ragazzo anche se avvolte provavo emezioni per qualcuno. Son stata sempre sicura della mia sessualità. Le ragazze le guardavo sensa problemi . Invece adesso quando guardo una ragazza ho una sensazione strana che non so spiegare bene è come se mi piacesse ma non al 100%. Non so più cosa fare mi sta condizionando in tutto quello che faccio sto sempre male e depressa. Ci sono delle.ie amiche che ho sempre voluto bene che adesso no riesco più a guardarle che mi faccio idee strane.

  • Avatar Gaia ha detto:

    Un altra cosa volevo scrivere, che io non mi sono mai interessata ad argomenti che riguardavano la sessualità o il sesso. Non ho mai guardato pornografia o roba del genere e non mi sono mai eccitata guardando scene del genere sia etero e non.

  • Avatar Franco ha detto:

    La mia terapista ha detto che gay ci si nasce questo mi ha tranquillizzato almeno per un pò…adesso sono di nuovo in crisi…mi sento come uno che lo scopre a 21 anni è normaletutto ciò?

  • Avatar MeStessa ha detto:

    Questo articolo mi ha parzialmente sollevata, perché in effetti anch’io ho sempre pensato di essere etero e ho sempre provato attrazione fisica e sentimentale per uomini. Solo una volta, a 16 anni, mi sono chiesta: “perché non ho ancora trovato un ragazzo?” e da lì sono partiti pensieri ossessivi e una volta mi è pure venuta voglia di baciare una mia compagna di classe (che però di solito ammiravo/invidiavo), ma è finita lì. Ho continuato a invaghirmi spontaneamente di uomini e anni dopo mi sono fidanzata col mio attuale ragazzo, anche se con lui sono spesso alti e bassi. Ora ho 22 anni e, dopo un lungo periodo di stress e vari flop sessuali (non sono riuscita a fare l’amore completo col mio ragazzo), mi chiedo “perché non riesco a fare l’amore fino in fondo con lui?”. Partendo da questa domanda sono ricominciati i pensieri ossessivi, i test continui e l’ansia, fino al punto che non riesco più a lasciarmi andare con il mio ragazzo e mi eccito (per davvero, fino all’orgasmo) immaginando o guardando anche scene pornografiche con belle donne, a volte lesbiche. Però non so, non riesco a vedermi con una donna in un rapporto diverso da quello di amicizia e ho sempre pulsioni romantiche verso uomini (in questo momento, verso il mio ragazzo) e percepisco le mie fantasie omosessuali eccitantissime al momento, ma poi mi sento in conflitto con me stessa. Magari sono bisessuale oppure ho ingigantito fantasie comuni a molte donne, anche etero, facendone una legge. Nel frattempo la mia vita sessuale è paralizzata, amo il mio ragazzo, ma mi eccita anche il corpo femminile. Certo è che, quando l’ossessione mi abbandona, mi sembra di aver ingigantito normali pusioni e di non concentrarmi sul mio vero problema: l’ansia. Ma il dubbio di bisessualità resta…lei che ne pensa?
    Ah, e aggiungo che, sebbene non mi sia stato mai esplicitamente diagnosticato alcun DOC, credo di aver sofferto di tale disturbo in passato (paura di lasciare il gas acceso, paura di non aver studiato bene tutto il necessario, paura di non amare il mio ragazzo abbastanza, paura di voler cambiare madre quando ero piccola…tutto in maniera delirante e ossessiva, ma lucida. Che ansia!). Alle volte preferirei essere lesbica veramente piuttosto che vivere in questo limbo!

  • Avatar Jessica ha detto:

    Ciao Lucio sono una ragazza di 16 anni; è da un mese che ho la paura di essere lesbica.
    Parto dal fatto che ho sempre sofferto di ansia… sono sempre stata presa in giro (anche dalla mia famiglia) di essere un po’ in carne e questo mi aveva provocato tantissime paure. Infatti, da settembre mi sono fissata di perdere chili, tanto che ho iniziato a pesarmi circa tre volte al giorno. Poi un giorno ho guardato una serie TV con due lesbiche e da lì sono iniziate le domande ” e se fossi lesbica?” (Preciso che mi sono sempre piaciuti i maschi, anzi qualche mese prima avevo avuto una relazione dove ho provato le mie prime esperienze preliminari)
    Ne ho parlato sia con i miei genitori, sia con le mie più fidatissime amiche, ma nessuno mi ha presa sul serio. Ho chiesto se mi potessero portare da uno psicologo però i miei genitori non vogliono.
    Ho veramente bisogno di aiuto

  • Avatar Anonimo ha detto:

    Ciao Lucio,
    Da qualche tempo ho avuto pensieri molto disturbanti riguardo la mia sessualità, ho paura, non riesco a vedere le ragazze come le ho sempre viste e da lì ho cominciato a pensare di essere gay.
    Ogni volta che guardo pornografia lesbo, ho erezione ma non lubrificazione e voglia e sento una fortissima frustrazione… Ma ogni volta se penso a maschi ecco che arriva lubrificazione e forte eccitamento, ho paura, paura che la mia sessualità sia cambiata dopo il forte impatto emotivo che ho avuto in seguiti al rifiuto della ragazza di cui ero follemente innamorato. Ho avuto periodi di depressione e, assieme a pensieri (ahimè non pet fare il vittimista) di suicidio, si sono aggiunti pensieri di ipocondria e poi questo… Non ce la faccio più, sono solo mesi che ho questi dubbi, ma mi hanno ricondotto nel vortice della depressione: dormo tutto il pomeriggio, non riesco a dormire ls notte per l’ansia, ho perso ogni entusiasmo per ciò che una volta me lo dava, ho perso ka voglia di attivarmi. Sono tentato di cedereve dire ‘sì, sono gay’, na lo so che non voglio, anche se ho paura che sia solo una mia autoconvinzione. Ho paura di non essere quello che ho sempre desiderato essere.

  • Avatar Mario ha detto:

    Ciao Lucio scrivo dopo un anno di doc.
    Ti volevo ringraziare perché grazie allaf scoperta di questo Blog mi sono sentito sollevato ai tempi, così sollevato che dalla felicità piangevo.
    Volevo lasciare un messaggio per i ragazzi che soffrono di questa cosa.
    Il doc è un distrubo osessivo a tutti gli effetti chi ha una mente osessivo c’è l ha su ogni campo o meglio quasi su ogni cosa sulla sua vita, e questa cosa vi dovrebbe aiutare nel fatto di capire che avete un doc e di non dubitarne. (Non ascoltate la vocina dentro che vi dice di dubitare) qualsiasi sofferenza nasce dal vostro ego influenzato nel corso della vostra vita. Un giorno con tanta forza di volontà prendetevi un po di tempo per voi e fermatevi e pensate riflettete meditate su quello che volete veramente, eliminate l’esterno il mondo internet mamma papà gli amici e ogni cosa che vi è stata messa in testa inconsciamente e guardate dentro di voi, dentro di voi ci siete voi, un essere perfetto che vi aspetta se provate a eliminare il mondo è sentire voi stessi vedrete che avrete bisogno di quello che volete, di capire che voi andate bene già così come siete, che vi dovete amare e amare gli altri, vedrete che le vostre sono solo osessioni e se in questo momento che meditate vi capita quello che è capitato a me ovvero riuscire a capire che si è bloccati nella propria mente e che è tutto dentro la vostra testa, che capite che sono osessioni e che la vita fuori vi aspetta allora avrete fatto un passo avanti.
    L’aiuto psicologico vi può aiutare molto solo se avete fiducia nel psicologo e in voi stessi, se non date fiducia e se non avete forza di volontà di uscirne non avete una possibilità di aiuto da questo ultima.
    Quando state con il/la vostro/a partner e state bene non fatevi domande o se ve le fate lasciatele scorrere, concedetevi all’amore vivete quel momento senza riflessioni, il vostro essere non vi vuole male e se sta provando amore vuol dire che la strada è quella, se vi prendono i pensieri e le osessioni allora quel momento si trasforma in panico , momento ansioso e brutto e questo da voi viene captato come un segnale negativo e credete di non stare bene mentre invece dovete capire che le vostre osessioni e i pensieri automatici vi fanno stare male, non il partner e non voi col partner. Cercate di vivere lasciando scorrere i pensieri. Spero con tutto il cuore che un giorno potrete uscirne e guardare questa cosa alle spalle con orgoglio e fierezza capendo quanto è stato difficile ma quanto siete stati forti voi. Seguite l’amore, non è mai sbagliato.
    E ancora una volta grazie Lucio per aver prestato a me quella piccola luce per farmi strada nel periodo buio! Spero di esservi stato di aiuto e di non aver peggiorato le osessioni. Ciao ragazzi

  • Avatar Massimiliano ha detto:

    Salve a tutti ho 18 anni partendo dal presupposto che ho avuto più di una relazione sessuale con più donne dove stavo benissimo e non avevo alcun dubbio facendomi però alcune domande dall’età di 16/17 (faccio calcio e vedo peni da quando ho 6 anni me ne sarei accorto) , da 6 mesi ad oggi ho l’ossessione di essere gay. Tutto è iniziato ad agosto quando stavo con una ragazza che a me piaceva tantissimo (sono sempre stato uno alla ricerca della donna perfetta da sposare) e un giorno dopo aver passato il pomeriggio con lei vado a una festa con dei miei amici vicino a casa sua, a quella festa bevo e fumo una canna (1/2 tiri ) quando lei mi dice che è lì vicino e allora corro da lei. Seduti su una panchina ci baciamo e parliamo quando mi è sembrato di essere in un sogno e mi è venuta nausea e mentre ci baciavamo non capivo se mi piaceva o no il baciarla e ho iniziato a farmi mille domande quando nella mia testa spaventatissimo è rimbombata la frase “SONO FROCIO” (Scusate il dispregiativo ma è per rendere più reale anche perché è andata così) e sono andato in panico non volevo più toccarla e avevo paura di tutto sono andato via e poi l’ho rivista dopo e gli ho spiegato il motivo per cui ero strano, ci siamo lasciati di lì a poco. Il problema è con l’inizio della scuola ho rivisto un mio compagno di classe che prima di tutto ciò mi stava tremendamente antipatico anche se l’ho sempre ritenuto un bel ragazzo ora però tutto le volte che lo vedo mi viene l’ansia non riesco a non guardarlo e ho paura che non si tratti di DOC, anche se penso che ora è una fissazione ovvero che mi sono puntato su di lui e mi fa questo effetto. Sto andando da una psicologa e mi aiuta il problema è che ora il pensiero di avere una ragazza mi mette l’ansia e ciò mi fa pensare di essere gay (da qui partono le considerazioni sul ragazzo) nei momenti di tranquillità però immagino cose erotiche con donne e mi eccitano, sono stato già con due ragazze: con una ho avuto un rapporto di “mano” e mi è piaciuto con l’altra solo baci ma avevo una voglia matta ora scrivendo tutte queste cose mi sembra assurdo il mio DOC però poi torna ed è devastante (è normale che l’ansia non mi faccia pensare che non riuscirei a vivere in un mondo di gay?)

  • Avatar marta ha detto:

    Salve a tutti. Sono una ragazza di 29 anni che in passato ha avuto cotte solo ed esclusivamente per ragazzi, attratta da loro e mai fantasie su donne. Al momento non ho mai avuto una relazione seria con nessuno, chi in passato voleva provarci constatai che non voleva storie serie con me, ma solo per divertirsi. Quando davo il numero ad alcuni amici maschi nessuno voleva uscire con me e da parte di qualcuno ero stata ferita. Tutta questa DOC (non mi era mai successa prima) è iniziata la prima volta circa tre anni fa quando stavo all’edicola in cui lavoravo, mi sono sentita male, mi presero forti attacchi di panico dovuti a immagini intrusive su alcune mie amiche e conoscenti che tutt’ora frequento, sia della mia città, sia di quelle conosciute all’università. Da lì il baratro: mi prese la paura forte di essere lesbica, non lavoravo più, non stavo al passo coi miei tempi e soprattutto non riuscivo più a provare nessun interesse per ragazzi. A volte questo DOC mi si rimanifesta ora che sono sempre disoccupata e recentemente un ragazzo dell’università ci ha provato con me, dicendomi che voleva solo farlo, voleva appartarsi con me nella sua auto dicendomi tante volgarità, soprattutto sul fatto che sono ancora vergine. Non vivo più nemmeno ora, mi sembra di ripiombare giù nel baratro, vi prego aiutatemi! Rispondetemi al più presto se potete!!

  • Avatar Lui21 ha detto:

    Ciao ragazzi, buongiorno.
    Vi racconto la mia storia. Una storia che da quando è esploso il doc si arricchisce, ogni volta che penso al mio passato , nelle fasi acute d’ansia , di episodi che si incastrano alla perfezione, come un puzzle. Insomma l’ansia stimola la memoria, al punto che arrivo a ricordare episodi della mia primissima infanzia, tutti quei momenti vissuti come traumi, che legandosi tra loro hanno generato la fobia. Devo premettere che solo durante le fasi acute ho questa ‘dote’ di memoria, molti episodi vengono scoperchiati solo dall’ansia. In particolare:
    – il vizio di portare spia delle cose che mia madre o mio padre dicevano agli altri… una volta papà disse :’tu si ricchion’ dopo essersi incazzato per l’ennesima spia riportata a mamma (il ricordo è fatto dall’immagine e dall’angoscia provata a seguito del rimprovero);
    – la tendenza a giocare con le mie cuginette a carte, giudicato da mia nonna paterna con la frase :’ uhh ma allora questo è gay!’, cosa che la sera riportai ai miei genitori, e mio padre si arrabbiò al punto tale che voleva affrontare mia nonna costringendomi ad andare da lei e ripetere tutto, tanto che per paura dissi:’forse stava scherzando…'(ricordo: immagini con conversazioni più angoscia);
    – mia madre che a tavola un giorno parlava di un gay, e io dissi :’perché che fa?’ , e lei mi rispose :’ma perché a mamma a te piacciono gli uomini???’, e io con un’angoscia indescrivibile risposi:’no, ma tengo i tic’.
    A proposito dei tic , quelli che io definii tali erano impulsi che io avevo nei momenti di euforia, e che mi portavano a fare cose sceme. In particolare, nel parco dove vivevo, insieme ai miei amichetti , giocavamo( ricordo proprio un divertimento nel farlo) a metterci uno dietro l’altro e simulare la penetrazione( da vestiti). Io tendevo in quei e altri momenti di euforia/ goliardia con gli amici, e talvolta anche con i cugini o con mia sorella, ad avere atteggiamenti strani: cambio di voce, comportamenti equivoci, stranezze. Accadde tuttavia che un giorno durante la 5a elementare la mia maestra disse una frase che mi generò un brivido: ‘ragazzi queste cose vi guastano, ditele a casa perché certe cose possono deviarvi’. Il mondo mi crollò addosso, e la sera in lacrime raccontai tutto ai miei, con grandissima sofferenza. Seguii un periodo orribile, fatto d’angoscia, depressione, pianti. Mi pentivo di quello che avevo fatto e degli atteggiamenti talvolta assunti. Vergogna angoscia ansia la fecero da padrone. La scoperta della sessualità avvenne un po’ per caso: mia cugina si spoglió davanti a me e io mi eccitai tantissimo, mi piacque talmente tanto che eiaculai. Tuttavia una sensazione di anormalità e stranezza era comunque presente. Non riuscivo a rispondere al modello di uomo che mi stavo costruendo( sicuro, pieno di se) e a quello che credevo gli altri si aspettassero da me, essendo molto insicuro, pauroso. Sebbene la masturbazione fosse solo eterosessuale, il tema omosessualità continuava a spaventarmi, era già una paura in me presente, sebbene non avessi intensione di stare con un uomo. Eppure, da piccolo avevo fatto quelle cose, e avevo ora paura di stare con le ragazze, la sola idea mi mandava nel pallone, il cuore mi arrivava in gola tanto era l’ansia da prestazione. Pertanto c’era una parte di me da nascondere. Stavo alimentando il mio disturbo. Cotte per ragazze si ne ho avute, ma proprio non ce la facevo neanche ad avvicinarmi. Preferivo di gran lunga la masturbazione per soddisfare le esigenze sessuali e mi accontentavo di fantasticare sulle cotte. Ai miei amici non dicevo nulla, anzi cercavo con tutte le forze di nascondere le mie insicurezze. Per questo sceglievo sempre amici ‘complessati’ come me, coi quali si parlasse poco di ragazze, di sesso, argomento che mi suscitava tanta ansia e paura, che mi sforzavo di tenere dentro. Avevo complessi sull’aspetto fisico, e invidiavo i miei amici spavaldi con le ragazze, che ci riuscivano, io invece facevo vincere sempre la paura, salvo poi rimurginarci sopra, e alimentare la sensazione di anormalità. Tuttavia ero ancora piccolo, mi dicevo, e probabilmente da grande le cose sarebbero cambiate, spostavo più avanti nel tempo il momento in cui avrei dovuto affrontare le mie paure e insicurezze, vivendo una vita ovattata, evitando comunque le situazioni ansiogene( legate prevalentemente alla sessualità) o vivendo gli eventi quali feste, vacanze, uscite, sempre con una certa ansia. La mia insicurezza prendeva il sopravvento, e facevo una fatica enorme a contrastarla. In questi anni( siamo sempre alle medie) comparvero le prime ossessioni, in particolare quando mi sfiorava il pensiero che ai miei genitori potesse accadere qualcosa, in maniera intrusiva, mettevo in atto dei rituali bizzarrissimi come pregare un certo numero di volte, fare le corna per terra, pronunciare nella testa frasi scaramantiche. Tali compulsioni me le sono portate dietro per diverso tempo. Andando avanti veloce, fino ai 17 anni, posso dire di aver passato i primi anni di liceo in maniera abbastanza tranquilla, anche se continuavo a scappare dal confronto con l’altro sesso, non riuscivo a sbloccarmi, e l’argomento era per me ormai tabù. Ero riuscito con grandissima sofferenza a baciarmi, con attacchi d’ansia pazzeschi, solo con due ragazze, la seconda delle quali disse anche che non sapevo baciare, aumentando ancor più la mia insicurezza. L’aver rimandato tanto a lungo il confronto con questo timore, non aver mai sfidato la mia insicurezza, mi aveva portato ad avere profonda invidia e anche paura verso quegli amici già belli forti e svezzati, un profondo senso di inadeguatezza, un’autostima sotto i piedi. Cambiavo amicizie continuamente cercando lo ‘sfigato’ di turno che mi facesse sentire meno sfigato nel confronto, ma questo mi atterriva ancor di più. Mentivo sulle mie esperienze sessuali per sentirmi meno inferiore. Tuttavia non avevo più 13 anni, il tempo era passato, ne avevo 17, non potevo più rimandare, l’ansia non me lo permetteva. Una sera d’estate, agosto 2005, con questo stato emotivo a dir poco depresso, mi capitò di osservare un mio amico nelle zone inguinali, e di non riuscire a distogliere lo sguardo. Gli guardavo il pene, e non riuscivo a smettere, e mi salì un’ansia fortissima. Da lì il calvario del doc omosessuale. I sintomi sono tutti ma proprio tutti quelli elencati da voi, con la sola differenza che io passo da fasi acute a fasi quiescenti, senza mai liberarmene. Il doc mi ha portato comunque ad affrontare molte paure, ho avuto anche se a sforzo le mie prime esperienze sessuali, sono stato fidanzato, ho stretto parecchie amicizie. Tuttavia, non mi lascia stare. Mi affligge ancora. Non mi fa vivere nulla a pieno, ne i rapporti con le ragazze ne quelle con i ragazzi. Sempre paure test evitamenti ricerce di rassicurazioni messe alla prova. Con periodi di crisi acute che si alternano con periodi di quiescenza. Ho fatto TCC anche se a fasi alterne( prevalentemente nelle fasi acute), il dottore è sicuro che sia Doc, ma io no. Se ne fossi certo ne sarei uscito già . E invece mi ritrovo ogni volta a dover ricominciare da capo. Questa cosa mi snerva, e non so come fare. In questi periodi di crisi acute, ho ansia generalizzata, non sto bene in nessun posto, fumo come un turco, mi chiudo in me stesso, cerco conforto nei miei, ripercorro la mia vita con dettagli sempre maggiori che magari in altri tempi mi erano sfuggiti. Eppure la terapia l’ho fatta, e anche la cura farmacologica continuo a farla, ma niente, proprio non ne esco. Spero di leggere qualche vostro commento di conforto/confronto. Grazie

  • Avatar Giulia ha detto:

    Lucio aiuto
    Se non fosse doc ma solo una sorta di copertura ? Se fosse solo una non accettazione e io ci trovo gli stessi “sintomi ” nel doc ? Aiuto

  • Avatar alessandro ha detto:

    ciao lucio ho 18 anni e so che è strano, a me questa sensazione è accaduta ieri, sono stato innamorato di una ragazza che avrei fatto follie per lei per 4 mesi e sfortunatamente non ha ricambiato , ovviamente sono entrato in depressione e qualche giorno fa mi sono baciato con la migliore amica mia e abbiamo deciso di metterci insieme perché mi sono sentito a muovere agio e non sentivo assolutamente la mancanza dell altra ragazza.
    solamente che ieri mentre studiavo non so per quale valido motivo ho cominciato a farmi delle domande che fino a un giorno prima non mi sarebbero mai passate per la testa e ho passato una giornata infernale, sono andato in palestra per svagare e un po’ ci sono riuscito ma quando cammino mi sento debole come se fossi più leggero e come se adesso i miei amici li vedo in maniera diversa ma per me questa è una cosa assurda perche non fa parte di me, in due giorni avrò pianto 6-7 volte perché ho paura , ho tanta paura perché non so cosa mi stia capitando e non voglio assolutamente perdere i miei amici per una banalità del genere perché a me sono sempre e dico sempre piaciute le donne, sono quel tipo di “leader” del gruppo che diciamo ci sa fare e che ha avuto presto le sue esperienze sessuali, solamente che sentirmi così ora mi fa pensare di essere debole e sicuramente non un” uomo”.
    ti escono delle domande ma se da un giorno all altro diventassi omosessuale , la mia vita cambierebbe drasticamente, mio padre? mia madre? come glielo direi agli amici miei?
    io spero solo un momento perché ho veramente tanta paura , forse il periodo più brutto e ripeto tanta paura

  • Avatar Anonimo ha detto:

    Salve a tutti , non voglio dilungarmi troppo. Anch’io soffro di questo disturbo , diagnosticato dallo psicologo. Però purtroppo non capisco perché io penso che non sia doc. Ho una ragazza , stiamo insieme dal 1 anno e sei mesi. Andava tutto alla grande, a parte i nostri rapporti sessuali nei quali io avevo sempre ansia. Sin da piccolo avevo paura delle malattie, dei tumori, mille visite. Poi un giorno mi fumai uno spinello e da li per due anni ero
    Convinto di essermi rovinato il cervello. Ora poco prima che partisse la mia ragazza tutto stava andando male , nom sapevo più se mi piaceva,avevo paura che non lho mai amata ecc. poi la domanda. E se sono gay ? Da quel giorno nonnvivo più. Il problema è questo: perché io mi sento omossesuale ? Perché mi sono convinto di questo ? Non ce la
    Faccio più. Aspetta una risposta. Gazie mille. E aggiungerò altro se magari fa piacere ad altri. Anzi penso proprio di sì perché a me fa stra sollievo trovare qualcuno che mi da rassicurazioni con le proprie esperienze!

  • Avatar Edoardo ha detto:

    Anzi sono edoardo, cosi da poter parlare con qualcuno

  • Avatar Anonimo ha detto:

    ciao lucio spero che stai bene

  • Avatar GP ha detto:

    Credo che il passaggio dei 13/14 anni nel commento del ragazzo omosessuale possa turbare chi abbia il DOC (io ci ho dovuto riflettere pesantemente), nel senso; spesso, molto spesso capita che un ragazzo possa venire bullizzato per la sua natura sensibile, e basta poco per cominciare con questo tipo di idee “e se fossi da meno, e se fossi DIVERSO?” nel mio caso è bastato un video musicale a farmi generare il panico e l’insicurezza che è perdurata di base per ben 16 anni, e che fatica a passare. Può essere frainteso, d’altronde siamo o no ossessivi? Un altra cosa: citerei anche il fatto che può portare ulteriore scompiglio: “se sono etero, allora devo cambiare, ho troppa sensibilità in corpo e questo non è bene” unito a “spesso mi identifico emotivamente con persone di sesso opposto, come se provassi le loro sensazioni di frustrazione”.

    Grazie per il supporto. È ammirevole

  • Avatar GP ha detto:

    Ciao Edoardo, credo che il tuo caso descriva a pieno un atteggiamento compulsivo: rileggi il tuo commento: parla di ansia che ha scatenato il dubbio, di Spinelli (le sostanze di questo tipo sono miorilassanti, ti stavi anestetizzando contro i tuoi stessi pensieri), ora riprenditi la tua vita, rilassati, esci, anche se hai dubbi, non hai alternative, affronta e poi torna qui e parlaci dei risultati.

    Un saluto

  • Avatar Anonimo ha detto:

    Salve, sono un ragazzo di 25 anni che ha sempre avuto esperienze eterossesuali, e , molte volte, sono stato richiamato per il mio comportamento troppo virile e scurile, ma… da quasi 1 anno sono innamorato di una ragazza e lei di me, ma lei è stata fidanzata per molto tempo, e ciò mi ha causato molto dolore, e da li si è incarnato insicurezza dentro di me, al punto che una sera mi fece talmente male da portarmi un senso di angoscia dentro di me, e la settimana dopo vedendo una foto dell’ex pensai “è un bel ragazzo più bello di me” e da li incominciai a pensare di essere gay, ed é incominciato il mio calvario… da li non riesco più a uscirne, e sto da 2/3 mesi, distrutto mentalmente e fisicamente, sempre una schifezza , sono arrivato al punto che ormai penso di essere realmente gay ( sembra che non provo attrazione per le donne e e
    Per la mia attuale ragazza, e sembro attratto dagli uomini, ma appena si avvicina la mia ragazza subito mi accendo e mi eccito), e ciò sta distruggendo anche la mia relazione, che sono sempre debole e insicuro, al contrario di una volta che ero forte e sicuro di me… non so come fare vi ringrazio in anticipo per la risposta

  • Avatar Anonimo ha detto:

    Ah.. ci tengo a precisare, che prima che venissi a conoscenza del doc avevo continue crisi… adesso sono in uno stato di inquietudine continua e insicurezza… e il mio cervello mi dice continuamente ” eh… prima era un doc che avevi ansia paura ed ecc, ora non hai nulla e hai ancora attrazione, sei realmente gay allora!!” Inoltre sono arrivato al punto di pensare , ma eterk gay o bisessuale , basta che stia tranquillo… ma il senso di inquietudine non passa… e ho questo chiodo fisso in testa.. che mi priva di vivere normalmente la mia vita..

  • Avatar Anonimo ha detto:

    Sono nella tua stessa situazione non ho piu ansi e i pensieri sono meno però l’attrazione non torna per le ragazze e le ogni tanto ho delle pseudo attrazioni che non sopporto

  • Avatar Anonimo ha detto:

    Esatto, anch’io sono arrivato a quel stadio!! E vado a momenti, non vedo l’ora di farr l’amore con la mia ragazza la desidero, poi puff scompare, e anche le attrazioni provocate dal doc la stessa cosa, compaiono e scompaiono, ma sono a una situazione mooolto migliore rispetto a una settimana fa… Quindi, mi chiedi quando torno ad essere quello che dava del filo da torcere a tutte le ragazze, sempre a 3000 giri che le spaccava ecc ecc😂😂

  • Avatar Anonimo ha detto:

    Io stó messo veramente male te hai qualche consiglio?
    Perché l’attrazione non torna
    E le pseudo eccitazioni mi distruggono

  • Avatar Anonimo ha detto:

    Sinceramente no.. bho vado a momenti … quando non ci penso proprio, quando addirittura mi fa l’ansia che mk sia innamorato di una persona del mio stesso sesso… ma il punto é che faccio l’amore con la mia ragazza, quando stiamo jnsieme, tipo 2 volte al.giorno e non jo problemi tranne che penso spesso ( ma mi piace? Godo? E se mo diventa mollo per mezzo che non mi piace più?) E volte in cui non penso a nulla… bho non ci capisco..

  • Avatar Lion ha detto:

    Dopo 3 anni di quiete sono tornato a stare male.

  • Avatar Salvo ha detto:

    Allora da circa due settimane mi sta prendendo un ansia fortissima….Ho paura di essere gay…Faccio continuamente test su me che bacio le donne e mi sale un ansia e non so se è legata al fatto che abbia paura di non provare piacere o e perché non mi piace…e mi testo anche su svariati porno etero…ah una premessa non sono attratto dagli uomini assolutamente ma ho questa cosa che mi tormenta

  • Avatar Salvo ha detto:

    qualcuno che mi risponda non ce la faccio più vi prego

  • Avatar Marco ha detto:

    Sono diventato gay senza volerlo
    Non só come fare a uscirne
    Non ho piu ansia
    E sento delle voci che mi dicono che devo provare delle belle sensazioni per i pensieri e io le provo
    un virus nella testa mi ha cambiato l’orienta Sessuale e ora sono finito

  • Avatar Daniela ha detto:

    Dico che sei un genio.. grazie

  • Avatar vinci ha detto:

    ciao lucio, cosa intendi per capire i meccanismi del DOC?

  • Avatar Anonimo ha detto:

    Ragazzi dopo un anno ne sono uscito
    A me ha fatto tanto bene provarci con una ragazza
    Per il resto ho semplicemente lasciato perdere i pensieri e ora sto molto meglio

  • Avatar Antony ha detto:

    ciao

    c’è qualcuno esperto in questo caso che mi può aiutare?
    Fin da piccolo mi sono eccitato con le donne , mai avuto un solo dubbio. Nel 2000 vedendo film che parlavano di gay e in particolare di uno dove lui lasciava lei perchè gay mi sono sentito strano. Siccome io non mi sono mai sentito un grande adone, sono semore stato insicuro e con bassa autostima. In quel periodo non ero riuscito a provarci con una che mi piaceva. Allora una notte caldissima di Luglio mi scoppia in testa questa voce: non ci hai provato perchè sei gay….dalla mattina successiva l’ho detto a tutti piangendo. Piangendo e dicendo : oh mi sa che sono diventato così. Ho iniziato i test, vedere se mi piacevano uomo e cosa provavo per donna. E’ stato massacrante anche perchè in quel momento non capisci più nulla. Dopo qualche farmaco ne sono uscito ma non mi sono curato benissimo. Da lì insicurezza pazzesca, ho perso delle occasioni pazzesche. Nel 2007 mi innamoro di mia moglie, tutto bellissimo anche se insicurezza era sempre presente. Ma almeno non ho mai avuto voglia di provare con uomo o altro. Comunque ora siamo sposati ed abbiamo due bellissimi figli. Un mese fa, dopo un periodo di feste un pò esagerate tra aperitivi alcol e sopratutto poco sonno (io ho sempre dormito male nella mia vita) mi esplode una pazzesca gelosia retroattiva sul passato di mia moglie. Cose che ho sempre saputo ma io niente, vedevo mia moglie andare a letto con ex o fare altro con ex. Ero diventato pazzo, con messaggi cattivissimi. Sono andato da psicologo e psichiatra (che ha ritenuto di non darmi niente) ma ho dovuto raccontare la mia storia e io dicevo : attenzione che io sono un debole. Ed infatti un giorno mentre camminavo testa mi dice : ma tu hai fatto sta scenata perchè forse nel 2000 allora eri veramente gay….bene sono ritornato nell’incubo. Cavolo è assurdo ma è così. Io in questi anni ci ho sempre scherzato su sta cosa ed anzi non me ne sono mai vergognato, scherznado anche con persone gay. Sono cresciuto con i ragazzi, ho fatto militare, ho visto in palestra qualche uomo nudo. Se avessi avuto erezione o anche un singolo sentimento avrei dovuto accorgemene. Cioè se uno è così prima o poi si innamora di un uomo, si masturba pensando ad un uomo poi magari si sposa per nascondere ma deve esserci qualcosa. Io niente. Zero. Certo ora guardo più i maschi che le donne e quando guardo ladonna penso….madonna se non potessi più amarla….che confusione pazzesca.

  • >